Sangue nelle feci dei gatti (Ematochezia): Cause e Trattamenti

Scritto da dott.ssa Barbara Lombardi nella categoria Gatti - 2 commenti
Sangue nelle feci dei gatti (Ematochezia): Cause e Trattamenti

Ogni volta che vediamo del sangue nelle feci del nostro gatto ci preoccupiamo, ma nella maggior parte dei casi si tratta di un evento passeggero e innocuo. Può presentarsi in forma leggera con semplici sbavature o macchie oppure in maniera più massiccia con o senza sintomi. Tale presenza può essere divisa in due tipi:

  • Melena – Le feci sono molto scure (quasi nere) e sono associate ad un sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore che include l'esofago, lo stomaco e duodeno, ma questo sanguinamento può provenire anche dal naso o dalla bocca. Questo sangue è stato scomposto dai batteri presenti in natura nello stomaco prima di fuoriuscire lungo il tratto intestinale inferiore e fuori dall'ano.

  • Ematochezia – il sangue è rosso vivo e spesso è associato al sanguinamento del tratto intestinale inferiore (che comprende il colon e il retto). Questo tipo di sangue è più facile da rintracciare rispetto al Melena e può comprendere interamente le feci oppure solo la parte esterna.

Quali sono le cause di sangue nelle feci del vostro gatto?

L'avvistamento occasionale di sangue chiaro nelle feci generalmente è insignificante, tuttavia, se si tratta di un evento regolare, se vi è la perdita di una grande quantità di sangue e/o se sono presenti anche altri sintomi allora è qualcosa che deve essere esaminato il prima possibile. Questo articolo esamina le cause della presenza di sangue rosso vivo (ovvero ematochezia) nelle feci dei gatti. I motivi che causano tale presenza sono molteplici , alcuni dei quali sono:

  • Parassiti intestinali - (cryptosporidium, vermi intestinali) - Cryptosporidium causa un’infiammazione che porta al sanguinamento, i vermi parassitari come l’anchilostoma o il nematode succhiano il sangue dalla parete intestinale e lo si vede nelle feci. Nei cuccioli i parassiti sono la causa più comune.

  • Costipazione – Se le feci sono dure e secche la loro fuoriuscita risulta più difficile e ciò comporta irritazioni e/o e piccoli tagli nell’intestino e nell’ano.

  • Infezioni batteriche come la salmonella o l’Escherichia coli possono causare infiammazioni al colon (colite)

  • Ghiandole anali infiammate e/o compresse - Le ghiandole anali sono due piccole sacche poste su entrambi i l lati dell’ano che, quando il gatto defeca, rilasciano una sostanza densa e maleodorante. A volte queste ghiandole si comprimono o si infiammano e questo comporta infezioni e/o un ascesso.

  • Imprudenza alimentare – se ha ingoiato un oggetto duro come un pezzetto d’osso, oppure del pelo che irritano il rivestimento del colon.

  • Intolleranze o allergie alimentari ad uno specifico tipo di cibo.

  • Malattie infiammatorie intestinali – ovvero le infiammazioni del tratto gastrointestinale. Sebbene la causa non sia del tutto chiara, si pensa sia dovuto alla presenza di batteri, parassiti o intolleranza alimentare. Le cellule infiammatorie penetrano nella mucosa e causano l’infiammazione.

  • Disturbi della coagulazione del sangue - Trombocitopenia (piastrine basse nel sangue), diffusa coagulazione intravascolare .

  • Colite – l’infiammazione del colon causata da un’infezione, intolleranza alimentare, tumore, pancreatite, infezioni batteriche

  • Avvelenamento – ci sono molti veleni che provocano la presenza di sangue nelle feci.

  • Tumore – la crescita di un tumore maligno, in genere nella parte inferiore dell’intestino, può avvenire nei gatti di tutte le età, ma colpisce maggiormente i gatti più anziani.

  • Polipi rettali, anali o nel colon - escrescenze benigne (non tumorali).

Se hai notato del sangue nelle feci del tuo gatto ti consiglio di consultare un veterinario. Cerca anche altri sintomi come ad esempio la perdita di appetito, la comparsa di parassiti, letargia, vomito, ecc., in quanto questo può aiutare il veterinario a determinarne la causa.

Altri sintomi a cui prestare attenzione:

Se hai notato la presenza di sangue nelle feci, fai attenzione ad altri problemi che possono aver colpito i tuo micio in modo da poter informare subito il veterinario. Per esempio, oltre al sangue è presente del muco? Altri sintomi sono:

  • Difficoltà nel defecare.
  • Dolore durante la defecazione.
  • Aumento della quantità di movimenti intestinali.
  • Dolore addominale.
  • Vomito.
  • Diarrea.
  • Febbre.
  • Presenza di escrescenze anomale attorno all’ano.
  • Perdita di peso.
  • Letargia.
  • Perdita di appetito.
  • Presenza di sangue attorno all’ano.

Spesso non ci sono questi sintomi, ma ciò non esclude la possibilità che ci sia un problema di fondo. Se vedi del sangue nelle feci del micio più di una o due volte, allora è meglio esaminare più a fondo il problema attraverso degli accertamenti, anche se non vi sono altri sintomi.

Come viene diagnosticata tale presenza?

Se possibile, prova ad avere un campione di feci da portare dal veterinario per un’analisi più approfondita.

Il veterinario effettuerà un’analisi medica completa, ti chiederà la storia clinica del tuo micio, ti farà domande circa le sue feci (se sono dense e compatte, se il sangue è in superficie o fa parte di esse). Se le feci sono dense, la maggior parte dei gatti soffre di costipazione, polipi o problemi alle ghiande, invece se sono mollicce può essere un’infiammazione o un’infezione.

Avrà bisogno di effettuare ulteriori esami per determinare la causa del sanguinamento e tra questi vi possono essere:

  • Esame delle feci per verificare la presenza di parassiti.
  • Emocromo completo per cercare infezioni, infiammazioni o anemia.
  • Radiografie addominali per cercare escrescenze, corpi estranei e controllare gli organi interni.
  • Ecografie addominali per cercare escrescenze, corpi estranei e controllare gli organi interni.
  • Biopsia – se viene trovata una massa, il tuo veterinario può decidere di eseguire una biopsia per esaminare un campione di cellule.
  • Analizzare il profilo biochimico per determinare lo stato di salute del tuo gatto.
  • Analisi delle urine.
  • Colonscopia - un esame visivo del colon effettuato con un endoscopio mentre il tuo gatto è sotto anestesia. Se necessario, verrà prelevato un campione di tessuto per analizzarlo.

Quale terapia bisogna seguire?

La terapia dipende dalla causa di fondo, se non se ne trova una il tuo veterinario può suggerirti di fargli seguire per qualche giorno una dieta blanda.

  • Lassativi e/o altri farmaci possono aiutare contro la costipazione.

  • Un appropriato trattamento contro i parassiti come farmaci anti parassitari

  • Antibiotici per combattere le infezioni batteriche.

  • Se c’è il sospetto di un’allergia alimentare, il tuo gatto verrà sottoposto ad un tipo di dieta “di esclusione” la quale prevedrà un tipo di alimentazione che il gatto non ha mai seguito prima (per esempio potrebbe essergli somministrata dell’anatra). Se adesso i sintomi dell’allergia sono più chiari il gatto verrà nuovamente “sfidato” in modo tale che (se si ripresentano) sarà chiaro che è il cibo a causargli problemi. In questo caso basterà cambiare la marca del suo cibo.

  • Intervento chirurgico per rimuovere polipi o tumori.

  • Clistere per cercare di eliminare corpi estranei e altro. Se ciò non è possibile allora sarà necessario intervenire chirurgicamente.

  • Se le ghiandole anali sono infettate, il tuo veterinario le svuoterà e le ripulirà con degli antibiotici. Se il problema si ripresenta, il veterinario potrebbe decidere di rimuoverle.

  • La terapia di supporto come ad esempio l’introduzione di liquidi per via endovenosa per correggere la disidratazione, in cui si sono verificati altri sintomi come vomito o diarrea.

Barbara Lombardi
dott.ssa Barbara Lombardi

Barbara Lombardi è una veterinaria nonché scrittrice freelance specializzata sul tema della salute e del benessere degli animali domestici. Amante appassionato di cani e gatti, Barbara ha una grande esperienza nella scrittura di articoli sulla cura dei nostri amici animali.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 87 persone con una media di 4.8 su 5.0)

2 Commenti

  1. Federica Zemmi

    salve io ho una domanda ho notato che il gattino di 4 mesi ha fatto feci molli con un pochino di sangue di colore chiaro, arrivando al punto avevo gia notato che mangia quello degli altri due gatti adulti ebla cosa mi aveva gia messo in allerta e vorrei capire come potergli far mangiare solo il suo. anche perche altri sintomi non ne ha è vivace mangione e dolcissimo grazie a chi mi aiuterá. ps: stiamo via un po di ore da casa e avrei bisogno di una soluzione divisoria che lasci sempre comunque l accesso al cibo grazie
  2. Stefy

    Bn sera purtroppo il mio gatto oggi mentre faceva le feci ho notato anche un s abbondante di sangue non è vaccinato ma io lo tengo a casa come un figlio non o possibilità di farlo guardare da un veterinario e questo mi fa stare male che mi consiglia cosa posso fare? Grazie in anticipo

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty