La diverticolite nei cani

Scritto da nella categoria Cani
La diverticolite nei cani

La diverticolite è un disturbo dell'apparato digerente relativamente comune tra le persone, ma che può colpire anche i cani. Provoca la formazione di piccole sacche, chiamate diverticoli, che generalmente interessano l'intestino crasso piuttosto che il tenue, ma che possono comunque essere presenti in entrambi.

La diverticolite stessa, e il divampare della condizione, si verifica quando i diverticoli si infiammano. La condizione può divenire cronica, ovvero stabilirsi come condizione permanente, che tenderà ad alternarsi tra periodi di crisi e periodi di piena salute nel cane, che però potrebbe soffrire di problemi correlati. I diverticoli, inoltre, possono arrivare a rompersi, procurando un dolore addominale che può essere lieve o particolarmente intenso. Di solito l'area più comunemente colpita è il lato sinistro della parete intestinale, per questo motivo un dolore al fianco sinistro risulta essere un sintomo molto comune.

Se il vostro cane dimostra di avere uno stomaco particolarmente sensibile o attraversa periodi di dolore nella zona addominale, la diverticolite può essere una diagnosi probabile che il veterinario prospetterà. In questo articolo conosceremo più nel dettaglio la diverticolite nel cane, compresi i sintomi, il trattamento e la gestione della malattia. Per saperne di più vi invitiamo a leggere quanto segue.

Quando si verifica la diverticolite nei cani?

La diverticolite nel cane si ha quando le feci presenti nell'intestino non vengono eliminate correttamente, esattamente come può accadere nei cani che tendono a soffrire di costipazione. Ciò comporta un accumulo di materia fecale che il colon deve sopportare, finendo per generare zone dolenti che andranno a formare i diverticoli, o le sacche, che rischieranno di infettarsi o di rompersi.

Ciò provoca un comprensibile dolore e disagio per il cane, che potrà essere colpito in maniera più o meno intensa.

Se non curata, la diverticolite può portare a una serie di complicanze potenzialmente gravi, tra le quali si contano perforazioni intestinali, infezioni e sanguinamento intestinale, visibile attraverso le feci. I diverticoli possono portare anche a fistole, che si presentano nel caso in cui due diverticoli si attaccano o si fondono insieme.

I sintomi della diverticolite canina

La diverticolite nei cani si presenta con dei sintomi molto simili alla colite canina, una delle prime condizioni che il veterinario dovrà escludere. I sintomi principali della malattia includono:

  • Crampi;
  • Dolore addominale, in particolare al fianco sinistro;
  • Dilatazione addominale;
  • Spasmi addominali;
  • Febbre o brividi,
  • Nausea e potenzialmente vomito;
  • Diarrea.

Il dolore nella zona addominale, generalmente la parte sinistra, spesso può portare a gonfiore e crampi che causano spasmi. La diverticolite genera nel cane una maggiore necessità ad andare d'intestino mentre le feci si presenteranno piuttosto liquide e acquose, con presenza di sangue. L'infezione dei diverticoli può portare sintomi quali febbre alta o una variazione di temperatura corporea che procura brividi.

Tuttavia, tutti questi sintomi possono indicare anche altri disturbi dell'apparato gastrointestinale, tra cui colite e infezioni all'intestino, il veterinario dovrà escludere tutte le probabilità prima di fare una diagnosi definitiva.

Quali sono le cause di diverticolite nei cani?

Generalmente la diverticolite, sia nei cani che nelle persone, è dovuta a una dieta povera di fibre vegetali. Anche periodi frequenti di stipsi possono causarla, per l'accumulo di materiale fecale nel colon.

Non si tratta di una condizione ereditaria né si nota una particolare predisposizione in una razza piuttosto che in un'altra.

Trattare la diverticolite canina

Comunemente la diverticolite nei cani viene trattata con antibiotici somministrati per via orale e con una dieta ricca di fibre. Ci sono alcuni alimenti che possono irritare il colon in sé, come per esempio le bucce dei semi: questi alimenti dovranno essere evitati, pertanto sarà necessario prestare attenzione durante la scelta dei cibi e degli snack per i cani colpiti dal disturbo.

Nei casi più gravi, che presentano infezioni associate e/o formazione di fistole di più diverticoli, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per risolvere il problema. Il vostro cane potrà essere trattato anche con farmaci antinfiammatori o analgesici, nel caso in cui dimostrasse un particolare disagio.

Diverticolite esofagea

Quando si parla di diverticolite nel cane, generalmente, si presume che si tratti di diverticolite intestinale. Tuttavia esiste un'altra condizione associata, chiamata diverticolite esofagea, la quale origina sacche simili che si formano lungo le pareti dell'esofago del cane o nel tubo digerente. Queste sacche intrappolano il cibo prima che sia digerito e possono presentarsi sia in combinazione con la diverticolite intestinale che non.

I sintomi della diverticolite esofagea includono problemi nella deglutizione, perdita dell'appetito, perdita di peso e, a volte, difficoltà a respirare. Il cibo intrappolato nell'esofago comporta anche il rischio di aspirazione, o inalazione nei polmoni, che può provocare infiammazioni respiratorie e, in casi gravi, polmonite.

La diverticolite esofagea può verificarsi in qualunque razza di cane, ma è più frequente nelle razze brachicefale, in particolare il Bulldog Inglese è una razza ad alto rischio per la condizione.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 5 persone con una media di 5.0 su 5.0)

Ebook: Guida alla dieta crudista per Cani

Guida alla dieta crudista per Cani

Ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty