Come far mangiare un gatto malato

Scritto da Arianna nella categoria Gatti
Come far mangiare un gatto malato

Quando un gatto non si sente bene, smette di mangiare. Quando smette di mangiare, inizia a sentirsi sempre peggio e ad avere sempre meno appetito. È un circolo vizioso che è necessario fermare il prima possibile per far sì che l’animale guarisca.

Il primo passo consiste nel determinare la ragione per cui il gatto non mangia. A volte è possibile farlo ricordando il fatto che quasi tutti i gatti detestano il cambiamento, quindi qualsiasi modifica apportata all’abitazione potrebbe essere responsabile. Visitatori, nuovi animali domestici, cibo differente, una nuova ciotola, nuove attività quotidiane, la variazione del luogo del pasto, e via discorrendo. Ognuna di queste cose potrebbe essere colpevole del fenomeno. Per quanto più possibile, cercate di far tornare l’ambiente domestico e l’alimentazione dell’animale alle loro origini, a ciò che è considerato “normale” dal gatto, e vedete cosa avviene.

Se fare ciò non risolve il problema, o se notate sintomi preoccupanti, forse è il caso di fare un controllo dal veterinario. Qualsiasi patologia contraibile dai gatti può potenzialmente intaccare il loro appetito.

La guarigione potrebbe essere molto diretta. Per esempio, un gatto con problemi dentali tornerà a mangiare immediatamente appena svanito il dolore. A volte, però, è necessario incoraggiare il gatto a mangiare mentre cerchiamo di capire cosa c’è che non va o attendiamo che le cure facciano effetto.

Nonostante abbia appena affermato che i gatti detestano il cambiamento, a volte è possibile cercare di stimolarli a provare qualcosa di nuovo, nel caso in cui si tratti di cose irresistibili dal punto di vista del micio. Provate a comprare alcune confezioni di cibo in scatola di gusto diverso. Sistematene un po’ su un piattino e riscaldate appena il tutto. Se il gatto non mostra interesse, provate ad aggiungere olio di pesce, brodo di gallina, succo di tonno o un uovo sodo.

Rendete il pasto un momento sociale e piacevole. Portate il gatto in una zona tranquilla della casa, possibilmente con un diffusore che emani feromoni felini e che segnali al gatto che tutto va bene. Provate ora a nutrirlo per mezzo della vostra mano o mettete una piccola porzione di paté su un dito e sfiorate le sue labbra. Accarezzate il gatto e complimentatevi con lui. Se lo consente, provate a somministrargli del cibo tramite l’utilizzo di una siringa. Badate bene a non forzarlo, però. Nutrire forzatamente genera stress nel gatto e può essere pericoloso per voi.

Se nessuno di questi trucchi funziona, fatevi prescrivere uno stimolante dell’appetito dal vostro veterinario, che in alcuni casi potrebbe persino raccomandarvi l’utilizzo di un tubo di alimentazione. L’idea del tubo può causare rifiuto in molti proprietari, ma tutti coloro che hanno accettato di eseguire la procedura sono stati entusiasti dei risultati. Il tubo di alimentazione rende incredibilmente semplice somministrare al vostro gatto tutto il cibo, l’acqua e i farmaci di cui ha bisogno.

Uno degli errori più grandi che i proprietari tendono a fare è quello di aspettare troppo prima di contattare il veterinario affinché controlli il loro gatto che ha smesso di mangiare. Gli effetti negativi di una scarsa alimentazione iniziano già dopo pochi giorni e, più si aspetta, più sarà difficile far tornare il gatto a mangiare.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 50 persone con una media di 4.7 su 5.0)

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty