Ingredienti OGM nel Cibo per Cani: alcuni luoghi comuni

Scritto da dott.ssa Barbara Lombardi nella categoria Cani
Ingredienti OGM nel Cibo per Cani: alcuni luoghi comuni

Il dibattito sulla questione del cibo contenente OGM (Organismi Geneticamente Modificati) per le persone è qualcosa che di certo attira molti pareri, e molte persone vedono i cibi OGM con grande sospetto, evitando il loro consumo e prendendo una decisione consapevole come consumatori di rifiutare di acquistare alimenti con ingredient OGM. Gli alimenti che contengono OGM non sono così comuni in Italia come lo sono in altri paesi, in gran parte a causa del sospetto che gli OGM generino in molti consumatori, ma comunque gli OGM possono essere trovati in tutta una serie di cose che consumiamo ogni giorno, soprattutto i prodotti che sono coltivati o prodotti all’estero e importati in Italia per la vendita.

Gli OGM possono essere trovati anche nel cibo per cani, soprattutto di nuovo in prodotti realizzati all’estero, o quella fonte alcuni dei loro ingredienti provenienti da fuori d’Italia. Ciò è particolarmente vero per i grani che spesso funzionano come riempitivo all’interno di alimenti per cani, e una notevole quantità di cibo per cani sul mercato conterrà uno o più ingredienti OGM in una forma o nell’altra.

Quindi, gli ingredienti OGM negli alimenti per cani sono un problema, e sarebbe meglio evitarli? Non necessariamente! Mentre la decisione finale su cosa dar da mangiare al vostro cane risiede in te, è importante avere una conoscenza di base dei fattori importanti che contribuiscono a rendere la vostra decisione su cosa comprare, e imparare un poco riguardo i cibi OGM ti aiuterà a farlo.

In questo articolo vedremo l’utilizzo degli ingredienti OGM nel cibo per cani e sfateremo alcuni luoghi comuni riguardo il loro utilizzo.

Cosa sono esattamente gli OGM?

Un OGM è un organismo presente in natura (ad esempio una pianta o animale) il cui profilo DNA é stato modificato artificialmente (in modo tale che non esista in natura) mediante l’introduzione di geni da un organismo differente.

L’ingegneria degli OGM può essere utilizzata per tutta una serie di cose, come aumentare la resistenza di una coltura dai parassiti che potrebbero distruggerla o per migliorare il rendimento o il contenuto nutrizionale delle colture alimentari.

5 credenze ben radicate sugli OGM nel cibo per cani

Ci sono molte informazioni e allarmismo circa gli alimenti e ingredienti OGM, e comprensibilmente, alterare il profilo DNA di qualcosa artificialmente non è una procedura che dovrebbe essere presa alla leggera, ma non avviene senza una buona ragione. Per un alimento o ingrediente OGM è vitale, i benefici associati ad essa devono essere superiori ad eventuali svantaggi potenziali, e tutti i prodotti OGM che raggiungono il mercato non sarebbero arrivati lì senza una quantità significativa di ricerca e di revisione.

Naturalmente è perfettamente normale e comprensibile che molte persone si oppongano ai cibi OGM in linea di principio, ma è anche importante che tutti comprendano la realtà degli alimenti OGM e che possano prendere una decisione consapevole sul proprio punto di vista e scelte quando si tratta di OGM. Qui ci sono cinque dei miti più spesso citati e pregiudizi che circondano gli ingredienti OGM nel cibo per cani.

1. L’ingegneria degli OGM è una scienza nuova che deve ancora essere dimostrata come sicura.

Gli scienziati iniziarono a lavorare sulle colture alimentari con l’ingegneria genetica nei primi anni del 1990, e così gli ingredienti OGM e la scienza del suo studio si è espansa per oltre venti anni. Alcuni cibi OGM sono stati effettivamente disponibili e sul mercato da quel momento, e così l’ingegneria degli OGM non è una scienza molto recente come molte persone pensano sia.

2. Non si può essere sicuri di quello che si ottiene con i cibi OGM

La sicurezza, lo sviluppo e la vendita di alimenti OGM è una delle industrie più strettamente regolamentata in tutto il mondo, e a tutti i prodotti che sono arrivati sul mercato sono serviti molti anni per svilupparsi, essere studiati, testati e essere rivisti prima della vendita. Una persona o una società non possono decidere semplicemente che un giorno vogliono alterare il DNA di un determinato prodotto, e poi servirlo ad un pubblico ignaro!

3. Gli ingredienti OGM non sono sicuri

Tutte le piante e gli ingredienti OGM devono soddisfare gli stessi standard di sicurezza, nutrizione e sostenibilità, come gli alimenti non OGM, e in effetti, i prodotti OGM sono molto più altamente regolamentati e sottoposti ad un’esaminazione molto più severa rispetto ai prodotti inalterati.

Per far si che un cibo OGM raggiunga il mercato, esso deve essere legalmente approvato dopo potenzialmente molti anni di lavoro per l’approvazione, e rimarrà in fase di studio e sotto i riflettori per molti anni a venire.

4. Gli ingredienti OGM forniscono massa ma meno nutrizione

Uno degli scopi principali della produzione di alimenti OGM è quello di aumentare la resa di un raccolto, alterandolo per produrre le parti desiderate più grandi o più prolifiche rispetto a quanto potrebbe essere raggiunto. Tuttavia , accrescendo solo la massa e il volume non è auspicabile in sé per sé, e affinché un alimento OGM sia utilizzabile deve essere nutriente e adatto allo scopo come i prodotti alternativi, e in alcuni casi, potrebbe esserlo ancora di più .

5. I cibi OGM possono causare allergie

Poiché lo sviluppo di alimenti OGM comporta l’introduzione di DNA da un prodotto in un altro, questo può teoricamente estendere il rischio di trasferimento di composti allergenici dal prodotto aggiuntivo nel nuovo organismo. Questo è ovviamente la preoccupazione per le persone i cui cani soffrono di allergie; ad esempio, si potrebbe ragionevolmente pensare che qualcuno con una allergia alle arachidi avrebbe bisogno di evitare un altro raccolto il cui profilo OGM incluso il DNA di una certa parte della pianta di arachidi.

Tuttavia, gli scienziati OGM e i produttori sono super consapevoli di questa preoccupazione riguardante i suoi lati negativi, e lavorano sodo per garantire che caratteristiche potenzialmente allergeniche non vengano trasferite da un organismo all’altro. I cibi OGM hanno dimostrato di non apportare una maggiore incidenza di reazioni allergiche rispetto ai prodotti alternativi da piante non - alterate, e prodotti OGM che possono contenere potenziali allergeni saranno evidenziati in grassetto sulla confezione.

Barbara Lombardi
dott.ssa Barbara Lombardi

Barbara Lombardi è una veterinaria nonché scrittrice freelance specializzata sul tema della salute e del benessere degli animali domestici. Amante appassionato di cani e gatti, Barbara ha una grande esperienza nella scrittura di articoli sulla cura dei nostri amici animali.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 3 persone con una media di 5.0 su 5.0)

Ebook: Guida alla dieta crudista per Cani

Guida alla dieta crudista per Cani

Ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty