Glossario degli ingredienti nel cibo per animali domestici

Carni e prodotti animali

Manzo

Manzo

Nel cibo per animali, il manzo può essere usato fresco (manzo fresco, manzo disossato, manzo preparato al momento) o come farina animale (farina di manzo, manzo essiccato, manzo disidratato). Quando il prodotto viene classificato come “manzo”, generalmente si tratta del prodotto fresco.

Nonostante la qualità della carne bovina possa variare da alimento ad alimento, generalmente si tratta di una fonte di proteine altamente appetibile e digeribile per tutti i cani. In passato alcuni produttori di alimenti per animali domestici hanno identificato la carne di manzo come problematica per i cani, ma non ci sono prove evidenti che sia effettivamente così.

Le carni rosse come il manzo, tuttavia, contengono elevati livelli di colesterolo, che dovrebbe essere ridotto al minimo nel caso in cui il vostro cane avesse problemi di salute. Le carni rosse contengono anche livelli elevati di purine ed altri minerali (specialmente nella forma di “farina” che contiene più ossa), da evitare in caso di problemi alle vie urinarie.

Farina di ossa

Farina di ossa

La farina derivante dalle ossa o il midollo possono essere aggiunti ad alcuni cibi per cani come un supplemento naturale di calcio e fosforo. La definizione è molto vaga e l'ingrediente può provenire da qualsiasi animale, dunque se il cane è intollerante a un particolare tipo di carne, la farina di ossa deve essere evitata.

Pollo

Pollo

Nel cibo per animali il pollo può essere utilizzato come carne fresca (pollo fresco, pollo disossato, pollo preparato al momento) o come farina animale (farina di pollo, pollo secco, pollo disidratato). Quando in un alimento si legge un generico “pollo”, di solito ci si riferisce alla forma fresca.

Il pollo è la carne più popolare negli alimenti per cani. È altamente appetibile, poco costoso e fornisce un'eccellente fonte di proteine. Per la maggior parte dei cani il pollo è facile da digerire, ma il suo utilizzo molto diffuso ha procurato un tasso di intolleranza più alto rispetto alle altre carni, quindi se il vostro cane è particolarmente suscettibile a sviluppare intolleranze, il pollo potrebbe non essere la scelta migliore.

Come per tutti i tipi di carne, la qualità del pollo impiegato per la preparazione di alimenti per animali domestici può variare molto da prodotto a prodotto, per tutte le informazioni più specifiche vi consigliamo di contattare direttamente il produttore.

Colostro

Il colostro è una tipologia di latte prodotta dalle ghiandole mammarie da tutti i mammiferi e per tutto il tempo a partire dalla nascita. Per far iniziare la nuova vita di un cucciolo col piede giusto, il colostro è fondamentale perché ricco di anticorpi, vitamine, minerali e aminoacidi. È un importante supplemento sia per gli animali che per gli esseri umani. Il colostro per animali domestici viene raccolto dalle vacche da latte.

Anche se il colostro ha un contenuto di lattosio più basso rispetto al latte, ne contiene comunque, perciò deve essere evitato nel caso in cui il cane fosse intollerante ai latticini.

Latticini

latticini

Anche se il latte è ricco di nutrienti importanti, è altrettanto ricco di lattosio. Come per gli esseri umani, anche nei cani si possono notare difficoltà nella digestione del lattosio e di conseguenza gli alimenti contenenti latticini possono procurare dolori di stomaco, flatulenza, diarrea e anche vomito. Questa condizione è nota come intolleranza al lattosio, elemento presente in quasi tutti i prodotti lattiero-caseari tra i quali si contano formaggi, yogurt, panna, siero di latte e anche il gelato.

Se il vostro cane ha uno stomaco particolarmente sensibile, è sempre meglio evitare la somministrazione di prodotti lattiero-caseari.

Tessuto animale lavorato

Il tessuto animale lavorato viene ampiamente utilizzato per rendere più gustoso il cibo per cani. Si ottiene dalla ripartizione del tessuto animale attraverso l'idrolisi chimica o enzimatica e in alcuni casi viene indicato come idrolizzato.

Il tessuto animale lavorato è un ingrediente molto discusso soprattutto per il modo in cui viene ottenuto. Il processo di idrolisi chimica/enzimatica è molto distante dall'idea di naturale e dunque risulta essere estremamente criticato dalle persone che sostengono l'alimentazione naturale. Di solito è piuttosto oscuro anche il tipo di animale dal quale deriva il tessuto animale lavorato. Dove sia presente, consigliamo di effettuare delle ricerche più approfondite sia per quanto riguarda l'animale dal quale proviene, sia per quanto riguarda la parte animale da cui è ricavato (per esempio “tessuto animale lavorato dal fegato di pollo”, piuttosto che un generico “tessuto animale lavorato”).

E' importante sapere che non tutti i produttori di cibo per animali dichiarano la presenza del tessuto animale lavorato nei cibi prodotti. Per avere chiarimenti più specifici, è opportuno contattare direttamente il produttore e porgli le dovute domande.

Anatra

Anatra

Nel cibo per animali, l'anatra può essere usata fresca (anatra fresca, anatra disossata, anatra preparata al momento) o in forma di farina di carne (farina di anatra, anatra essiccata, anatra disidratata). Quando il prodotto viene classificato come “anatra”, generalmente si tratta del prodotto fresco.

La carne di anatra rappresenta un'ottima fonte di proteine dalle altissime qualità. È facile da digerire per i cani ed è anche molto appetibile. È inoltre un'importante fonte di vitamina A e B3 e contiene molti minerali.

Come per tutte le carni, la qualità dell'anatra impiegata negli alimenti per animali domestici può variare da produttore a produttore. Per maggiori informazioni vi consigliamo di rivolgervi direttamente al produttore.

Uova

Uova

Le uova sono un'ottima risorsa economica per proteine di buona qualità, grassi, minerali e micronutrienti. Uno dei grassi più comuni che contengono è il colesterolo, che dovrebbe essere ridotto al minimo se il cane soffre di pressione alta o nel caso in cui avesse problemi di natura cardiaca.

Carne Fresca

Carne fresca

La carne fresca è una fonte di proteine estremamente nutriente e gustosa per tutti i cani. Di solito consiste in interiora animali (organi interni e tessuti connettivi), gli scarti della carne destinata al consumo per l'uomo. Nonostante non sia la prima cosa che viene in mente quando si parla di carni fresche, rimane comunque un ingrediente di ottima qualità ed è, dopo tutto, un alimento assolutamente naturale per cani.

La carne fresca viene particolarmente utilizzata nella produzione dell'umido e sta divenendo sempre più impiegata anche per la preparazione degli alimenti secchi. Quando si confrontano i contenuti a base di carne negli alimenti secchi, è importante ricordare che, poiché le carni fresche contengono circa il 70% di acqua (rispetto all'8% di quelli a base di farina di carne) hanno proprietà nutritive molto meno concentrate e risultano molto più richieste dall'animale. Per esempio, per poter fornire gli stessi livelli di proteine e grassi del 20% di farina animale presente nel cibo secco, servirebbe il 72% di carne fresca.

Proteine animali idrolizzate

Le proteine animali idrolizzate sono proteine suddivise nei loro singoli blocchi di aminoacidi costituenti. Queste molecole sono talmente piccole da non essere riconosciute dal sistema immunitario del cane e, quindi, non possono innescare una reazione allergica. Per questo motivo le proteine idrolizzate sono molto indicate per i cani portati a sviluppare allergie.

Questo ingrediente non viene visto di buon occhio: per prima cosa, il processo di idrolisi impiega l'utilizzo di acidi o azioni enzimatiche, fortemente criticati dai sostenitori dell'alimentazione naturale. In secondo luogo, durante la decomposizione delle proteine può formarsi del glutammato monosodico (MSG). L'MSG è classificato come additivo alimentare e aromatizzante e, nell'uomo, risulta collegato allo sviluppo di dipendenze alimentari. Purtroppo, però, quando viene aggiunto agli alimenti in questo modo, non deve essere dichiarato per legge.

Infine, un altro problema con le proteine animali idrolizzate è che non c'è modo di sapere da che parti animali provengano.

Agnello

Agnello

Nel cibo per animali, l'agnello può essere usato come carne fresca (agnello fresco, agnello disossato, agnello preparato al momento) o come farina di carne (farina di agnello, agnello secco, agnello disidratato). Quando il prodotto è classificato soltanto come “agnello”, di solito si tratta del prodotto fresco.

L'agnello è un'ottima fonte di carne per i cani, altamente appetibile e facilmente digeribile.

Le carni rosse come l'agnello, però, contengono elevati tassi di grassi trans e colesterolo, il quale dovrebbe essere ridotto al minimo nel caso in cui il cane avesse problemi di salute. Le carni rosse contengono anche elevate dosi di purine e altri minerali (soprattutto nella forma “farina” a causa del contenuto più elevato di ossa), da evitare per cani con problemi alle vie urinarie.

Come per tutte le carni, la qualità dell'agnello utilizzato negli alimenti per animali domestici si differenzia da prodotto a prodotto, per maggiori dettagli vi consigliamo di rivolgervi direttamente al produttore.

Fegato

Fegato

Le proprietà nutrizionali del fegato variano da specie a specie, ma generalmente viene riconosciuto come un alimento ricco di nutrienti, estremamente buono per i cani. È ricco di vitamina B12, di vitamina A, di rame, acido folico, riboflavina e selenio, inoltre contiene ottimi livelli di zinco, di vitamine C, B5 e B6, di proteine, niacina, fosforo e ferro. È facile da digerire ed è molto appetitoso.

Carni e derivati

Secondo la normativa europea, carni e derivati sta per tutte le parti carnose di animali terrestri a sangue caldo macellati freschi o conservati con un trattamento adeguato, e tutti i prodotti e derivati dal trattamento della carcassa o delle parti di carcassa di animale terrestri a sangue caldo.

Chiaramente ciò dà libera interpretazione e non fornisce alcun indizio certo sugli animali o le parti di animali utilizzate.

In presenza di questo ingrediente, non occorre allarmarsi nonostante dia la possibilità di includere nella definizione tutte le carni, dalle migliori alle peggiori. In alcuni casi, però, alcuni produttori usano un termine generale come questo, per celare la propria formula segreta, la dicitura include comunque ottime carni anche negli alimenti importati, che, magari, provengono da paesi con leggi differenti. Del resto, però, il termine può essere utilizzato per prodotti animali molto scarsi sia dal punto di vista qualitativo che nutrizionale. Inoltre, se la specie di provenienza non viene indicata, i produttori possono cambiare la fonte di carne tra diversi lotti di cibo, a seconda di ciò che hanno disponibile al momento.

Il problema con i termini così vaghi è che non si hanno mai certezze. Quando si trova tra gli ingredienti di un alimento è sempre meglio accertarsi che sia specificata anche la specie animale di provenienza e, ancora meglio, la parte specifica. Se il cane è incline a sviluppare intolleranze, è sicuramente meglio tenere le distanze da prodotti che contengono la dicitura carni e derivati e da tutti gli altri ingredienti non specificati.

Farina di carne macinata

La farina di carne macinata è generalmente composta da carni (comprese le frattaglie, i tessuti connettivi, in alcuni casi ossa, ecc) riscaldate ad alta pressione fino all'evaporazione quasi totale dell'acqua. Il risultato è una polvere molto fine, secca, utilizzata principalmente nella produzione di cibo secco per cani in Italia. Di solito viene indicato con a fianco l'origine animale – per esempio “farina di pollo”, “farina d'agnello”, ecc... oppure occasionalmente come “farina di carne di pollo”.

La farina di carne dovrebbe essere priva di peli, setole, piume, corna, zoccoli e dei contenuti dello stomaco o delle visceri.

Poiché la farina di carne ha solo il 5-7 % di acqua, risulta essere molto più nutriente rispetto alla carne fresca che ne contiene, all'incirca, il 70%. Per questo motivo è necessario dare pochi alimenti con farina di carne al cane – per esempio il 20% di carne fresca è pari a circa il 6,5% di farina di carne. Questa è una considerazione importante quando si confronta il contenuto di carne nel cibo secco per cani.

Se l'animale d'origine non è specificato, il termine generico “farina di carne” può indicare una provenienza da qualsiasi animale. Molto spesso questa dicitura generica viene utilizzata dai produttori di cibi per animali, proprio per non dover nominare ogni singolo ingrediente sia perché tendenti a modificare spesso la ricetta, sia per non rischiare di perdere clienti dimostrando l'uso di prodotti scadenti.

Maiale

Maiale

Nel cibo per animali, la carne di maiale può essere utilizzata come carne fresca (maiale fresco, carne di maiale disossata, carne di maiale preparata al momento) o come farina di carne (farina di maiale, carne di maiale essiccata, carne di maiale disidratata). Quando il prodotto viene indicato con un generico “maiale”, di solito si tratta della carne fresca.

Nonostante il maiale fosse un tempo considerato problematico per l'alimentazione del cane, ormai è stato ampiamente riconosciuto come un'ottima fonte di carne, altamente appetibile. Tuttavia, raramente si trova tra gli ingredienti, per questo viene considerato ancora come una nuova proteina per cani. Questo semplifica le cose nel caso in cui si avessero cani a rischio di allergia, in quanto non sarebbe possibile essere allergici a un alimento al quale il cane non è mai stato esposto.

La carne di maiale, come per la maggior parte delle carni di mammifero, contiene livelli piuttosto elevati di purine e minerali (specialmente nella forma di “farina” a causa del contenuto maggiore di ossa), da evitare per cani con problemi alle vie urinarie.

La carne di maiale cruda comporta un rischio maggiore di infezione da parassiti per la maggior parte dei cani, per cui è sempre meglio cuocere la carne ed evitare di somministrarla cruda. Il cibo secco, quello umido e tutti gli altri tipi di alimenti per cani messi in commercio sono sempre liberi dai parassiti.

Pollame

Pollame

Nel cibo per animali, il pollame può essere impiegato come carne fresca (carne fresca di pollame, carne di pollame disossato, carne di pollame preparato al momento) o come farina di carne (farina di pollame, carne di pollame secca, carne di pollame disidratata). Quando il prodotto viene classificato semplicemente come “pollame” di solito si tratta di carne fresca.

Come gruppo alimentare il pollame offre una buona fonte di proteine a un costo relativamente basso ed è anche molto appetibile. La categoria comprende qualsiasi volatile domestico, come pollo, tacchino o anatra.

Poiché il termine “pollame” non indica la specie di provenienza, la dicitura non viene vista di buon occhio dai nutrizionisti canini. Termini ambigui come “pollame” permettono al produttore di cambiare la ricetta da lotto a lotto e rendono difficile l'identificazione di alimenti per chi possiede un cane con inclinazioni alle intolleranze alimentari.

Come per tutte le carni, la qualità del pollame utilizzato negli alimenti per cani può cambiare da produttore a produttore, per maggiori dettagli si consiglia di rivolgersi direttamente all'azienda produttrice.

Grasso di pollame

I cani, come tutti gli altri animali, hanno bisogno di grassi per sopravvivere e, come i carnivori, si adattano meglio ai grassi di origine animale.

Generalmente, i grassi animali derivano dalla sotto produzione delle farine di carne. Quando la carne viene riscaldata, i grassi fondono e vengono di conseguenza drenati via. Il risultato è una polvere farinosa di carne secca a basso contenuto di grassi, per questo motivo molti produttori aggiungono il grasso per risanare i livelli.

Ai cani, inoltre, piace molto il gusto dato dal grasso, dunque per i produttori è allettante poter aggiungere un po' più grassi di quanto sia strettamente necessario, per poter rendere più appetibile il proprio cibo. Purtroppo, come ben sappiamo, troppo grasso può causare problemi di vario genere, quindi se si nota che il cane inizia a ingrassare, è bene considerare la scelta di alimenti a basso contenuto di grassi.

Nonostante la dicitura “grassi animali” sia peggiore, anche “grasso di pollame” risulta essere particolarmente vago, poiché ci si potrebbe riferire a qualsiasi grassi di qualsiasi volatile, come pollo, tacchino o anatra. Il produttore può quindi scegliere di alterare la ricetta da lotto a lotto, a seconda di ciò che più gli conviene sul momento. Come sempre, si consiglia di scegliere prodotti con indicata la provenienza dei grassi in maniera evidente.

Coniglio

Coniglio

Nel cibo per animali, il coniglio può essere utilizzato come carne fresca (coniglio fresco, coniglio disossato, coniglio preparato sul momento) o come farina di carne (farina di coniglio, coniglio secco, coniglio disidratato). Quando il prodotto viene classificato semplicemente come “coniglio”, di solito si tratta di carne fresca.

Nonostante, come per tutte le carni, la qualità del coniglio utilizzato negli alimenti per cani può variare, generalmente si tratta di un'eccellente fonte di carne per cani. È una fonte di proteine ricchissima, altamente digeribile e bio-appropriata, ovvero vicina alla dieta naturale canina.

La carne di coniglio viene utilizzata di rado negli alimenti per cani per cui si tratta di una nuova proteina per molti animali. Questo può rendere la carne a base di coniglio adatta ai cani allergici o a rischio di allergie, in quanto è impossibile essere allergici a un alimento al quale non si è mai stati esposti.

I conigli utilizzati per la preparazione di alimenti per cani possono essere d'allevamento o catturati in natura.

Oli e grassi animali specifici

I cani, come tutti gli animali, hanno bisogno di grassi per sopravvivere e come i carnivori si adattano meglio ai grassi di origine animale. I grassi animali specifici (quelli in cui viene evidenziata la specie animale, per esempio grasso di pollo, olio d'anatra, ecc) sono particolarmente validi, in quanto garantiscono che la ricetta rimanga invariata da lotto a lotto.

Generalmente, i grassi animali derivano dalla sotto produzione delle farine di carne. Quando la carne viene riscaldata, i grassi fondono e vengono di conseguenza drenati via. Il risultato è una polvere farinosa di carne secca a basso contenuto di grassi, per questo motivo molti produttori aggiungono il grasso per risanare i livelli.

Ai cani, inoltre, piace molto il gusto dato dal grasso, dunque per i produttori è allettante poter aggiungere un po' più grassi di quanto sia strettamente necessario, per poter rendere più appetibile il proprio cibo. Purtroppo, come ben sappiamo, troppo grasso può causare problemi di vario genere, quindi se si nota che il cane inizia a ingrassare, è bene considerare la scelta di alimenti a basso contenuto di grassi.

Trippa

Trippa

Nel cibo per animali, la trippa può essere utilizzata nella sua forma fresca (trippa fresca, trippa preparata al momento) o come farina animale (farina di trippa, trippa secca, trippa disidratata). Quando il prodotto viene indicato con un generico “trippa”, di solito si tratta di trippa fresca.

La trippa è lo stomaco dei ruminanti – di solito viene ricavata dalle mucche, ma anche da pecore, capre, maiali e cervi. È molto nutriente e facile da digerire, è ricca di proteine e grassi ed è un'ottima fonte di oli essenziali.

La “trippa verde” è trippa non pulita, sbiancata o elaborata. È unica poiché contiene elevati livelli di probiotici, tra i quali si contano batteri ed enzimi digestivi che possono beneficiare al cane.

Come per tutte le carni, la qualità della trippa utilizzata negli alimenti per animali domestici può variare da prodotto a prodotto, si consiglia di contattare direttamente il produttore per ogni chiarimento.

Tacchino

Tacchino

Nel cibo per animali, il tacchino può essere usato come carne fresca (tacchino fresco, tacchino disossato, tacchino preparato al momento) o come farina di carne (farina di tacchino, tacchino secco, tacchino disidratato). Quando il prodotto è classificato soltanto come “tacchino”, di solito si tratta del prodotto fresco.

Il tacchino è facile da digerire, molto appetitoso ed è un'ottima fonte di proteine. Ha meno calorie del pollo quindi viene utilizzato molto nelle diete dimagranti e in quelle per cani anziani.

Come per tutte le carni, la qualità della carne di tacchino utilizzata nel cibo per animali varia da prodotto a prodotto, per qualsiasi dettaglio in più vi consigliamo di contattare direttamente il produttore.

Oli e grassi animali non specifici

I cani, come tutti gli animali, hanno bisogno di grassi per sopravvivere e come i carnivori si adattano meglio ai grassi di origine animale. I grassi animali specifici (quelli in cui viene evidenziata la specie animale, per esempio grasso di pollo, olio d'anatra, ecc) sono particolarmente validi, in quanto garantiscono che la ricetta rimanga invariata da lotto a lotto.

Generalmente, i grassi animali derivano dalla sotto produzione delle farine di carne. Quando la carne viene riscaldata, i grassi fondono e vengono di conseguenza drenati via. Il risultato è una polvere farinosa di carne secca a basso contenuto di grassi, per questo motivo molti produttori aggiungono il grasso per risanare i livelli.

Ai cani, inoltre, piace molto il gusto dato dal grasso, dunque per i produttori è allettante poter aggiungere un po' più grassi di quanto sia strettamente necessario, per poter rendere più appetibile il proprio cibo. Purtroppo, come ben sappiamo, troppo grasso può causare problemi di vario genere, quindi se si nota che il cane inizia a ingrassare, è bene considerare la scelta di alimenti a basso contenuto di grassi.

Il problema, con termini ambigui come “grassi di origine animale” o “olio animale” è che possono riferirsi a qualsiasi grasso di qualsiasi animale e parte di esso. Ciò permette al produttore di alterare la ricetta tra lotti a seconda dei prodotti più economici del momento. Come in ogni caso, consigliamo di scegliere prodotti che mettano in chiaro la provenienza degli oli e dei grassi animali.

Cervo

Cervo

Nel cibo per animali, la carne di cervo può essere utilizzata come carne fresca (cervo fresco, cervo disossato, cervo preparato al momento) o come farina (farina di cervo, cervo secco, cervo disidratato). Quando il prodotto riporta un generico “cervo”, di solito si tratta di carne fresca.

La carne di cervo è un termine generico per indicare la selvaggina. La maggior parte della carne di cervo utilizzata per gli alimenti per animali domestici proviene dalla Nuova Zelanda, ma, a causa di un calo globale, la carne di cervo è salita di prezzo e rappresenta una delle opzioni più costose che si possano trovare negli alimenti per cani.

Anche se la qualità della carne di cervo utilizzato negli alimenti per cani può variare da prodotto a prodotto, generalmente viene considerata come una fonte di carne molto appetibile e altamente digeribile per i cani, inoltre, a differenza della maggior parte delle carni, fornisce un'ottima quantità di vitamina B.

Le carni rosse, come la carne di cervo, contiene comunque elevati livelli di grassi trans e di colesterolo, che dovrebbe essere ridotto al minimo nel caso in cui il cane avesse problemi di salute. Le carni rosse contengono anche elevati tassi di purine e altri minerali (specialmente nella forma di “farina” che presenta una maggiore quantità di ossa), da evitare nei cani con problemi alle vie urinarie.

Pesce e crostacei

Crostacei

Crostacei

I crostacei (gamberetti, granchi, ecc) sono la fonte più popolare per il supplemento di glucosamina presente nel guscio. A volte vengo aggiunti agli alimenti per cani e indicati solo come “crostacei” o la glucosamina può essere estratta per idrolisi, pertanto apparirà tra gli ingredienti come “glucosamina”, “solfato di glucosamina” o “crostacei idrolizzati”.

Pesci e derivati

Pesci e derivati

La CE definisce “pesci e derivati” come pesci o parte di pesci, freschi o preservati tramite appropriato trattamento, e derivati dal trattamento.

Nonostante un termine generale come questo sia molto criticato, è necessario ricordare che non per forza la loro presenza comporta ingredienti di scarsa qualità. La dicitura può essere utilizzata per non rivelare la formula segreta di una ricetta o perché, nel caso di prodotti importati, nel paese di produzione le leggi sono differenti. Ovviamente il termine può essere utilizzato per nascondere l'utilizzo di prodotti di bassissima qualità tra i quali se ne trovano alcuni bassi anche a livello nutrizionale. Inoltre, non essendo specificato il tipo di pesce, i produttori possono cambiare la formula da lotto a lotto a seconda di ciò che è più conveniente al momento.

Essendo impossibile sapere a cosa si riferisca la dicitura “pesci e derivati”, vi consigliamo di evitare prodotti che abbiano questa voce tra gli ingredienti. Questo è importante soprattutto se il cane tende a sviluppare intolleranze alimentari, eliminare gli alimenti o gli ingredienti dalla sua dieta è impossibile se non si sa esattamente con cosa lo stiamo nutrendo.

Farina di pesce

Farina pesce

La farina di pesce è un'eccellente fonte di proteine ed è altamente digeribile dai cani. È una polvere formata dai resti sia del pesce intero che delle ossa e delle frattaglie lavorate. La farina di pesce ha generalmente un odore forte che i cani amano, ma che spesso i padroni non sopportano.

La farina di pesce estratta da pesci grassi (a differenza del coregone) contiene anche dosi abbondanti di olio di pesce e acidi grassi tra cui omega-3 e omega-6, nonché molte vitamine e altri micronutrienti.

Olio di pesce

Olio di pesce

L'olio di pesce deriva dalla lavorazione del pesce azzurro, come tonno, sardine, salmone e sgombro. Oltre a dare energie, contiene anche molti essenziali come omega-3 e omega-6, benefici per la salute del cane. Gli oli di pesce sono raccomandati per la prevenzione e il trattamento di molte condizioni di salute, tra cui problemi articolari, malattie della pelle, malattie cardiovascolari e anche per il cancro. L'olio di pesce è ricco di molte vitamine tra cui la A, la B3 e la D.

Pesce fresco

Pesce fresco

Il pesce fresco è una fonte proteica altamente nutriente e appetibile per i cani. Può essere costituito da qualsiasi parte di qualsiasi pesce, ma generalmente si tratta di scarti derivati dalla carne destinata al consumo umano, come visceri macinati e aggiunti al cibo. Tutti i pesci, ma soprattutto quelli grassi come tonno, sgombro, aringhe e salmone, contengono olio di pesce, ad alto contenuto di oli essenziali come l'omega-3.

Il pesce fresco è ampiamente utilizzato negli alimenti per cani, soprattutto per la preparazione del cibo umido, ma sta diventando sempre più presente anche tra i cibi secchi. Quando si confrontano i contenuti di pesce tra gli alimenti secchi, bisogna ricordare che il pesce fresco contiene circa il 70% di acqua (la farina di pesce ne ha appena l'8%), è dunque nutrizionalmente meno concentrato e il cane tenderà a richiedere con più frequenza il cibo. Per fornire gli stessi livelli di proteine e grassi del 20% contenuto nella farina di pesce, l'equivalente in pesce fresco sarebbe del 72%.

Cozze

Cozze

Le cozze contengono molte sostanze nutritive, ma a renderle uniche è la combinazione di omega-3. Questi oli, generalmente chiamati estratti di cozza, sono riconosciuti per il loro effetto antinfiammatorio e sono raccomandati per alleviare il dolore nei cani che soffrono di artrite.

Grani

Orzo

Orzo

L'orzo è comunemente utilizzato nel cibo per cani in una varietà di forme. Una volta cucinato è altamente digeribile ed è una fonte abbondante di fibre e micronutrienti, tra cui il selenio e il rame. L'orzo integrale è la forma migliore, poiché conserva la maggioranza delle sue sostanze nutritive.

Per l'uomo, il glutine contenuto nell'orzo è un ingrediente problematico per i celiaci, dunque se state cercando del cibo senza glutine è meglio evitare orzo e frumento.

Cereali

Cereali

Il termine generico “cereali” può riferirsi a qualsiasi cereale tra cui grano, riso, avena, orzo, mais, ecc.

Anche se il termine “cereali” è molto criticato, bisogna sottolineare che non necessariamente indica la presenza di prodotti di scarsa qualità, dato che li può comprendere tutti, dai migliori ai peggiori. La dicitura può essere utilizzata per non rivelare la formula segreta di una ricetta o perché, nel caso di prodotti importati, nel paese di produzione le leggi sono differenti. Ovviamente il termine può essere utilizzato per nascondere l'utilizzo di prodotti di bassissima qualità tra i quali se ne trovano alcuni bassi anche a livello nutrizionale. Inoltre, non essendo specificato il tipo di grano, i produttori possono cambiare la formula da lotto a lotto a seconda di ciò che è più conveniente al momento.

Mais

Mais

Il mais è molto utilizzato negli alimenti secchi per cani come alternativa a riso, avena e orzo. Di tutti i grani utilizzati è tra i più criticati e apprezzati in egual misura.

Va detto, però, che ci sono molti più sostenitori del mais all'interno del settore alimentare per animali. I sostenitori dichiarano, giustamente, che il mais ha ottime qualità, è una fonte di carboidrati con un profilo nutrizionale pari a quello di avena e orzo.

Chi invece lo critica come ingrediente sostiene che i cani faticano a digerirlo e che, di conseguenza, l'ingrediente può provocare allergie o intolleranze alimentari molto frequentemente. Molti nutrizionisti canini e alcuni veterinari raccomandano di evitare completamente diete a base di mais.

Germi di granturco

Come il germe di grano e il germe di riso, il germe del mais è la parte del grano che cresce nella nuova pianta. Rispetto al granturco intero, il germe è molto piccolo e costituisce solo il 10% del peso totale, ma contiene la maggior parte dei nutrienti non carboidrati del grano e un livello molto elevato di omega-6 essenziali e altri oli sani e insaturi, oltre a una buona dose di vitamina E, A e K.

Molti nutrizionisti canini ritengono che i carboidrati del mais sono più difficili da digerire rispetto a quelli degli altri cereali dunque è più probabile che siano causa di intolleranze alimentari. Il germe di granturco, del resto, non comprende nessun tipo di endosperma amidaceo (fonte di quasi tutti i carboidrati e del glutine presente nel grano), cosa che rende più improbabile una reazione allergica.

Glutine di Mais

Il glutine di mais (talvolta chiamato farina di glutine di granturco, glutine di mais o farina di prateria) è un sottoprodotto della lavorazione del granturco e può essere utilizzato per rendere migliori i livelli proteici di alimenti top per cani, solitamente come alternativa alle proteine della carne. Purtroppo la proteina contenuta nel glutine di mais, per i cani, non è facile da digerire al pari di quella contenuta nella carne, di conseguenza può portare a problemi di salute, quali dermatiti e iperattività. Per questo motivo è consigliabile evitare il glutine di mais, soprattutto per i cani particolarmente delicati.

Miglio

Miglio

Il miglio è un cereale relativamente semplice da digerire per i cani, ricco di vitamine del gruppo B, di ferro e potassio. Il miglio non contiene glutine quindi è una scelta ottima per diete ipoallergeniche.

Avena

Avena

L'avena è molto utilizzata negli alimenti per cani, in quanto un'ottima fonte di fibre naturali, nonché di un'altra serie di micronutrienti come manganese, selenio, vitamina B1, magnesio e fosforo. Una volta cotti, sono facili da digerire per i cani.

Riso integrale

Riso integrale

Il riso può avere molte forme, dal chicco lungo della varietà basmati a quello più corto del riso perla o del riso arborio. Le caratteristiche nutrizionali della maggior parte delle varianti di riso sono molto simili e possono essere trovate insieme, sia nella forma integrale che in quella bianca lucida.

Il riso marrone (noto anche come integrale) è considerato comunemente come un super-cibo per gli esseri umani, se ben cotto è facile da digerire anche per i cani. Contiene una serie di sostanze nutrienti naturali, tra cui vitamina B, ferro, manganese, selenio, magnesio e omega-3. È anche un'ottima fonte di fibre alimentari, importanti per mantenere sana la salute intestinale. È il tipo di riso più scelto dai produttori britannici di cibo naturale per cani.

Riso bianco

Riso bianco

Il riso può avere molte forme, dal chicco lungo della varietà basmati a quello più corto del riso perla o del riso arborio. Le caratteristiche nutrizionali della maggior parte delle varianti di riso sono molto simili e possono essere trovate insieme, sia nella forma integrale che in quella bianca lucida.

Il riso bianco è semplice riso integrale lucidato, dal quale è stata tolta la crusca, il germe e lo strato esterno di aleurone. Sfortunatamente queste parti contengono la maggioranza delle sostanze nutritive del cereale e, una volta rimosso, il riso che ne rimane è quasi totalmente amido.

Sulla lista degli ingredienti, il riso bianco è spesso indicato semplicemente come “riso”. In genere, a meno che non venga specificato che il riso utilizzato è integrale, solitamente si può ritenere lecitamente che il riso utilizzato sia quello bianco.

Crusca di riso

Crusca di riso

Per ottenere il riso bianco, vengono rimossi gli strati più esterni del chicco compresa la crusca di riso. Senza la parte bianca amidacea del riso, la crusca di riso è incredibilmente nutriente, con molte vitamine come B1, B2 e B6, ferro, manganese, selenio, magnesio, omega-3 e antiossidanti naturali. La crusca di riso è un'ottima fonte di fibre di altissima qualità, importante per la salute dell'apparato digerente.

Germe di riso

Germe di riso

Prima del trattamento, i chicchi di riso sono costituiti da quattro parti: il guscio esterno duro, il seme interno o pericarpo, l'endosperma amidoso (che costituisce il riso bianco) e l'embrione o germe. Il germe è una parte abbastanza inconsistente del cereale, rappresenta solo il 2% del totale, è un minuscolo germoglio che cresce in una nuova pianta di riso sfruttando l'endosperma come fonte di cibo.

Nonostante le sue piccole dimensioni, il germe di riso contiene un'elevata percentuale di vitamine ed è molto ricco di vitamine del gruppo B, in particolare di tiamina.

La crusca di riso è costituita dal pericarpo e dal germe.

Segale

Segale

La segale è un grano di alta qualità con un profilo nutrizionale simile a quello dell'orzo. Si tratta di uno dei cereali più ricchi di glutine (gli altri sono il grano e l'orzo), che lo rendono inadatto a cani celiaci o con intolleranze al glutine. Come per tutti i cereali, la segale è migliore nella sua forma integrale poiché preserva la maggioranza delle sue sostanze nutritive.

Saggina

Saggina

La saggina è un'erba e il suo grano viene molto utilizzato negli alimenti per cani come alternativa ai cereali più tradizionali. La saggina ha un alto contenuto di amido e ha un profilo nutrizionale simile a quello del mais. Insieme al mais, risulta inferiore rispetto ai cereali di qualità superiore come riso, avena e orzo. A differenza del mais, però, la saggina non contiene glutine, per cui è molto consigliata per cani inclini a intolleranze alimentari.

Farro

Farro

Il farro è un'antica varietà del grano, coltivata dall'uomo sin dall'età del bronzo. Fornisce una gamma molto ampia di sostanze nutritive rispetto al grano tenero ed è un'ottima fonte di vitamine del gruppo B, magnesio e di fibre. Probabilmente grazie alla sua longevità all'interno della vita dell'uomo e del cane, molti cani e persone intolleranti al grano sembrano non avere problemi col farro. Il farro, tuttavia, contiene glutine di frumento, quindi non deve essere dato a cani celiaci.

Proteine del farro

Il farro è un'antica varietà di grano, coltivata dall'uomo sin dall'età del bronzo. Contiene circa il 17% di proteine e una vasta gamma di aminoacidi, per questo motivo la proteina isolata del farro viene talvolta utilizzata per aumentare il contenuto proteico di un alimento. Probabilmente grazie alla sua longevità all'interno della vita dell'uomo e del cane, molti cani e persone intolleranti al grano sembrano non avere problemi col farro. Il farro, tuttavia, contiene glutine di frumento, quindi non deve essere dato a cani celiaci. Come al solito, si consiglia di rimanere fedeli ad alimenti con una buona dose di proteine della carne poiché, dalla nostra esperienza, le proteine vegetali e quelle del grano possono essere più difficili da digerire per i cani.

Grano

Grano

Il grano è un ingrediente comune in molti alimenti secchi, di qualità inferiore, per cani perché è economico e ottimo da utilizzare per realizzare biscotti e croccantini. È, tuttavia, regolarmente collegato all'intolleranza alimentare nei cani, cosa che lo rende un ingrediente molto criticato.

Nei cani intolleranti al grano (chiamati anche celiaci), la proteina del glutine contenuto nel cereale danneggia il rivestimento dell'intestino tenue e impedisce l'assorbimento di componenti di alimenti importanti per la salute. L'intolleranza al grano può portare a problemi più grandi di salute, che comunemente interessano la pelle, il manto e l'apparato digerente.

Foraggio

Anche se dare una definizione stretta è piuttosto complicato, “foraggio” è un termine generico utilizzato per indicare il grano che non soddisfa gli standard necessari per il consumo umano. È adatto, dunque, solo per l'alimentazione animale, di solito per animali da allevamento come cavalli, mucche e maiali.

Dal momento che il grano è ampiamente considerato come ingrediente problematico per i cani, ed essendo questo in particolare un alimento poco buono, il foraggio è sicuramente da evitare.

Germe di grano

Germe di grano

Come per il germe di mais e di riso, anche quello di grano è la parte che andrà a costituire la nascita della nuova pianta. Relativamente al grano intero, il germe è talmente piccolo da costituire solo il 3% del peso totale, ma contiene la maggior parte dei nutrienti non carboidrati del grano, oltre a un elevato livello di acidi grassi essenziali e oli saturi, con molte vitamine del gruppo B, vitamina E, fosforo, zinco e magnesio.

I carboidrati presenti nel grano sono i più difficili da digerire per i cani, rispetto a quelli degli altri cereali, e rendono più probabile lo sviluppo di un'intolleranza alimentare. Il germe di grano, del resto, non comprende endosperma amidaceo (la fonte di quasi tutto il glutine e dei carboidrati dei cereali), il che lo rende meno probabile come causa di un'allergia.

Verdure e prodotti derivati

Erba medica/Lucerna

Erba medica

L'erba medica (o Lucerna) fa parte dei legumi ed è cugina del trifoglio, dei piselli e dei fagioli e, a seconda di quanto è presente in un alimento, può essere più o meno buona.

Nella sua forma intera, l'erba medica è considerata un ottimo cibo per gli esseri umani e, in piccole quantità, può essere molto utile per i nostri cani. È un'ottima fonte naturale di tutta una serie di sostanze nutritive come vitamine e minerali – in particolare ferro, magnesio, manganese, vitamina A, C, E, vitamina B e fibre.

Poiché l'erba medica contiene anche un'alta percentuale di proteine, può essere utilizzata in grandi quantità come integratore proteico. Dal momento che i cani digeriscono generalmente molto meglio le proteine derivate dalla carne rispetto a quelle vegetali, è meglio prediligere sempre per le prime.

Come regola generale, se l'erba medica è indicata nella metà superiore della lista degli ingredienti, probabilmente rappresenterà una fonte di proteine economica, pertanto sarà meglio evitare. Se si trova nella metà inferiore, probabilmente sarà presente, invece, in piccole quantità e sarà in grado di fornire micronutrienti importanti che non dovranno preoccupare.

Erba d'orzo

Erba orzo

L'erba d'orzo è ricavata dalle foglie della pianta dell'orzo ed è sempre più popolare come supplemento salutare sia per gli uomini che per i cani. Contiene una vasta gamma di sostanze nutritive ed è spesso indicata come antiossidante e antinfiammatorio. Come l'erba d'avena e di grano, quella di orzo non contiene le proteine talvolta problematiche, presenti, invece, nei chicchi d'orzo, quindi può essere somministrata anche ai cani celiaci.

Carote

Carote

Le carote sono ottime fonti di vitamina A (utile per mantenere la salute degli occhi) e molti minerali, fibre solubili e antiossidanti naturali. Una volta cotte le carote sono relativamente semplici da digerire per i cani.

Cicoria

Cicoria

La cicoria è una pianta con fiori blu che cresce spontaneamente in Europa e nel Nord America. Diverse forme sono coltivate per le foglie e i bulbi ma generalmente, nel cibo per cani, si trovano le radici.

La radice di cicoria è ricca di zuccheri semplici e di inulina polisaccaride. Gli studi dimostrano che l'inulina può essere benefica per l'intestino, per questo motivo è sempre più popolare come prebiotico e come fonte di fibra alimentare solubile. L'inulina è anche abbastanza dolce, perciò viene utilizzata come insaporitore.

L'inulina spesso viene estratta dalla radice di cicoria e può essere presente, tra gli ingredienti, come estratto di cicoria, estratto di radice di cicoria o, occasionalmente, come sciroppo di cicoria.

È dimostrato dagli studi che alcuni degli oli naturali contenuti nella cicoria aiutano a debellare i parassiti intestinali nel cane.

Derivati di origine vegetale

La definizione di “derivati di origine vegetale” è la seguente: derivati provenienti dal trattamento di prodotti vegetali, in particolare cereali, ortaggi, legumi e semi oleosi. Possono riferirsi a una gamma ampia di ingredienti, dai migliori ai peggiori.

Anche se la dicitura “derivati di origine vegetale” non si riferisce strettamente a prodotti di cattiva qualità, non è mai una certezza. Questa formula generica permette, inoltre, ai produttori di cambiare la formula della ricetta da lotto a lotto a seconda della convenienza dei vegetali disponibili al momento.

Poiché è impossibile sapere con certezza a cosa si riferiscano i “derivati di origine vegetale”, è sempre meglio procedere con cautela nella scelta degli alimenti. Ciò è importante, in particolar modo, se il cane presenta intolleranze alimentari non ancora identificate poiché rende difficile eliminare l'ingrediente con esattezza, non essendo possibile sapere con cosa lo stiamo alimentando.

Aglio

Aglio

Come molti proprietari di cani sanno, grandi dosi di aglio possono essere pericolose per i cani, motivo per cui questo alimento è stato omesso dagli alimenti per cani per decenni. Quello che la maggior parte dei proprietari di cani non sanno è che fornire piccole dosi di aglio può fare molto bene.

Sostanzialmente l'aglio aiuta a mantenere il cane libero da qualsiasi aspetto fastidioso: è un efficace antifungine e antibatterico, aiuta a eliminare i parassiti intestinali e agisce come repellente per i parassiti della pelle, come le zecche. Per questi motivi, l'aglio può aiutare molto i cani con qualsiasi tipo di disturbo o malattie causate da batteri, funghi o infestazioni parassitarie. E i benefici non si fermano qui: l'aglio è collegato all'abbassamento di zuccheri nel sangue dei diabetici, è ottimo anche per abbassare i livelli di colesterolo. Alcuni alimenti per cani iniziano a includere l'aglio nelle loro ricette, ma se si vuole fare da sé è necessario dare uno spicco d'aglio al giorno per ogni 10 kg di peso corporeo. Le dosi per essere tossico devono essere molto spropositate (fino a due bulbi al giorno per un periodo prolungato) , dunque non ci sono motivi di preoccupazione.

Erba d'avena

L'erba d'avena è meno conosciuta dell'erba d'orzo o della gramigna, ma comunque offre molti degli stessi nutrienti benefici. L'erba di avena è ricca di vitamine e minerali: come quella d'orzo e di grano, l'erba d'avena non contiene le proteine presenti nell'avena in fiocchi, problematica per cani intolleranti ai cereali.

Farina di piselli

Farina piselli

La farina di piselli si ottiene dalla polvere macinata dei piselli arrostiti. In piccole quantità è un buon alimento per cani, poiché ricca di ferro, calcio e fibre.

La farina di piselli contiene anche un alto tasso di proteine e, talvolta, viene aggiunta come integratore proteico. Purtroppo i cani digeriscono peggio le proteine di origine vegetale, che per quanto ci riguarda non dovrebbero mai prendere il posto di alimenti a base di ottime proteine animali di qualità.

Proteine dei piselli

Le proteine dei piselli sono un sottoprodotto della lavorazione dei piselli, utilizzate come fonte aggiuntiva di proteine in alcuni alimenti per cani. Anche se molto economiche, pensiamo che le proteine dei piselli non debbano essere utilizzate come alternativa alle proteine animali, dato che tendono a essere meno digeribili e di qualità inferiore.

Piselli

Piselli

I piselli contengono antiossidanti salutari e molti nutrienti come vitamine C, K e B1, manganeese, fibre e folati.

Proteina della patata

La proteina della patata è un sottoprodotto della lavorazione delle patate, utilizzata come integratore proteico in alcuni alimenti per cani. Anche se molto economico come ingrediente, pensiamo che la proteina della patata non debba essere utilizzata come alternativa alle proteine animali, dato che tende a essere meno digeribile e di qualità inferiore.

Fecola di patate

Fecola di patate

Le patate sono sempre più utilizzate tra gli ingredienti degli alimenti per cani, man mano che cresce la repulsione per i prodotti a base di grano. La fecola di patate spesso costituisce il legante di tutti gli ingredienti liquidi, senza la quale non si potrebbero formare i biscotti.

Purtroppo, mentre le patate intere hanno molti nutrienti sani, la fecola di patate pura contiene...beh, amido puro, e molti nutrizionisti hanno ancora molti dubbi sul fatto che i cani possano digerire quantità significative di amidi in modo benefico.

Patate

Patate

Le patate sono sempre più utilizzate tra gli ingredienti degli alimenti per cani, man mano che cresce la repulsione per i prodotti a base di grano. Le patate sono in prevalenza costituite da amido, anche se alcune varietà in particolare hanno una concentrazione più elevata di amido. C'è un dibattito sulla capacità dei cani di digerire l'amido in maniera ottimale e quando viene digerito viene scomposto in zuccheri semplici. Per questo motivo alimenti ricchi di amido come le patate non sono la scelta migliore per i cani diabetici. Le patate contengono tuttavia fibre, vitamina B6, vitamina C e potassio.

Barbabietola da zucchero

Barbabietola da zucchero

La polpa di barbabietola da zucchero (il materiale fibroso che rimane dopo la produzione dello zucchero) è utilizzata negli alimenti per cani come integratore di fibre. Lo zucchero è quasi totalmente assente, vi si trovano molte fibre sia solubili che insolubili. Le fibre aiutano la salute dell'apparato digerente del cane; tuttavia la polpa di barbabietola è un argomento di dibattito che presenta molti critici, i quali sostengono che si tratta di un riempitivo, di un cibo innaturale per il cane. Con pochi dati certi sia per chi è a favore sia per chi è contro, non c'è ancora una chiarezza in merito al dibattito.

Patate dolci

Patate dolci

Non si tratta di una vera patata a tutti gli effetti, la patata dolce è nutrizionalmente molto diversa dalle patate comuni. Contiene molte più fibre, è un'ottima fonte di vitamina A, vitamina C, B6 e molti sali minerali.

Ha anche un più alto contenuto di zuccheri rispetto alla patata comune ma, nonostante ciò, secondo recenti studi, le patate dolci potrebbero essere utili per i cani diabetici in quanto aiuterebbero a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue e la resistenza al calo d'insulina.

Sia per i cani che per gli esseri umani, le patate dolci sono considerate fonti di carboidrati di altissima qualità.

Tapioca

Tapioca

La tapioca è un amido estratto dalla radice della manioca. Viene spesso utilizzato come fonte di carboidrati per cibi per cani privi di grano, ma a causa della sua scarsità di nutrienti viene generalmente considerato come un riempitivo piuttosto scadente per i cani.

Pomodori

Pomodori

I pomodori sono un'eccellente fonte di vitamine naturali, come la A, la C e la K e di fibre di alta qualità, eccellenti per il mantenimento della salute. Contengono molti minerali e altri micronutrienti, incluso molibdeno, potassio, cromo e manganese.

Fibre vegetali

“Fibre vegetali” può indicare qualsiasi fibra estratta da un vegetale, ma viene comunemente utilizzato per indicare la presenza di polpa di barbabietola. La fibra è una parte essenziale nella dieta di un cane e aiuta a mantenere la salute dell'apparato digerente.

Olio vegetale

“Olio vegetale” è un termine generico usato per ogni olio di origine vegetale. Generalmente si usa per riferirsi a oli di bassa qualità come olio di colza, di palma o di mais. Viene aggiunto ad alcuni cibi per cani come alternativa agli oli grassi più costosi (e nutrienti) come grasso animale, olio d'oliva o olio di semi di girasole. Come sempre, è meglio scegliere un cibo in cui tutti gli ingredienti sono identificabili con precisione.

Estratti di proteine vegetali

“Estratti di proteine vegetali” (o isolato) è un altro termine che non dà alcuna informazione di ciò che è realmente contenuto nel cibo. Non dà indicazione sul tipo di verdure utilizzate né specifica il metodo di estrazione delle proteine, anche se il più diffuso avviene attraverso reazioni chimiche, ben lontane da ciò che si potrebbe definire come naturale.

Per i cani le proteine vegetali sono nutrizionalmente inferiori a quelle della carne, fonti comuni di proteine vegetali includono soia, mais e grano, i quali risultano collegati alle intolleranze alimentari più diffuse e, per questo motivo, dovrebbero essere evitati cibi con questa indicazione tra gli ingredienti per cani sensibili alle intolleranze.

Alcuni nutrizionisti hanno ipotizzato che “estratti di proteine vegetali” potrebbe essere uno pseudonimo per MSG (glutammato monosodico), l'additivo alimentare controverso che alcuni considerano moderatamente coinvolto nello sviluppo delle intolleranze.

Verdure

Verdure

Questo termine generale può essere utilizzato per indicare tutte le verdure ma anche i legumi. Nonostante la maggior parte delle verdure siano ottime aggiunte agli alimenti per cani, questa definizione può essere sfruttata anche per ingredienti meno interessanti, come la barbabietola da zucchero, le patate e anche i semi di soia. A grandi linee il termine permette anche di modificare la ricetta da lotto a lotto, dunque è sempre meglio scegliere alimenti che identifichino con chiarezza ogni ingrediente.

Erba di grano

Erba grano

L'erba di grano è ricca di nutrienti che vanno dalle vitamine ai minerali, fino agli aminoacidi e agli enzimi. Si tratta di un integratore nutrizionale molto comune per le persone, con molte proprietà benefiche. Nonostante l'erba di grano sia fatta con le foglie e gli steli del grano, non contiene glutine e può essere somministrata anche ai cani intolleranti al grano.

Estratto di Yucca

Estratto di Yucca

La Yucca è una pianta che cresce soprattutto nelle zone desertiche degli Stati Uniti e del Messico. L'estratto di Yucca è ottimo per aiutare naturalmente il corpo a eliminare le tossine e a facilitare la digestione. È in grado inoltre di ridurre l'odore corporeo e quello delle urine/delle feci.

Frutti, chicchi, semi e prodotti derivati

Olio di borragine

Olio di borragine

Come l'olio di enotera, l'olio di borragine è un'ottima fonte di acido gamma-linolenico (GLA) che ha un effetto antinfiammatorio ed è spesso raccomandato nel trattamento naturale di artrite e in caso di malattie della pelle.

Mirtilli

Mirtilli

I mirtilli sono ricchi di vitamina C e di antiossidanti benefici per la salute. Sono stati ampiamente riconosciuti come aiuto per la prevenzione di infezioni del tratto urinario (UTIs), impedendo a batteri e funghi di attaccarsi alla parete del tratto urinario.

Olio di enotera

Olio di enotera

L'enotera è una pianta originaria del Nord America, ma che ormai cresce spontanea in tutto il mondo. Il suo nome, in inglese Evening Primrose, è dovuto al fatto che i suoi fiori gialli tendono a fiorire di sera.

L'olio di enotera viene utilizzato come integratore sia per gli esseri umani che per i cani, per la sua elevata concentrazione di acido gamma-linolenico (GLA). Gli oli essenziali come il GLA sono molto importanti per il corpo e per la salute, non essendo prodotti dal corpo stesso si ottengono solo tramite l'alimentazione.

L'olio di enotera è raccomandato per le sue proprietà antinfiammatorie naturali per i cani che hanno problemi alla pelle o alle giunture ed è ottimo anche come prodotto terapeutico per i disturbi della digestione, per la colite e per la sindrome del colon irritabile (IBS).

Estratto di semi d'uva

Estratto di semi d'uva

L'estratto di semi d'uva è un potente antiossidante che aiuta a supportare il sistema immunitario. Ha anche proprietà antinfiammatorie, dunque è molto consigliato per cani con condizioni allergiche della pelle.

A differenza dell'uva intera, l'estratto di semi d'uva non è tossica per i cani.

Semi di lino

I semi di lino sono conosciuti anche semplicemente come lino. Contengono elevati livelli di fibre dalle ottime proprietà, lignani (antiossidanti naturali), molti micronutrienti e acidi grassi omega-3 (ottimi per la salute in generale).

Lupini

Lupini

I lupini sono meno allergenici rispetto ai semi di soia. Vengono aggiunti ad alcuni alimenti per cani come fonte di proteine piuttosto economica, ma, come tutte le proteine vegetali, quelle del lupino non sono valide sostitute di quelle della carne.

Olio d'oliva

Olio d'oliva

L'olio di oliva è un integratore alimentare di qualità, che offre benefici sia per il manto che per il cuore. Contiene molti antiossidanti ed è un'ottima fonte di Vitamina E.

Psillio

psillio

I gusci di semi di psillio sono spesso aggiunti agli alimenti per cani come fonte di fibra solubile, importante per mantenere in salute l'apparato digerente.

Quinoa

quinoa

La quinoa è molto simile al grano, diversamente da questo, però, non appartiene alla famiglia degli erbacei, bensì è costituita dai semi di una pianta simile a quella degli spinaci. È ricca di proteine, ma, come tutte le proteine vegetali, non sono così facili da digerire per i cani, se paragonata a quelle della carne. La quinoa contiene un insieme di aminoacidi essenziali che la rendono, comunque, una fonte di “proteine complete”, oltre a magnesio, fibra, manganese e rame.

La quinoa è sempre più popolare nelle diete particolari, dato che molti cani, non avendo mai mangiato questo tipo di prodotto, non hanno così avuto l'opportunità di sviluppare reazioni allergiche. Non si può, infatti, sviluppare un'allergia nei confronti di un alimento mai provato prima.

Olio di colza

Olio di colza

L'olio di colza, od olio di canola com'è talvolta chiamato, è un ingrediente piuttosto controverso se si parla di alimenti per cani. A detta di molti produttori si tratta di un ingrediente sano, poiché non contiene grassi saturi ed è ricco di omega-3, ma i critici di questo ingrediente sostengono che contenga troppo acido erucico, una tossina molto nota e causa di molte preoccupazioni. Purtroppo non ci sono ancora prove solide per sostenere l'una o l'altra teoria.

Soia

Soia

I semi di soia (soia, proteine di soia, farina di soia) sono ricchi di proteine e molto spesso si trovano negli alimenti per cani, in quanto sostituto della carne a basso costo. Purtroppo, però, le proteine della soia sono molto meno solite, biologicamente parlando, per un cane, ciò significa che il cane sarà in grado di digerirne e utilizzarne ben poche. La soia è stata inoltre collegata da molti veterinari alle intolleranze alimentari e alle allergie, perciò è meglio starne alla larga qualora il proprio cane fosse particolarmente sensibile.

Olio di soia

Olio di soia

L'olio di soia, come tutti gli oli vegetali, non contiene colesterolo, ma ha più grassi saturi rispetto alla maggior parte degli altri oli vegetali, per questo motivo viene considerato un ingrediente di scarsa qualità. È comunque privo di proteine della soia, quindi non pericoloso per i cani con intolleranza alla soia.

Olio di girasoli

Olio di girasoli

L'olio di girasoli si ottiene mediante la spremitura dei semi di girasole ed è considerato come uno degli oli più sani che si possano trovare negli alimenti per cani. Ha un basso contenuto di grassi saturi ed è ricco di vitamina E, un antiossidante naturale.

Erbe

Artiglio del diavolo

Artiglio del diavolo

L'Artiglio del Diavolo (Harpagophytum) è una pianta che cresce nei deserti del Sud Africa. Viene da secoli utilizzato per trattare l'artrite e studi clinici hanno dimostrato che si tratta di un efficace farmaco per il trattamento di questi disturbi, essendo in grado di ridurre il dolore articolare e facilitando la mobilità. È, comunque, utilizzato raramente negli alimenti per cani, essendo un ingrediente molto costoso.

Tè verde

Tè verde

Il tè verde e gli estratti derivati contengono potenti antiossidanti molto salutari chiamati catechine, che offrono benefici di vario tipo e sono ottimi in particolare per la salute del sistema cardiovascolare.

Erbe

I termini generali “erbe”, “erbe aromatiche”, “mix di erbe” possono riferirsi a qualsiasi fiore, foglia, seme utilizzati per il loro sapore, per le loro proprietà benefiche o per il loro aroma. Ciò include, ovviamente, sia tipologie di erbe dalle differenti qualità. In alcuni casi la dicitura “erbe” viene utilizzata dai produttori di cibo per cani per nascondere il reale contenuto della ricetta. Questo può essere dovuto al cambiamento della formula da lotto a lotto, per non rischiare di perdere clienti o per non far entrare in possesso della ricetta i concorrenti.

Rosmarino

Rosmarinoo

Il rosmarino intero viene spesso utilizzato nel cibo per cani, avendo anche un ampio utilizzo nel campo erboristico, anche se più spesso viene sfruttato il suo olio per le sue proprietà di conservante. L'olio di rosmarino (noto anche come estratto di rosmarino) è un potente antiossidante in grado di rallentare l'ossidazione dei grassi e contribuisce anche alla riduzione del rischio di cancro.

Il rosmarino è ampiamente considerato dagli erboristi, in quanto stimolante naturale. Nonostante faccia bene a tutti i cani, si consiglia di non somministrarlo a soggetti epilettici poiché potrebbe aumentare la possibilità di avere delle crisi o addirittura di peggiorarle. Alcuni nutrizionisti hanno ipotizzato che, siccome il rosmarino può influenzare la funzione uterina e il ciclo mestruale, potrebbe essere pericoloso da ingerire durante la gravidanza. Nonostante ci siano alcuni casi che dimostrano queste teorie, non ci sono ancora stati veri e propri studi scientifici in entrambe le direzioni, il giudizio a riguardo rimane ancora sospeso. Nel frattempo si raccomanda, di solito, di evitare il rosmarino se il cane è epilettico o se sta vivendo una gravidanza, giusto per stare sicuri, anche se non abbiamo mai assistito direttamente a cani che hanno reagito male una volta entrati in contatto con questa erba.

Supplementi

Carbonato di calcio

Carbonato di calcio

Il carbonato di calcio è molto utilizzato negli alimenti per cani come integratore di calcio e meno frequentemente come regolatore dell'acidità, colorante, anti agglomerante o stabilizzatore. Può derivare da fonti differenti, tra le quali si contano farina di ossa, gusci di ostriche, calcare e dolomite (argilla). Il carbonato di calcio può alleviare i sintomi della sindrome dell'intestino irritabile (IBS), ma in grandi quantità può avere effetti collaterali anche piuttosto gravi, sconsigliamo quindi di aggiungerne in più a un pasto completo.

Fosfato di calcio

Il fosfato di calcio si riferisce a una famiglia di minerali derivati, generalmente, dal latte di mucca e aggiunti agli alimenti come fonti di calcio e fosforo. Il fosfato di calcio è il costituente principale di ossa e smalto dentale.

Condroitina

La condroitina è una molecola naturale, famosa per alleviare i sintomi dell'osteoartrite e di altre condizioni comuni. Agisce come antinfiammatorio naturale e blocca gli enzimi che attaccano le articolazioni in caso di osteoatriti.

La condroitina è un componente della cartilagine e della carne animale, è quindi presente, in piccole dosi, in quasi tutti gli alimenti per cani. Molti alimenti per cani, soprattutto quelli pensati per i più anziani o per quelli di grossa taglia, presentano l'aggiunta di condroitina che fornisce un ulteriore supporto. Il solfato di condroitina si ottiene da fonti animali, come la cartilagine della mucca.

Solfato di rame

Il solfato di rame (tutte le forme, compreso il pentaidrato) è un ingrediente sul quale si sono tenuti molti dibattiti. È molto utilizzato come integratore di rame negli alimenti per cani ed è omologato AAFCO, ma per l'Unione Europea, il solfato di rame puro è classificato come “pericoloso” e “pericoloso per l'ambiente” oltre che come “irritante”.

I cani hanno bisogno di rame, ma non possono crearlo da soli, dunque lo ottengono attraverso la dieta. Nonostante tutti gli alimenti per cani contengono una determinata quantità di rame proveniente dagli ingredienti principali, il rame in aggiunta si trova come integratore multi-minerale. Spesso viene infatti indicato come “minerali” e non si troverà necessariamente inscritto nella lista. I livelli di solfato di rame utilizzati per il cibo per cani sono di gran lunga inferiore rispetto a quelli considerabili pericolosi, quindi non dovrebbero causare problemi. Ovviamente, il solfato di rame deve sopportare molte critiche, tra le quali spiccano quelle dei produttori di alimenti per animali domestici che scelgono di utilizzarlo, optando piuttosto per altri integratori di rame come il gluconato di rame o il carbonato di rame. Il rame chelato (spesso indicato come complesso di amminoacidi di rame o proteinato di rame) è considerato come il miglior integratore di rame, più sicuro e facile da assorbire.

D, L-Metionina

La metionina è un aminoacido, ovvero un blocco costituente delle proteine. Si trova in una vasta gamma di alimenti in modo naturale, ma è a volte aggiunta essendo in grado di ridurre il pH delle urine, prevenendo danni all'apparato urinario.

FOS

I Frutto-oligo-saccaridi (FOS) sono integratori alimentari sempre più presenti negli alimenti per cani in quanto ottimi pre-biotici. Favoriscono la crescita dei “batteri amici” nell'intestino crasso, in grado di aumentare la salute gastro-intestinale. I FOS sono estratti da frutta e verdura, come la cicoria, e da alcuni cereali, come orzo e grano.

Glucosamina

Il solfato di glucosamina (spesso indicato semplicemente come glucosamina) è molto consigliato per i cani che soffrono di problemi articolari (soprattutto di osteoartrite) ed è uno degli integratori più utilizzati sia per gli uomini che per i cani.

Anche se non è chiaro esattamente il suo funzionamento, a dire il vero non è chiaro neppure se funziona, la maggioranza degli scienziati ritiene che la glucosamina aiuta a prevenire la cartilagine articolare. Purtroppo dagli studi clinici non è emerso molto e la questione sulla glucosamina è ancora aperta.

La glucosamina si trova naturalmente nelle ossa e nel midollo degli animali, quindi si trova in piccole quantità in tutti gli alimenti per cani a base di carni. Tuttavia, gli alimenti dedicati ai cani più anziani o a quelli di taglia grossa, presentano aggiunte di glucosamina per fare maggior supporto alle articolazioni. La glucosamina commerciale proviene di solito dall'idrolisi dei gusci di crostacei (gamberi, granchi, ecc.) dove se ne trova in abbondanza.

L-Carnitina

La carnitina (L-Carnitina) è un aminoacido (uno dei mattoni delle proteine) che, come integratore, è molto consigliato per cani con disturbi cardiaci o cani a dieta. Viene prodotta naturalmente dalle cellule animali quindi si trova in quasi tutti gli alimenti per cani, in piccole quantità. La carnitina ha un ruolo centrare nel metabolismo dei grassi e un'eventuale aggiunta della sostanza si può avere nel caso di cure dimagranti, poiché aiuta a scomporre il grasso corporeo, mantenendo la massa magra.

Lisina

La L-lisina è un elemento importantissimo per tutte le proteine nel corpo del cane. È un aminoacido essenziale, ovvero non può essere prodotta dal cane, per questo deve essere mangiata. La lisina è presente in una vasta gamma di alimenti, soprattutto nella carne, quindi in linea di massima si trova già nei principali prodotti alimentari per cani. Alcuni produttori, però, aumentano i livelli di lisina nella propria ricetta con integratori.

MOS

Il mannano-oligo-saccaride (MOS) è un integratore alimentare sempre più presente negli alimenti per cani, per il suo effetto pre-biotico. Favorisce la crescita dei “batteri amici” nell'intestino crasso e migliora, così, la salute di tutto l'apparato gastrointestinale. Il MOS deriva dalla parete cellulare dei lieviti.

MSM

Il metil-sulfonil-metano (MSM) è un derivato naturale della corteccia di pino, raccomandato per il trattamento e la prevenzione di osteoartrite e altri problemi alle articolazioni, in quanto garante di un effetto antinfiammatorio. Gli studi sugli effetti benefici del MSM, però, sono stati inconcludenti.

Nucleotidi

I nucleotidi sono i mattoni costituenti del DNA e dell'RNA, essenziali per qualsiasi tipo di vita. Si trovano in tutti gli alimenti e sono facilmente sintetizzati dal corpo del cane. Alcuni produttori di alimenti per animali domestici aggiungono comunque nucleotidi supplementari, essendo benefici per la digestione e per rimettersi in sesto dopo un infortunio di qualunque tipo.

Cloruro di potassio

Il cloruro di potassio è un minerale naturale, a volte aggiunto agli alimenti per cani come supplemento di potassio.

Sodio seleniato e selinite di sodio

Il selenio è molto importante per la salute del cane, una carenza può comportare molti problemi, perciò è necessario fornire selenio attraverso cibi completi. Può essere presente naturalmente negli ingredienti (ne contengono i semi di girasole, molti cereali integrali e le principali tipologie di carni), ma spesso viene aggiunto come integratore.

I supplementi di selenio sono disponibili in molte forme, comunemente si utilizzano il selenato di sodio e la selenite di sodio, perché anche molto economici da produrre. L'Unione Europea, però, classifica entrambi come sostanze chimiche tossiche e, in concentrazioni elevate, possono causare entrambi danni ai polmoni, ai reni, al fegato o addirittura essere mortali.

Naturalmente il dosaggio nel cibo per cani è molto inferiore alla elevata quantità pericolosa, esistono comunque ottimi integratori di selenio non pericolosi (come il lievito di selenio), sicuramente da preferire.

Il selenato di sodio e la selenite di sodio sono entrambi integratori minerali, che possono essere inseriti tra gli ingredienti, semplicemente come “minerali”. Per qualunque dubbio, si consiglia di contattare direttamente il produttore.

Taurina

La taurina è un aminoacido (uno dei mattoni delle proteine), presente in natura in tutti i tipi di alimenti, soprattutto in quelli a base di pesce e carne. Anche se non ce ne fosse in abbondanza nella dieta del cane, non c'è da preoccuparsi dato che l'animale può produrla autonomamente e, in ogni caso, non è così essenziale per la maggior parte dei cani.

Degli studi hanno però dimostrato che l'aggiunta di taurina può aiutare nel trattamento dei problemi cardiaci, per questo motivo alcuni produttori l'aggiungono come supplemento aggiuntivo benefico per la salute.

Treonina

La treonina è un elemento necessario per creare proteine da parte del cane. È un aminoacido essenziale, ovvero non può essere prodotta dal cane, dunque deve essere assunta attraverso la dieta.

La treoina è presente in molti alimenti, soprattutto carni, quindi si trova in tutti i cibi per cani. Tuttavia, alcuni produttori di alimenti per cani top, la aggiungono tramite integratori.

Vitamine e minerali

Praticamente tutti gli alimenti per cani hanno integratori vitaminici e minerali in aggiunta, per garantire tutto ciò di cui il cane ha bisogno. Si trovano sotto forma di polvere bianca, formando un complesso multi-vitaminico/minerale, nutrizionalmente identico a quello acquistabile in farmacia. Alcuni dei componenti di questi integratori, però, sono ottenuti per via chimica, cosa che ha attirato molte critiche dai sostenitori dell'alimentazione naturale.

Additivi

Coloranti artificiali

Come tutti i genitori sanno, ci sono alcuni cibi che possono avere effetti drammatici per il comportamento di un bambino. Già nel 1950 i coloranti artificiali erano collegati a problemi del comportamento, oltre che a problemi di salute, e diversi studi scientifici recenti hanno dimostrato un collegamento diretto tra gli additivi alimentari, il disturbo da deficit di attenzione e l'iperattività nei bambini. Purtroppo gli effetti di questi ingredienti sembrano essere identici a quelli che si possono notare nei nostri cani, riducendo la loro attenzione e rendendoli particolarmente iperattivi.

I coloranti alimentari più comuni che si trovano nel cibo per cani includono giallo tramonto, tartrazina, ponceau 4r, blu patent V e biossido di titanio, anche se possono essere indicati con la lettera E o semplicemente come “colori”. Sono spesso derivati da prodotti petroliferi e rimangono nell'ambiente per molti anni.

Bisogna ricordare che molti studi indicano che i cani vedono in bianco e nero, per cui l'unico ruolo che hanno è quello di attirare il proprietario.

Conservanti artificiali e antiossidanti

Un conservante è un ingrediente qualsiasi aggiunto per rallentare il deterioramento di un alimento. Gli antiossidanti sono un ramo molto importante dei conservanti, poiché inibiscono l'ossidazione dei grassi. Sia i conservanti che gli antiossidanti possono provenire da fonti naturali (come la vitamina E e l'olio di rosmarino) o possono essere creati artificialmente. Di seguito tratteremo solo quelli artificiali.

Nonostante i conservanti artificiali contribuiscono a rallentare il deterioramento del cibo, ci sono molte preoccupazioni per i loro effetti sulla salute. L'etossichina (E324), per esempio, è stata collegata allo sviluppo di reazioni allergiche, malattie della pelle, problemi comportamentali e molto altro ancora. Allo stesso modo, gli antiossidanti BHA (E320), BHT (E321) e il propil gallato (E310), sono stati per lungo tempo accusati di contribuire allo sviluppo del cancro. Un altro conservante comune, il sorbato di potassio (E202) è elencato come un irritante per gli occhi, per la pelle e delle vie respiratorie.

È inutile sottolineare che, nonostante non ci siano certezze sui loro effetti collaterali, è meglio evitare questi ingredienti.

Se un alimento contiene conservanti o antiossidanti, li troveremo elencati nella lista degli ingredienti. Ci sono vari modi di segnalazione e non sono sempre facili da scovare: “conservanti”, “conservanti permessi dall'Unione Europea”, “BHA e BHT”, “E320 e E321” sono i modi di indicizzazione dei conservanti. Potrebbero anche non figurare nella lista degli ingredienti, ma essere comunque evidenti da un'analisi. Se si vuole stare sicuri, è meglio optare per alimenti che indicano con chiarezza “no conservanti artificiali”.

Additivi autorizzati CE

L'Unione Europea ha elencato più di 4000 additivi artificiali che possono essere aggiunti agli alimenti e la dicitura “additivi consentiti dall'UE” li include tutti. Nonostante molti siano innocui o addirittura benefici, la dicitura include anche additivi chimici, coloranti (molti collegati a problemi comportamentali e ad altri problemi di salute) e conservanti artificiale come BHA e BHT, identificati come possibili cause dello sviluppo del cancro. Per molti nutrizionisti “additivi consentiti dall'UE” sono il primo ingrediente da evitare.

Coloranti naturali

Nonostante molti studi hanno dimostrato che i cani vedono in bianco e nero, molti produttori sentono il bisogno di aggiungere colore ai propri cibi. Anche se molti produttori di cibi per animali domestici utilizzano coloranti artificiali, si possono trovare alternative naturali dato che sempre più proprietari di cani si rivelano anti-additivi.

I coloranti naturali sono molto meno accesi dei loro simili sintetici e sono sensibili alle condizioni ambientali, come calore, luce e pH. I coloranti alimentari più comune includono barbabietola, caramello, paprika, curcuma e uva: nonostante non siano dannosi per i cani, non sono neppure benefici.

Conservanti naturali e antiossidanti

Un conservante è un ingrediente qualsiasi aggiunto per rallentare il deterioramento di un alimento. Gli antiossidanti sono un ramo molto importante dei conservanti, poiché inibiscono l'ossidazione dei grassi. Praticamente tutti gli alimenti secchi contengono forme di conservanti, alcuni utilizzano i tanto discussi conservanti artificiali, ma sempre più produttori scelgono l'alternativa naturale.

I conservanti naturali più comuni sono la vitamina E (spesso indicata come tochopherols miste), la vitamina C (acido ascorbico) e l'olio di rosmarino, tutti in grado di rallentare l'ossidazione dei grassi. Naturalmente, i conservanti naturali non saranno mai efficienti come quelli artificiali, ma i cibi secchi che li includono possono mantenere una durata di almeno 12 mesi.

Acido fosforico

L'acido fosforico (E338) è un liquido limpido, incolore, aggiunto ai cibi come acidificante, ma anche come aroma, emulsionante o per prevenire la perdita di colore. È conosciuto per essere un additivo nelle bevande a base di cola.

Gli studi hanno dimostrato un collegamento tra l'acido fosforico e la riduzione della densità ossea negli esseri umani, pertanto è un ingrediente molto criticato nell'alimentazione. Anche se sono necessari ulteriori studi, consigliamo di tenersi lontani da alimenti contenenti molto acido fosforico per stare tranquilli.

Glicole propilenico

Il glicole propilenico è un composto sintetico che assorbe l'acqua e può essere utilizzato per mantenere gli alimenti per cani semi-umidi. Ha proprietà antibatteriche e antifungine che lo rendono ottimo come conservante.

Anche se il glicole propilenico è stato dimostrato come sostanza sicura per esseri umani e cani (non per i gatti, a causa della condizione felina dell'anemia di Heinz), resta comunque un elemento criticato in quanto correlato a problemi di asma o reazioni allergiche. Inoltre, gli usi commerciali più diffusi del glicole propilenico (tra cui antigelo per auto e decongelatore per aerei) non ispirano fiducia nei possessori di cani.

Esametafosfato di sodio

L'esametafosfato di sodio (conosciuto anche come sodio HMP o E452i) viene aggiunto ad alcuni alimenti per cani in quanto dotato di effetti benefici per la cura del tartaro dentario. Anche se è relativamente efficace per questo fine, l'HMP è classificato come irritante se ingerito ed è stato fortemente criticato dai sostenitori dell'alimentazione naturale.

Del resto, il prodotto “Calgon” utilizzato per la pulizia, è composto da puro sodio HMP, prima che la sua formula fosse cambiata per motivi ambientali!

Tripolifosfato di sodio (STPP)

Il tripolifosfato di sodio (chiamato anche STPP o E451) viene aggiunto agli alimenti per cani come conservante e per il mantenimento dell'umidità negli alimenti umidi, in modo che appaiano freschi per più tempo.

Anche se il Tripolifosfato di sodio è riconosciuto come sicuro, l'Istituto Nazionale Statunitense per la Sicurezza e la Salute lo ha elencato come possibile neurotossina e come irritante per pelli delicate. Si consiglia, quindi, di stare alla larga da prodotti contenenti STPP, specialmente se il vostro cane è incline a sviluppare problemi di pelle.

Tocoferoli

I tocoferoli (parte della famiglia della vitamina E) sono potenti antiossidanti e sono il conservante naturale più comune presente nel cibo per cani. Come antiossidanti, permettono di rallentare l'ossidazione dei grassi. Il loro utilizzo è molto diffuso essendo ottime alternative sane ai conservanti chimici potenzialmente dannosi.

Altri ingredienti

Lievito di birra

Lievito di birra

Il lievito di birra è un'ottima fonte di vitamine naturali, soprattutto le vitamine B, e include vitamina B1 (tiamina), B2 (riboflavina), B3 (niacina), B5 (acido pantotenico), B6 (piridossina), B7 (biotina) e B9 (acido folico). Queste vitamine sono molto importanti per il cane, aiutano la digestione, il sistema nervoso e mantengono la pelle, il pelo, gli occhi, la bocca e il fegato sani.

Il lievito è anche un'ottima fonte di proteine, conosciuto come proteina completa poiché contenente tutti e 9 gli aminoacidi essenziali per i cani.

Cellulosa

La cellulosa è il termine scientifico della fibra alimentare. Può essere ricavata dalle pareti cellulari di ogni pianta ed è quasi completamente non digeribile dai cani, cosa che garantisce molti benefici.

Nonostante i benefici, però, la cellulosa è un ingrediente anche molto criticato. Come abbiamo già accennato si trova già in ogni cellula vegetale, in quantità variabile a seconda della verdura, del frutto e del cereale in questione. Alcune verdure come la barbabietola da zucchero ne contengono molta e sono considerate ottimi integratori di fibre. Spesso, però, la cellulosa viene ottenuta dalla carta o dal legno, dai quali viene estratta sotto forma di polvere bianca e inodore.

La cellulosa è presente in molte diete dimagranti, dato che aiuta la dieta fornendo praticamente zero calorie. Come integratori di fibre è ottima, anche se molti nutrizionisti consigliano di evitare del tutto la cellulosa in polvere.

Carbone

Carbone

Il carbone è ottimo per assorbire l'eccesso di gas ed è raccomandato per alleviare la sensazione di gonfiore addominale. A differenza del carbone “per barbeque”, la forma commestibile deve essere riscaldata e sottoposta alle alte temperature del vapore prima di essere mangiata, per garantire tutti i benefici. Il carbone attivo proviene da diverse fonti, tra cui legno, gusci di cocco, bambù e torba.

Glicerina

La glicerina (glicerolo o E422) si trova in natura come parte costituente essenziale dei grassi trigliceridi. Non si trova, in ogni caso, da sola, il che ha portato molti sostenitori dell'alimentazione naturale a considerarla innaturale. La glicerina pura non è tossica, è molto sicura. È un sottoprodotto, generalmente, della fabbricazione del sapone e ha una vasta gamma di applicazioni nell'industria alimentare e cosmetica. Si trova regolarmente nel cibo per animali domestici (specialmente negli snacks) come umettante, ovvero come sostanza in grado di mantenere i cibi umidi senza rischiare la decomposizione. Ha anche un sapore dolce che rende gli alimenti ai quali viene aggiunta più appetitosi.

Sugo/brodo/salsa

I termini sugo, brodo e salsa possono essere utilizzati in molti cibi per animali domestici.

Negli alimenti umidi questi termini si riferiscono all'acqua in cui i vari ingredienti sono stati cotti. Occasionalmente, elementi aggiuntivi come il sale possono essere aggiunti al liquido, senza trovarsi così nella lista degli ingredienti.

Negli alimenti secchi spesso si riferiscono ad aromi naturali cosparsi sui cibi secchi alla fine della produzione. In questo caso, generalmente, si riferisce a un mix di carne e olio.

Poiché non ci sono definizioni rigorose per sugo, brodo o salsa negli alimenti per animali domestici, i termini sono talvolta abusati e alcuni nutrizionisti hanno sottolineato che potrebbero essere, in realtà, utilizzati per indicare prodotti poco attraenti come additivi. Se si dovessero avere dubbi riguardo agli ingredienti di un alimento per cani, è sempre meglio consultare direttamente il produttore.

Farina fossile

Farina fossile

Il Kieselgur (farina fossile) è la parola tedesca che descrive una pietra morbida, molto porosa, chiamata diatomite. Nel cibo per animali ha una funzione simile a quella del carbone, ovvero quella di assorbire le tossine presenti nell'intestino riducendo, così, la presenza di gas. È anche leggermente abrasiva, dunque può aiutare a eliminare la placca dentale.

Aromi naturali

Il termine “aromi naturali” può essere utilizzato per qualsiasi estratto da qualsiasi alimento, per dare più sapore, piuttosto che per aggiungere valori nutrizionali. Essendo un termine molto ampio, potrebbe riferirsi a qualsiasi cosa, a partire dalle erbe fino alle farine di carne.

Negli alimenti secchi, gli aromi naturali a volte si riferiscono a una combinazione di carne fresca e olio, spruzzata sul prodotto finito.

Per qualsiasi dubbio inerente agli ingredienti presenti nel cibo per cani, è sempre meglio contattare direttamente il produttore.

Oli e grassi

In termini nutrizionali, oli e grassi sono due parole che indicano la stessa cosa. Il termine include tutti gli oli e i grassi estratti da qualsiasi fonte animale o vegetale.

Come tutti gli animali, anche i cani hanno bisogno di una certa quantità di grasso contenuto nella propria dieta, per poter sopravvivere. Il grasso si trova naturalmente in molti alimenti, ma essendo un'ingrediente molto appetitoso per i cani, spesso viene aggiunto in più agli alimenti. Per i cani molto difficili dal punto di vista dei gusti, è spesso una buona idea quella di cercare cibi con alti contenuti di grassi, ma bisogna fare attenzione poiché troppo grasso può portare gli stessi problemi, esattamente come per gli esseri umani.

I termini come “oli e grassi” possono rendere la scelta del cibo per il proprio cane molto difficile, in quanto danno poche indicazioni circa ciò che è veramente presente nell'alimento. Potrebbe riferirsi a oli di alta qualità, come oli benefici o di origine animale, ma potrebbe altrettanto riferirsi a ingredienti scarsi, potenzialmente nocivi o altamente lavorati.

Essendo impossibile sapere con precisione quali siano gli oli o i grassi inclusi, è sempre meglio evitare di scegliere cibi con questo termine presente tra gli ingredienti. Ciò è importante soprattutto se il cane è incline a sviluppare intolleranze alimentari, essendo gli oli e i grassi moltissimi potrebbe essere difficile riconoscere quale sia l'ingrediente scatenante la reazione allergica, non sapendo esattamente con cosa lo stiamo alimentando.

Sale

Sale

Il Sale, o cloruro di sodio come spesso viene indicato, è aggiunto normalmente agli alimenti per cani come esaltatore di sapidità.

Mentre il sale è un minerale necessario, è presente in quantità sufficienti nelle materie prime che andranno a costituire il prodotto finito. Tuttavia, poiché i cani come gli uomini amano il sapore del sale, viene regolarmente aggiunto in più agli alimenti per cani, in modo da renderli più appetitosi. Purtroppo il sale in eccesso ha, per i cani, le stesse implicazioni che ha per gli uomini e deve, pertanto, essere evitato. Ciò, in particolare, se il cane ha problemi cardiaci o soffre di pressione alta.

Alga marina

Alga marina

Le alghe sono un integratore alimentare molto utilizzato per gli alimenti per cani. Anche se esistono moltissime alghe commestibili, il fuco è il più utilizzato nel cibo per cani.

Le alghe sono un'ottima fonte di minerali tra cui calcio, ferro, magnesio e molti altri ancora. Sono anche ricche di iodio, un minerale raro importantissimo per la salute della tiroide (troppo iodio, comunque, può essere dannoso dunque è meglio evitare grandi quantità di alghe).

Ingredienti speciali

Legalmente, i produttori di alimenti per cani sono obbligati a dichiarare cosa contengono gli alimenti. Tuttavia se la divulgazione di alcuni ingredienti potrebbe provocare uno svantaggio dal punto di vista delle vendite (per esempio dando via la formula segreta della ricetta), l'obbligo può essere aggirato.

Il problema dei proprietari di cani è che termini come “ingredienti speciali” potrebbero riferirsi a qualsiasi cosa, il che rende la scelta del cibo molto complicata. Come sempre, dove gli ingredienti non sono chiari, raccomandiamo di pensare al peggio e scegliere altro.

Zuccheri

Zuccheri

Gli zuccheri sono aggiunti agli alimenti per cani perché, come per gli esseri umani, sono gustosi anche per loro. Possono essere inclusi in varie forme (zucchero, caramello, sciroppo di saccarosio, ecc) e possono essere estratti da diversi tipi di fonti (mais, granturco, frumento, canna da zucchero, barbabietola da zucchero, ecc). Purtroppo troppo zucchero può avere gli stessi effetti nei cani come negli esseri umani. Le diete con troppo zucchero sono state relazionate a iperattività, ipoglicemia, obesità e carie, pertanto andrebbero evitati.