La cioccolata è davvero tossica per i gatti?

Scritto da nella categoria Gatti - 2 commenti
La cioccolata è davvero tossica per i gatti?

Tutti coloro che possiedono un cane e praticamente tutti quanti nel mondo sanno che la cioccolata non dovrebbe essere data al cane in quanto tossica per loro, capace di produrre semplici disturbi alla digestione se assunta in piccole quantità fino ad essere fatale se il cane ne mangia troppa.

Tuttavia, è meno noto quello che la cioccolata fa al gatto e il fatto che non dovrebbe mangiarne. Mentre i gatti hanno meno probabilità di trovare appetibile il cioccolato, rispetto ai cani, possono comunque provare a mangiarlo o a mangiare prodotti a base di cacao. Per questo motivo è importante che i proprietari di gatti sappiano come il cioccolato o il cacao possono diventare tossici e rischiosi per la salute del gatto, evitando, così, che questo accada.

Continuate a leggere per sapere tutto quanto.

Perché i gatti dovrebbero mangiare cioccolato o cacao?

Superficialmente potrebbe sembrare irrilevante che i gatti non debbano mangiare cioccolato, dato che non è un alimento particolarmente appetitoso per i loro gusti e che, pertanto, non tendono a cercare. Nonostante questo, però, potrebbe succedere che il gatto entri in contatto con cioccolato o cacao, specialmente se entrano in gioco questi fattori:

  • Cioccolata o cacao caldi a base di latte o panna: possono essere appetitosi per i gatti che vorrebbero mangiare il latte o la crema.
  • Il cioccolato al latte è ricco di latte, così come il cacao, il suo profumo può essere appetitoso.
  • Torta al cioccolato ripiena di crema o altre sostanze che possono piacere ai gatti.
  • Alcuni gatti sono veri e propri abili ladri, possono quindi mangiare velocemente qualcosa caduto a terra, prima ancora di elaborare quello che hanno appena mangiato.
  • I gusci di cacao gettati in giardino possono rappresentare un rischio potenziale, quindi è meglio evitare di farlo.

Qual è la quantità di cacao pericoloso per i gatti?

Non c'è una quantità minima che possa considerarsi sana o adatta per i gatti, non bisognerebbe mai offrire al proprio gatto delizie al cioccolato, avanzi o qualsiasi altra cosa che contenga anche semplice cacao. Tuttavia se il gatto riesce a mangiarne un po', in uno dei casi elencati sopra, la differenza sull'effetto finale la fa la quantità che assume.

L'elemento di cacao e cioccolata pericoloso per i gatti si chiama teobromina, il cioccolato scuro o nero e il cacao sono i più ricchi, il cioccolato al latte ne contiene un po' meno e quello bianco quasi per nulla. La teobromina ha un effetto tossico sul fegato dei gatti e può portare a insufficienza epatica o tossicità sistemica.

La quantità di cacao o cioccolato dannosa per il gatto dipende, quindi, dalla quantità di teobromina presente nel prodotto. Questo dipende, altrettanto, dal tipo e dalla quantità di cioccolato o cacao mangiato, dalle dimensioni del gatto e dalla sua salute.

I gatti che hanno già problemi al fegato sono esposti a un rischio più alto rispetto a un gatto in buona salute, ma anche un gatto sano può ammalarsi dopo aver mangiato del cioccolato.

Mentre nessun gatto è incline a mangiare un'intera tavoletta di cioccolato, e di regola i gatti non sono attratti dal suo sapore, potrebbe essere utile riferirsi a queste figure di base sull'ammontare di teobromina nel cioccolato e gli indici di tossicità:

  • Ingerire meno di 10 mg di teobromina non dovrebbe portare effetti negativi sul gatto, a meno che non sia molto piccolo o non abbia un fegato debole.
  • Ingerire più di 10 mg può esporre il gatto al rischio di disturbi, per cui è necessario contattare il veterinario.
  • Ingerire 40-50 mg o più di teobromina può essere fatale, per cui dovrà essere trattata come un'urgenza.
  • Una piccola barretta di cioccolato al latte dal peso di 25 grammi*, contiene circa 50 mg di teobromina, quindi, anche in questo caso, il gatto sarà potenzialmente in pericolo di vita.
  • La stessa quantità di cioccolato, ma fondente, contiene fino a 200 mg di teobromina.

Cosa succede se il gatto mangia cioccolato o cacao?

Se il gatto mangia cioccolato o cacao, scambiandolo per qualcos'altro o attratto dal latte e dalla crema, bisogna per prima cosa cercare di fare una stima della quantità ingerita e trovare l'eventuale confezione del prodotto. A questo punto bisognerà contattare subito il veterinario e dargli tutte le informazioni richieste, incluse dimensioni e salute generale del gatto, quantità di cioccolato ingerito e tempo trascorso dall'ingestione.

Seguite i consigli del veterinario specie se chiede di portare subito il gatto alla clinica o di effettuare un attento monitoraggio a casa. Se il gatto ha potenzialmente mangiato molto cioccolato o cacao, si tratta di un'emergenza da trattare di conseguenza.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 23 persone con una media di 4.8 su 5.0)

2 Commenti

  1. Valentina

    Salve vorrei porvi una domanda un pò insolita , ho un gatto siamese e l'altra sera accidentalmente ha leccato la linguetta che fa da coperchio al budino che stavo mangiando (ha leccato semplicemente la linguetta) vorrei sapere se potrebbe essere pericoloso? Grazie in anticipo!
  2. Flavia

    Il mio gatto ha leccato una piccolissima parte del cioccolato che è presente sul gelato è pericoloso? Fatemi sapere al più presto grazie

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty