I gatti possono avere i geloni?

Scritto da nella categoria Gatti
I gatti possono avere i geloni?

Quando l’estate scompare e comincia l’autunno, il clima più freddo comporta più bisogno di attenzioni e cure per i nostri animali. I gatti in particolare amano trascorrere il tempo all’aperto, se possono, e si abituano a stare all’aperto quando fa caldo, quindi quando le temperature cominciano ad abbassarsi può preoccupare un po’ il loro restar fuori tutta la notte.

Va da sé che i gatti che vivono in casa non corrono molti rischi rispetto a quelli che vivono all’esterno, ma chi vive in campagna sa che è molto difficile tenere i propri animali sempre in casa. Dato che molti gatti trascorrono l’intera notte fuori a rincorrere altri gatti e prede varie, questa cosa li rende un po’ vulnerabili quando la temperatura esterna si abbassa improvvisamente e comincia a fare molto freddo.

I gatti, proprio come le persone, possono essere presi alla sprovvista dalle condizioni meteorologiche e, se non riescono a tornare a casa, troveranno un rifugio per evitare il peggio. Nonostante questo, sono molto vulnerabili alle temperature basse che possono causare geloni, una malattia molto dolorosa che richiede l’attenzione tempestiva del veterinario.

Cosa sono i geloni?

Il termine geloni si riferisce a una malattia per la quale lo strato epidermico è danneggiato a causa dell’esposizione a temperature estremamente basse. Se un gatto si trova al riparo dal vento e in un luogo asciutto ed è in buona salute, sarà in grado di sopportare bene delle temperature molto basse. Tuttavia, se non riesce a trovare un posto riparato o ha ferite o è indebolito per qualche motivo, diventerà molto vulnerabile e, di conseguenza, potrebbe raggiungere una condizione chiamata ipotermia, e le estremità del suo corpo saranno molto fredde, in breve significa che ha avuto i geloni. I sintomi dell’ipotermia includono i seguenti:

  • Brividi
  • Zampe, orecchie e coda estremamente fredde al tatto
  • Apatia

Cosa fare se il tuo gatto è all’esterno in condizioni climatiche estreme

Se trovi il tuo gatto fuori casa dopo una notte estremamente fredda e mostra uno dei sintomi nominati sopra, la prima cosa da fare è riscaldarlo avvolgendolo lentamente con delle coperte e massaggiargli piano il corpo. L’unica cosa da non fare mai è quella di riscaldare il tuo animale troppo in fretta, non dovresti mai metterlo nell’acqua calda, è la cosa peggiore che potresti fare. La cosa successiva da fare è portare subito il tuo gatto dal veterinario, spiegandogli al telefono cosa credi sia successo, così da farlo essere preparato al vostro arrivo.

Il veterinario di solito controlla i livelli di glucosio dell’animale domestico e lo mette in fluidi caldi IV per aiutare ad accelerare la guarigione. Potrebbe anche fargli dei clisteri, molto efficaci per aumentare la temperatura corporea del gatto rispetto alla pelle esterna. La cosa successiva da controllare è se il tuo gatto ha avuto i geloni, visibili solo circa 48 ore dopo, quando il tessuto è danneggiato e comincia a rigonfiarsi. Questa cosa quando accade è molto dolorosa, perché il sangue non arriva ai nervi e la pelle diventa nera. Se il tessuto è gravemente colpito, cadrà, cosa che potrà succedere dai venti ai trenta giorni dopo.

Il tuo gatto potrebbe aver avuto dei geloni meno gravi sulla punta delle orecchie, dato che è la zona che in genere viene colpita. Tuttavia, se la situazione è più grave, può succedere che perdano una punta o due, o anche la coda, in casi davvero estremi. È davvero importante che i geloni siano curati dal veterinario, che somministra di solito una cura di antibiotici, così da evitare infezioni che potrebbero portare ulteriori problemi di salute. Allo stesso tempo il veterinario sarà capace di dare sollievo al tuo gatto tramite farmaci per farlo stare meglio fin quando non guarisce e potrebbe consigliare di tenerlo in ambulatorio fino ad allora.

Conclusione

Quando le temperature si abbassano drasticamente è meglio far stare i gatti in casa, al caldo. Tuttavia i gatti spesso vogliono uscire fuori di sera e a volte non tornano per l’intera nottata. Può essere molto preoccupante il fatto che il tuo gatto stia fuori tutta la notte con temperature molto fredde e potresti non rivederlo comparire. Se sospetti che il tuo gatto abbia avuto i geloni, dovrai riscaldarlo lentamente usando coperte e asciugamani prima di portarlo dal veterinario per un controllo approfondito. I geloni non sono molto visibili ma diventano visibili circa 48 ore dopo, cosa che dovrai considerare quando lo porti dal veterinario.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 1 persone con una media di 4.5 su 5.0)

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty