Gatte e Gravidanza

Scritto da Arianna nella categoria Gatti
Gatte e Gravidanza

Succede prima che si abbia il tempo di rendersene conto. Tutto ad un tratto, quella che un giorno era la vostra tenera micina, si sta prendendo cura della propria cucciolata. Come molti sanno, i gatti sono estremamente efficienti in ambito riproduttivo. Una cucciolata media, infatti, conta quattro gattini. Persino di più – sei – per i gatti Siamesi. E non è altro che la media! Ricordate, è consigliabile sterilizzare o castrare i gatti appena raggiungono una certa maturità, altrimenti rischierete di ritrovarvi con una manciata di gattini senza casa né padrone in men che non si dica.

La buona notizia è che i gatti non sono soliti manifestare problemi durante la gravidanza o il parto. Ma ecco per voi una guida che vi spiegherà tutto ciò che dovete sapere.

Come Capire se la Mia Gatta è Incinta?

Dal momento in cui la gatta resta incinta, è necessario che passino dai 26 ai 35 giorni affinché un veterinario possa stabilire per certo che lo sia. La diagnosi può essere effettuata tramite ultrasuoni o semplicemente toccando l’addome della vostra gatta. L’area dell’utero dovrebbe essere simile a un filo di perle. A circa 20 giorni, quando la gatta è in stato di relax, dovreste essere in grado di percepire dei piccoli feti al tatto. Alcuni esemplari presentano un ingrossamento delle mammelle e una colorazione rosa delle ghiandole mammarie già dal diciottesimo giorno di gravidanza. L’intera gravidanza della gatta dura generalmente dai 58 ai 68 giorni.

Come Capire quando la Gatta è in Travaglio.

Poiché alcune gatte partoriscono per diversi giorni di seguito e la lunghezza della gravidanza è variabile, è difficile predire l’esatta data di nascita dei cuccioli. Vi sono, però, degli indizi utili: Gran parte delle gatte inizia a preparare il luogo del parto dalle 12 alle 24 ore circa prima che questo avvenga, sebbene in alcuni casi si possa iniziare fino a 5 giorni prima.

Se volete un metodo più affidabile, vi consigliamo di misurare la temperatura della gatta due volte a settimana, iniziando a circa 2 settimane prima di quella che stimate essere la data del parto. Due settimane prima la temperatura dovrebbe essere normale, attorno ai 38 gradi. A circa una settimana dal parto, la temperatura scenderà intorno ai 36, 37 gradi. Infine, nell’approcciarsi ai primi stadi del travaglio, la temperatura subirà un ulteriore calo, arrivando fino a 35 gradi.

Cosa Caratterizza un Travaglio Normale?

Dopo l’inizio del travaglio, possono volerci fino a 4 ore affinché nasca il primo cucciolo. I cuccioli possono nascere sia dalla parte della coda che da quella della testa. Il tempo medio che impiega ogni cucciolo a nascere va dai 30 ai 60 minuti, ma può arrivare fino alle 2 ore. Alcuni gatti preferiscono intervallare i parti con piccoli pasti. Dovreste assecondare questo desiderio e offrire cibi di qualità alla vostra adorata gatta. Alle volte, è possibile che si presentino intervalli di tempo di fino a 5 o 6 ore tra il parto di due cuccioli. In seguito al parto, la vostra gatta potrebbe manifestare perdite sanguinolente per 10 giorni.

Se la vostra gatta segue un’alimentazione di qualità durante la gravidanza, non dovrebbe successivamente necessitare di alcun aiuto durante il parto. Non fate uscire la micia quando il momento si avvicina e preparate una zona silenziosa e piacevole per l’evento. Fatto ciò, lasciatela sola. Le gatte non amano essere disturbate o fissate durante il parto.

Assicuratevi, però, di restare nei paraggi per assicurarvi che tutto proceda per il meglio. Se la gatta resta in travaglio per un periodo che va dalla mezzora all’ora senza che nulla avvenga, o se vi sembra stia soffrendo o che un cucciolo sia rimasto incastrato, chiamate immediatamente il vostro veterinario.

L’incontro con i Cuccioli

Appena un cucciolo nasce, la madre lo leccherà fino a pulirlo per bene. Prima di tutto leccherà la nuca per favorire la respirazione. Poi pulirà il resto e mangerà la placenta, sebbene non sia necessario. Potete infatti rimuovere e gettare la placenta voi stessi.

Mantenere i Cuccioli in Salute

A differenza degli esseri umani, i cuccioli non ricevono anticorpi materni attraverso la placenta. Di conseguenza, i gattini appena nati sono privi di protezione nei confronti di un’ampia varietà di malattie. Il passaggio di anticorpi tra madre e gattini avviene tramite il latte, ed è estremamente importante. I micini devono iniziare ad allattare entro le prime 16 ore al fine di ricevere anticorpi che contrastino le malattie. Svolge inoltre un ruolo di rilievo una condizione di salute ottimale della madre e il fatto che sia stata vaccinata prima dell’accoppiamento.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 8 persone con una media di 4.9 su 5.0)

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty