Occhi secchi nei cani: cause e trattamento della cheratocongiuntivite secca

Scritto da dott.ssa Barbara Lombardi nella categoria Cani
Occhi secchi nei cani: cause e trattamento della cheratocongiuntivite secca

La cheratocongiuntivite secca è una malattia dell'occhio molto comune negli animali e che causa secchezza soprattutto negli occhi dei cani.

Solitamente colpisce i cani, ma anche i gatti, soprattutto a causa dell'herpesvirus felino. I tassi annuali di diffusione della sindrome degli occhi secchi variano dallo 0,3% all'1,5% (1, 2).

Nella maggior parte dei casi, questa sindrome è molto dolorosa e colpisce entrambi gli occhi del cane, anche se all'apparenza può sembrare che un occhio sia in condizioni più gravi dell'altro. Sebbene possa verificarsi a qualsiasi età, l'incidenza più elevata è nei cani di età compresa tra i quattro e i sei anni (3). Le femmine sono anche più inclini a soffrirne rispetto ai cani maschi (4).

Le cause della cheratocongiuntivite

Ad eccezione dei cani nati senza ghiandole lacrimali, le cause più frequenti di secchezza oculare nei cani sono le seguenti:

  1. Reazione errata del sistema immunitario: Il motivo più comune della comparsa della cheratocongiuntivite nei cani è una reazione inadeguata del loro sistema immunitario contro le ghiandole lacrimali e la loro distruzione nel tempo (5, 6). Si stima che un problema immunitario causi secchezza oculare in circa l'80% dei cani (7).
  2. Difetto oculare congenito: Alcuni cani nascono già con questo disturbo, che inibisce la produzione di lacrime e provoca secchezza degli occhi (8, 9). Anche se è abbastanza raro, non esiste un trattamento convenzionale adatto per curare questo disturbo congenito.
  3. Causa infettiva: La comparsa di questa malattia può essere determinata da un'infezione del sistema nervoso centrale, che provoca l'interruzione dei nervi delle ghiandole lacrimali o la proptosi traumatica. Inoltre, l'occhio secco appare spesso in seguito all'infezione da virus del cimurro canino e leishmania (10, 11).
  4. Malattie croniche: Le infezioni virali sistemiche, blefarocongiuntivite cronica, congiuntivite da clamidia, adenite immuno-mediata e morbo di Cushing possono causare l'insorgenza di questa sindrome.
  5. Farmaco-indotta: Alcuni farmaci possono avere effetti tossici sulle ghiandole lacrimali di un cane. L'atropina, l'anestesia generale e i farmaci contenenti sulfamidici di solito determinano la sindrome dell'occhio secco. Potrebbe essere temporaneo o permanente (12, 13, 14).
  6. Radiazioni: Il contatto diretto con i raggi X può causare la comparsa di secchezza oculare, soprattutto nelle razze predisposte, poiché influisce negativamente sulle ghiandole lacrimali del cane. Fortunatamente, questo è molto raro (15).
  7. Causa metabolica: La cheratocongiuntivite secca può derivare dalla presenza di ipotiroidismo e diabete mellito nei cani (16, 17).
  8. Causa iatrogena: Poiché il 30% della produzione lacrimale del cane dipende dalla terza palpebra, la sua rimozione, specialmente nelle razze predisposte, causerà il verificarsi di secchezza oculare. I sintomi si sviluppano spesso in età avanzata (18, 19, 20).
  9. Causa idiopatica: In molti casi, i cani possono soffrire di una forma spontanea di cheratocongiuntivite senza la presenza di un'eziologia sottostante (21).

Razze inclini a secchezza oculare

L'occhio secco è una sindrome che può comparire in qualsiasi cane, ma alcune razze in particolare soffrono di questa condizione più spesso delle altre. Ad esempio, i risultati di studi pertinenti mostrano che la prevalenza di questa condizione nello Shih Tzus è approssimativamente dell'1% (22).

I cani brachicefalici che presentano una faccia piatta sono più inclini allo sviluppo della cheratocongiuntivite secca, come per esempio le femmine di Terrier bianco delle Highland occidentali che sono maggiormente a rischio (23, 24).

Altre razze canine note per sviluppare la sindrome degli occhi asciutti sono (25): Cavalier King Charles Spaniels, Bulldogs inglesi, Lhasa Apsos, Shih Tzus, Carlini e i Segugi. Senza dimenticare gli American Cocker Spaniels, English Cocker Spaniels e English Springer Spaniels, Pechinesi, Boston Terrier, Miniature Schnauzers e Samoiedi.

Sintomi e segni clinici

Controllo occhi cane

Se il cane appartiene a una delle razze inclini alla cheratocongiuntivite secca, è necessario agire immediatamente dopo aver notato la presenza di muco giallastro negli occhi e arrossamento nell'area circostante e/o battito di ciglia eccessivo.

Oltre a questi primi sintomi, ci sono molti altri segni di questa condizione da considerare, come ad esempio:

  • Occhi opachi senza il solito splendore;
  • Il cane strofina gli occhi e l'intero viso;
  • Occhi appiccicosi con muco marrone secco o pus intorno all'area interessata;
  • Presenza di superficie gonfia degli occhi e dei vasi sanguigni congiuntivali;
  • Le terze palpebre prominenti;
  • Il verificarsi di iperpigmentazione e di ulcere oculari;
  • Perdita della vista.

Ci sono tre fasi importanti degli occhi asciutti nei cani. Lo stadio iniziale comporta una leggera secrezione oculare, l'iperemia congiuntivale e il blefarospasmo. Il secondo stadio invece avrà uno scarico di muco più intenso, opacizzazione e vascolarizzazione corneale. L'ultima fase mostrerà segni di fibrosi, pigmentazione oculare e ulcerazioni ricorrenti (con possibile cecità).

Diagnosi della cheratocongiuntivite

Come con altre infezioni agli occhi, nella maggior parte dei casi, la storia medica del cane e l'ispezione visiva degli occhi del cane sono sufficienti per ottenere una diagnosi. Tuttavia, esiste il semplice test lacrimale di Schirmer come standard di riferimento per la determinazione del livello della produzione di lacrime nei cani (26).

Sono disponibili due tipi di test:

  • STT I: il veterinario misurerà entrambi gli elementi del film lacrimale, la componente basale e il riflesso, senza applicare un anestetico locale.
  • STT II: Dopo l'applicazione dell'anestetico topico, il veterinario misurerà la componente basale del film lacrimale.

La procedura non è complicata. Usando una speciale carta assorbente, il veterinario determinerà la quantità di lacrime che gli occhi del cane producono nei condotti lacrimali.

Dopo aver posto la carta nella rima inferiore, la traccia blu mostrerà il livello di produzione di lacrime al minuto. Nei cani sani, la carta stessa sarà bagnata per circa 15-25 mm.

Quando il cane ha un problema con gli occhi asciutti, il test lacrimale di Schirmer si riduce e il risultato sarà inferiore a 0,4 pollici (10 mm). Nella maggior parte dei casi, non ci saranno lacrime sufficienti per bagnare la carta.

Trattamento dell'occhio secco canino

rimedi occhi secchi

Il trattamento per questa sindrome dipende principalmente dalla causa primaria. Dopo aver eliminato le infezioni secondarie esistenti, il veterinario inizierà con una terapia che può essere medica o chirurgica. Fortunatamente, la maggior parte dei cani risponde ai trattamenti medici.

  • Gocce antibiotiche: Sono un'ottima soluzione per risolvere l'infezione secondaria, e possono essere applicate direttamente in casa. È fondamentale poiché l'applicazione di immunosoppressori può essere altamente pericolosa quando è presente un'infezione attiva. Questi colliri dovranno essere prescritti da un veterinario.
  • Ciclosporina: Durante la prima fase la ciclosporina si lega agli ormoni nei primi giorni. In seguito, occorre l'effetto immuno-correlato, che durerà fino a tre mesi. Pertanto, la terapia deve continuare per almeno 60-90 giorni. In alcuni casi, il cane non reagirà a questa terapia e il veterinario prescriverà dei farmaci sostitutivi.
  • Lacrime artificiali: Questi sostituti lacrimali stimoleranno il tessuto lacrimale rimasto a produrre lacrime. Esistono tre categorie di questi preparati, inclusi alcoli polivinilici, polimeri lineari e derivati della cellulosa. Spetta al veterinario determinare quale sia la scelta migliore per il tuo animale domestico specifico.
  • Chirurgia: Nel caso in cui i trattamenti veterinari di cui sopra non siano efficaci, si potrà ricorrere alla chirurgia. Questa possibilità è necessaria per ridurre l'esposizione corneale nei casi in cui le ghiandole lacrimali di un cane sono ostruite o danneggiate. La chirurgia di trasposizione del dotto parotide è la più adatta nella maggior parte dei casi (27).

La buona notizia è che tutti i trattamenti disponibili sono molto efficaci per il trattamento degli occhi asciutti nei cani. La cattiva notizia è che questi farmaci aiutano a controllare il problema, ma non riescono a risolverlo completamente. Fondamentalmente, una volta che l'occhio secco si sviluppa nel tuo cane, la terapia sarà una gestione permanente, ma non complicata.

Integratori per la salute dell'occhio del cane

L'assunzione di diversi integratori, tra cui le vitamine A, E, C e B, è benefica per i cani che soffrono di sindrome dell'occhio secco e per prevenire questa condizione.

Inoltre, quando la cheratocongiuntivite è già sviluppata, il lavaggio degli occhi con Eufrasia può aiutare. Alcune prove aneddotiche suggeriscono che nutrire un cane con carne di manzo cruda o cotta e fegato di pollo aiuta la condizione a causa del loro complesso vitaminico.

Prevenzione

La cheratocongiuntivite secca è una condizione che non può essere prevenuta. Il cane deve seguire una dieta sana per garantire un corretto apporto di vitamine e minerali, ma non ci sono prove che la dieta possa prevenire questa sindrome.

La chiave per il successo del trattamento è la diagnosi precoce dei primi sintomi seguita da una reazione tempestiva. Prima di adottare un cane di razza, bisogna informarsi sui suoi potenziali problemi di salute. Bisogna considerare anche l'insorgere di questa sindrome.

Barbara Lombardi
dott.ssa Barbara Lombardi

Barbara Lombardi è una veterinaria nonché scrittrice freelance specializzata sul tema della salute e del benessere degli animali domestici. Amante appassionato di cani e gatti, Barbara ha una grande esperienza nella scrittura di articoli sulla cura dei nostri amici animali.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 20 persone con una media di 4.8 su 5.0)

Ebook: Guida alla dieta crudista per Cani

Guida alla dieta crudista per Cani

Ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty