Gestire la rivalità tra fratelli nei Cani

Scritto da dott.ssa Barbara Lombardi nella categoria Cani
Gestire la rivalità tra fratelli nei Cani

Condividere una casa con due o più cani può rivelarsi piuttosto impegnativo in alcuni casi. Nel caso in cui si abbiano due cani appartenenti alla stessa cucciolata, la rivalità tra fratelli generalmente non risulta essere un grosso problema. Tuttavia, in alcune occasioni, si può trasformare in un problema reale, che potrebbe sfociare in lotte scaturite per le più irrisorie motivazioni. Il risultato? Spesso, purtroppo, i cani finiscono per riportare brutti morsi e lesioni che portano a una dispendiosa visita dal veterinario.

Anche i migliori amici possono rivoltarsi l'un l'altro

Anche i cani cresciuti insieme e da sempre migliori amici possono, improvvisamente, risultare aggressivi fra di loro. Solitamente, i casi di azzuffi in questa circostanza, sono determinati dalla volontà di un singolo cane di dimostrasi l'esemplare dominante della casa. Nel caso in cui l'altro cane non avesse intenzione di sottomettersi, si potrebbe generare un vero e proprio scontro per determinare chi dei due sia il capo. Generalmente questo tipo di scontro avviene quando ci sono persone presenti e, tipicamente, quando i cani devono essere nutriti. Quando il cibo è l'innesco, la conseguenza può essere quella di trovarsi ad avere a che fare con dei cani possessivi nei confronti del cibo, il che potrebbe portare a una condizione di aggressività evidente anche in altre situazioni.

Quando due o più cani iniziano a dimostrare i primi segnali di un'aggressività molto sviluppata nei confronti l'uno dell'altro, occorre risultare, in quanto padroni, molto fermi e decisi, facendo in modo che i propri amici a quattro zampe capiscano che siamo noi il cane alfa nella casa, non loro. Se è necessario, potrebbe essere una soluzione quella di contattare un veterinario comportamentalista prima che i cani rischino di farsi male seriamente.

Le cause che comportano rivalità tra fratelli sono le seguenti:

  • Un cane può salire sul divano o sul letto guadagnando più attenzioni rispetto agli altri;
  • I proprietari non si rendono conto o non rispettano la condizione di essere il cane alfa in casa;
  • I cani sono molto coccolati dai proprietari perché si sentono in colpa per averli lasciati soli in casa per un lasso di tempo.

In alcuni casi anche l'alimentazione gioca un ruolo fondamentale, per esempio del cibo troppo scadente può innescare un cambiamento comportamentale poiché include alte percentuali di riso o cereali, piuttosto che di carne. Troppi carboidrati ed ecco che i cani diventano iperattivi, condizione che peggiora sicuramente le cose. Loro dimostrano maggiore aggressività e la loro voglia di cacciare diventa sempre più forte.

I cani troppo viziati dai loro proprietari, anziché disciplinati correttamente, possono portare a una rivalità tra fratelli. Questi splendidi animali hanno bisogno di essere nutriti con cibo di buona qualità, devono vivere in un ambiente sicuro, fare molta attività fisica, così l'amore e l'affetto che se ne trarrà sarà a portata di coda.

Come ridurre il rischio di rivalità tra fratelli

Ci sono cose che si possono fare per ridurre il rischio di rivalità tra fratelli, che potrebbe portare a lotte e litigi anche piuttosto seri, come per esempio:

  • Nutrire sempre i cani separatamente in modo che non siano vicini. Se durante i pasti si rivelano molto aggressivi l'uno nei confronti dell'altro, potrebbe essere necessario nutrirli in stanze separati, in modo che non possano vedersi.
  • Trattarli sempre tutti allo stesso modo, senza mostrare più affetto verso uno e non agli altri.
  • Ignorare qualsiasi richiesta di attenzione di tutti i cani – incluso quando, molto agitati, arrivano incontro al padrone appena tornato a casa.
  • Dare ai cani l'attenzione solo quando gliela si vuole dare, ma non quando lo richiedano. Il proprietario è il cane alfa e in quanto tale sta a lui decidere quando le cose devono accadere. Questo include decidere quando accarezzarli, nutrirli o portarli fuori per una passeggiata.
  • Educare ogni cane individualmente, assicurandosi di ottenere sempre una corretta risposta a ogni comando, iniziando sempre con le basi (seduto, giù, su, fermo, vai e vieni).
  • Se un cane ha il permesso di salire sul letto o sul divano, tutti gli altri dovranno avere lo stesso diritto. La cosa migliore da fare è far sì che nessuno dei cani abbia la possibilità di salire dove sta il cane alfa.
  • I cani devono essere addestrati, non devono strattonare o correre oltre al padrone, sia in casa che fuori durante le passeggiate.
  • È necessario fornire stimoli mentali ai propri cani, così come molta attività fisica. Facendo una media, 15 minuti di stimolazione mentale equivalgono a un'ora di cammino.

Conclusioni

Condividere una casa con molti cani è estremamente divertente, ma è necessario far sì che tutti conoscano e rispettino il fatto che è il padrone a essere il cane alfa. La rivalità tra fratelli può emergere anche se i cani si conoscono da tanto tempo, solo perché c'è confusione su chi sia il capo in casa: i cani dovranno, ovviamente, impostare la propria gerarchia interna, aspetto che dovrà rispettare anche il padrone trattando tutti allo stesso modo e senza dare più attenzione a uno più che agli altri. Il cibo è spesso un innesco per far sì che esplodano litigi tra fratelli, in questo caso la questione dovrà essere risolta immediatamente, altrimenti anche il minimo screzio potrebbe dar vita a una vera e propria lotta.

Barbara Lombardi
dott.ssa Barbara Lombardi

Barbara Lombardi è una veterinaria nonché scrittrice freelance specializzata sul tema della salute e del benessere degli animali domestici. Amante appassionato di cani e gatti, Barbara ha una grande esperienza nella scrittura di articoli sulla cura dei nostri amici animali.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 2 persone con una media di 5.0 su 5.0)

Ebook: Guida alla dieta crudista per Cani

Guida alla dieta crudista per Cani

Ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty