Perché il mio cane si gratta? 4 motivi scientifici e trattamenti collaudati

Scritto da dott.ssa Barbara Lombardi nella categoria Cani
Perché il mio cane si gratta? 4 motivi scientifici e trattamenti collaudati

Anche se potrebbe sembrare molto carino vedere un cane che si gratta l'orecchio con un'espressione di sollievo, il problema è che c'è qualcosa che provoca prurito nel cane. Grattarsi, rotolarsi e strofinarsi sono tentativi del cane di allontanare la parte che prude. Vi state chiedendo "perché il mio cane si gratta?" Vediamo cosa dice la scienza.

Proprio come negli umani, ci sono varie cause e irritanti che possono portare il cane a grattarsi: gli insetti, l'ambiente, il cibo e alcuni colpevoli possono essere identificati solo grazie al microscopio. Come proprietari di cani, è importante riconoscere i sintomi, richiedere una vera diagnosi e attuare il giusto trattamento.

Di seguito ci sono quattro delle risposte più comuni alla domanda "Perché il mio cane si gratta?". Vi diremo anche cosa si può fare per liberare il vostro cane da questi problemi. È importante che consultiate il veterinario quando notate che il cane si gratta più del normale. Spesso si può risolvere facilmente ma potrebbe anche essere un sintomo di qualcosa di più grave.

Perché il mio cane si gratta? Ecco cosa dice la scienza e cosa dovreste fare

Cane che si gratta

1 - Pulci

La prima e più comune causa di prurito nei cani

Quando chiedete, "perché il mio cane si gratta?" di solito vi rispondono, "Pulci?" Questi piccoli insetti sono diventati sinonimo di morsi, irritazioni e frustrante prurito che i cani sperimentano con la loro comparsa. I cani sono molto più a rischio perché sono più vicini al terreno e alla vegetazione in cui le pulci aspettano in attesa di un'imboscata.

Il prurito noto è come dermatite allergica da pulci ed è solitamente causato dalla saliva delle pulci (Baker et al. 1975). La saliva arriva sopra e dentro la pelle del cane dopo il morso della pulce, portando a una reazione ipersensibile. Solitamente compare un prurito estremo (a volte doloroso), "gonfiore" sul morso e alcuni segni d'irritazione dermale attorno alla ferita.

La risposta all'infiammazione legata ai morsi delle pulci può attivarsi dopo 15 minuti dal morso o essere ritardata fino a 48 ore dal morso. Poiché ogni cane è diverso per anatomia (taglia, altezza e peso) e fisiologia (modo in cui ognuno risponde allo stress) il tempo di reazione cambierà. Ma non fatevi illusioni, prima o poi comparirà.

Sorprendentemente, una delle specie più comuni di pulci che possono attaccare i cani, provengono dai gatti (Durden et al. 2005).

La pulce dei gatti morde più cani rispetto a quelle dei cani o alle solite pulci carnivore. Si suppone che poiché molti gatti (selvatici e domestici) hanno accesso ad aree esterne alla loro casa, hanno un potenziale più alto di diffondere le pulci dei gatti sui cani che frequentano luoghi dove si aggirano dei felini.

Prevenzione e trattamento- Nessun cane deve soffrire a lungo dall'incontro con una pulce. Oggi i veterinari hanno a disposizione vari strumenti per proteggere i cani e combattere le pulci. Questi trattamenti antipulci sono presenti in una vasta gamma: gocce, shampoo, talco, pillole, collari e addirittura spray per il tappeto di casa vostra.

Il problema delle pulci è che hanno la capacità di riprodursi a una velocità assurda, non ve la vedrete solo con una pulce ma anche con i suoi compari e tutte le loro uova. Il primo passo è fare un bagno veloce al cane per rimuovere detriti e sporcizia da pelle e manto, in questo modo le pulci avranno difficoltà a nascondersi.

Ci sono soluzioni scientificamente dimostrate contro le pulci?

Sì. Ci sono delle pomate topiche come la selamectina. Gli studi hanno dimostrato che è uno degli antipulci più potenti (McTier et al. 2000). È un adulticida (ucciderà le pulci adulte), ovicida (uccide le uova delle pulci) e larvicida(uccide le larve delle pulci). L'applicazione deve essere ripetuta per un paio di giorni, finché il conto al pettine è molto basso o completamente libero da pulci.

Avrete bisogno di una prevenzione a lungo termine. I collari a lento rilascio permettono di conservare sostanze al loro interno che saranno rilasciate lentamente.

Prendiamo come esempio l'imidacloprid/flumetrina, una soluzione che si è dimostrata efficace contro pulci e zecche nei cani (Stanneck et al. 2012). Queste possono essere inserite in trattamenti per collari antipulci e hanno dimostrato di tenere lontane dal cane il 95% delle pulci adulte e il 99% delle larve fino a 8 mesi.

Infine, pulite casa vostra dopo aver scoperto le pulci.

Fate delle ricerche su come liberarvi dalle pulci sul cane e da quelle presenti in casa. Potrebbe richiedere tempo, ma è assolutamente necessario quando notate le pulci sul cane (saranno sicuramente anche in casa e in giardino).

2 - Zecche

Il parassita più pericoloso, che è sempre tra i pensieri dei proprietari di animali.

A differenza delle pulci, le zecche sono diventate sinonimo di malattia e morte per cani e umani. Anche se alcuni sostengono che è semplicemente isteria, rimane il fatto che la malattia di Lyme è reale ed è trasmessa dalle zecche. Se la risposta alla domanda "perché il mio cane si gratta?" è zecche, probabilmente causerà del panico.

Le zecche sono vettori di una serie di altre malattie oltre alla malattia di Lyme. La malattia esantematica meridionale legata alle zecche (STARI in inglese), la febbre delle Montagne Rocciose (RMSF), ehrlichia e tularemia. Oltre alle irritazioni e al prurito, le zecche possono anche provocare febbre, brividi, fastidio e dolore.

Le persone non informate potrebbero dire che le zecche dei cervi (note per essere portatrici della malattia di Lyme) si trovino solo nelle foreste fredde o in aree remote; prove scientifiche suggeriscono che queste zecche si possano trovare anche in zone temperate e centri urbani, e sono molto comuni negli Stati Uniti (Shaw et al. 2001).

Questo è causa di preoccupazione, il raggio d'azione delle zecche si sta espandendo per includere aree dove solitamente non si trovano.

Le zecche riescono ad attaccare il cane proprio come le pulci, grazie alla prossimità al terreno, ai cespugli e anche grazie al pelo del cane che è un buon punto su cui attaccarsi. Potrebbe sembrare logico che la maggior parte delle zecche si concentri su zampe, spalle e muso, ma è stato osservato che le zecche si distribuiscono lungo tutto il corpo. Tuttavia, gli studi hanno dimostrato che le larve di pulci si trovano solitamente nelle orecchie del cane, che sono umide e offrono riparo (Kosch 1982).

Quando rispondete alla domanda "perché il mio cane si gratta?" ricordate che le zecche sono parassiti. Si nutrono dell'ospite, in questo caso il cane, e la gestione dell'infezione e del trattamento trarrebbero beneficio dalla conoscenza del ciclo vitale del parassita e della condizione ambientale in cui vivono (Dryden et al. 2004).

Il trattamento per le zecche è un po' più complicato di quanto pensiate. Ci sono molte specie di zecche e ognuna può essere portatrice di una malattia diversa. Non ci sono trattamenti generali per le zecche e ogni caso deve essere gestito individualmente.

Il passo principale sarebbe evitare che le zecche attacchino il vostro cane. Ma se il cane è stato già morso da una zecca, ci sono delle soluzioni scientificamente provate per trattare il morso di una zecca? Fortunatamente, sì- ci sono.

Per il morso di zecca, gli studi hanno dimostrato che una combinazione di imidacloprid e permetrina ha un effetto migliore rispetto al trattamento con fipronil e metoprene (Otranto et al. 2005).

Anche se esiste un trattamento simile, il miglior modo per ridurre le possibilità che il vostro cane prenda una malattia dalle zecche è controllare regolarmente il cane, specialmente dopo essere stati all'esterno. Usate una pinzetta per zecche per rimuovere con cautela una zecca appena la trovate sul vostro cane.

Parlate col vostro veterinario per sapere se ci sono malattie trasmesse dalle zecche nella vostra area o in luoghi che potreste visitare col vostro cane. E già che ci siete, chiedetegli anche degli anti-zecche. Ci sono diversi prodotti sul mercato che sono studiati per tenere lontane le zecche.

3 - Dermatite Allergica Ambientale

Ci sono più fonti di quanto pensiate.

I cani esposti agli acari di un ambiente spesso sviluppano una reazione allergica che causa un prurito incontrollabile. Questa condizione è chiamata dermatite atopica del cane, ed è stata approfondita nell'ultimo decennio (Hill et al. 2001). Tuttavia, durante lo studio di questa condizione, i ricercatori hanno notato che non sono solo gli acari a provocare la cAD, anche polvere casalinga, spore di muffa e vari antigeni hanno lo stesso effetto.

Se soffrite di allergie, sapete quanto possa essere frustrante gestirle. Immaginate la stessa sensazione con l'impossibilità di spiegarlo a parte grattandovi. È così che si sentono i cani con la dermatite atopica. Pensate quanto debba essere frustrante per lui quando vi chiedete "perché il mio cane si gratta?"

Di nuovo, ci sono trattamenti scientificamente provati per questo?

Sì. Il destrometorfano, un farmaco orale, ha dimostrato effetti rilevanti negli studi con i cani, riducendo leccate e morsi (Dodman et al. 2004).

Se usato insieme ad una piccola modifica del comportamento canino, l'uso del destrometorfano si è dimostrato efficace nella gestione degli effetti della cAD.

Inoltre, uno studio dell'Associazione Veterinaria Americana ha riscontrato che la soluzione topica di Triamcinolone acetonide (TTS), uno spray, può essere utilizzato per diminuire l'infiammazione che spesso accompagna questa forma di dermatite del cane (DeBoer et al. 2002). Con pochi e leggeri effetti collaterali, il TTS è un ottimo modo a breve termine per diminuire l'infiammazione, il prurito e le grattate che la dermatite basata sugli allergeni porta nella vita del vostro cane.

4 - Dermatite nutrizionale del cane

Quello che molti proprietari di animali ancora non sospettano.

La risposta alla domanda "perché il mio cane si gratta?" potrebbe essere semplicemente nel cibo che date al vostro cane; molti proprietari di cani, però, non penserebbero mai che questa possa essere una causa del prurito nei cani.

Mentre la dermatite basata sugli allergeni proviene dal mondo esterno, la dermatite nutrizionale avviene quando il sistema di un cane soffre a causa di qualcosa che ha ingerito. Le allergie alimentari non colpiscono solo gli umani, anche i cani possono mostrare sensibilità e questa è nota con il nome di dermatite nutrizionale.

Non c'è una definizione generale o una lista di cibi da evitare, la dermatite nutrizionale può essere causata da diversi cibi, dipende dal cane. Anche se ci sono marche di cibi per cani ipoallergenici, nessuna di queste marche è ipoallergenica al 100% per i cani. Vi consigliamo di leggere quest'articolo di un dottore di medicina veterinaria per capire perché non lo sono.

Poiché non possiamo evitare di nutrire i cani, dobbiamo capire cosa causa la reazione allergica nel cane e bloccarla. Sappiamo che di solito le reazioni allergiche attivano un rilascio d'istamina nei cani, questo causa infiammazione, arrossamento, gonfiore e prurito. Per combattere la dermatite nutrizionale nei cani è necessario gestire o evitare il rilascio d'istamina.

Come si gestisce o si previene il rilascio d'istamina nei cani?

Uno dei modi migliori è usare l'acido linoleico coniugato (CLA), durante gli studi è stato riscontrato che inibisce notevolmente gli effetti del rilascio di istamina (Bloom 2008). Questo è uno dei modi più efficaci per affrontare le allergie alimentari e la dermatite topica nei cani.

In alternativa, l'assunzione orale del probiotico Lactobacillus rhamnosus (ceppo GG) riduce le reazioni allergiche provocate da questa forma di dermatite (Marsella 2009). Questo è stato osservato anche in molti studi sugli umani. Inoltre, i probiotici hanno altri benefici sui cani, tutti legati a rilevanti miglioramenti nella flora intestinale e microbiota del cane.

Barbara Lombardi
dott.ssa Barbara Lombardi

Barbara Lombardi è una veterinaria nonché scrittrice freelance specializzata sul tema della salute e del benessere degli animali domestici. Amante appassionato di cani e gatti, Barbara ha una grande esperienza nella scrittura di articoli sulla cura dei nostri amici animali.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 9 persone con una media di 4.9 su 5.0)

Ebook: Guida alla dieta crudista per Cani

Guida alla dieta crudista per Cani

Ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty