Malattie degli occhi del cane: trattarle in modo naturale

Scritto da dott.ssa Barbara Lombardi nella categoria Cani
Malattie degli occhi del cane: trattarle in modo naturale

Siete consapevoli del fatto che potete trattare e tenere sotto controllo qualsiasi problema agli occhi, tra quelli più comuni ovviamente, nei cani con dei rimedi naturali?

Il trucco sta nel… conoscere la causa del problema.

Ma prima di tutto è importante sapere quale è l'anatomia dell'occhio del proprio cane, pertanto iniziamo proprio da qui.

Come è fatto l'occhio di un cane

L’occhio è costituito da più parti. Tutte hanno una specifica funzione e giocano un ruolo chiave nel consentire al cane di vedere.

Anatomia dell'occhio del cane

  1. Palpebre: – I cani (ma anche molti altri animali) hanno tre palpebre. La palpebra superiore e quella inferiore sono simili a quelle dell'uomo – sono quelle che potete notare quando il vostro cane sbatte le palpebre. I cani però hanno anche una terza palpebra. Nella maggior parte delle razze però tale palpebra non è facilmente visibile.

  2. Cornea – la parte più chiara dell'occhio. Deve essere obbligatoriamente chiara altrimenti la luce non può essere riflessa correttamente. È a questo livello che si hanno le ulcere (ulcera corneale). La cornea è particolarmente sensibile. Non si ripara né guarisce rapidamente in quanto non è particolarmente vascolarizzata.

  3. Iride – è la parte colorata dell'occhio.

  4. Pupilla – la parte più centrale e nera dell'occhio. È il foro situato al centro dell'iride che permette l'entrata della luce all'interno del bulbo oculare. Quando c'è buio la pupilla si dilata per far entrare più luce. Quando c'è molta luce, la pupilla si restringe per far entrare meno luce.

  5. Cristallino – ha la funzione di mettere a fuoco l'immagine indirizzando la luce dietro la retina. Si trova posteriormente all'iride.

  6. Congiuntiva – una sottile membrana che protegge la sclera. Si trova vicino alla parte anteriore dell'occhio, corre lungo il bordo della cornea e copre l'interno della palpebra.

  7. Ghiandole – i liquidi prodotti a livello oculare non sono solo lacrime ed acqua. Vi è anche un fluido oleoso che lubrifica le palpebre quando si chiudono così non si “appiccicano”. Questo fluido viene prodotto dalle ghiandole che si trovano lungo le palpebre.

  8. Sclera – la parte bianca dell'occhio. È lo strato esterno e relativamente duro dell'occhio. Può cambiare colore se irritato o se presenta altri problemi.

occhio del cane

Le più comuni patologie oculari nei cani

Quelli di cui andremo a parlare tra poco rientrano tra i problemi oculari più comuni, a noi noti, nei cani. Molti di questi problemi possono sembrare particolarmente seri, ma qualche nozione in più potrà certamente tranquillizzarvi un po’. Inoltre potrà aiutarvi a mettere a punto un’ottima strategia per trattare al meglio tali problemi.

Cherry Eye

Il Cherry Eye o l'occhio a ciliegia si presenta come una sorta di bolla, in genere dovuta all'infiammazione della terza palpebra. Può manifestarsi prima su un occhio e poi sull'altro. Può spaventare in un primo momento, ma in genere è alquanto semplice da trattare. Sclerosi lenticolare. La sclerosi lenticolare viene spesso confusa con la cataratta e talvolta in questi casi si parla di "occhio torbido". Si tratta di un’ossidazione a livello del cristallino ed in genere è il risultato del fatto che l'organismo è sottoposto ad un grande stress ossidativo. Noterete un cerchio opaco il cui bordo più esterno è molto scuro, ma il cristallino non sarà completamente bianco. I cani in genere possono vedere senza problemi anche se soffrono di sclerosi lenticolare.

Cataratta

La vera cataratta spesso è ereditaria e può manifestarsi a causa dell'età o di un trauma. Si tratta di un annebbiamento del cristallino. È particolarmente difficile vedere quando si ha la cataratta.

Ectropion

Un cane con le palpebre cadenti probabilmente ha l'ectropion. Si manifesta quando le palpebre ruotano e si ripiegano verso l'esterno. È possibile vedere la congiuntiva in quanto la palpebra inferiore essendo spostata non protegge correttamente l'occhio. Batteri e corpi estranei possono entrare nell'occhio in questo modo e causare irritazione.

Entropion

Nel caso dell'entropion la palpebra tende a ruotare verso l'interno dell'occhio. È alquanto pericoloso nonché doloroso. Le palpebre e le ciglia ruotano verso l'interno e sfregano contro la cornea. Di solito è il risultato di pessime pratiche di allevamento. L'occhio tenderà a lacrimare parecchio in quanto i batteri tenderanno ad entrare facilmente ma non potranno uscire. L'entropion può causare delle ulcerazioni. È molto comune nei cani dal naso corto. Un'operazione chirurgica in genere è l'unica soluzione possibile in questi casi.

Congiuntivite

La congiuntivite è un'infiammazione dei tessuti che circondano la parte interna della palpebra e della sclera. Può insorgere in seguito ad un’infezione del tratto respiratorio superiore, alla disidratazione dell'occhio o può essere dovuta ad irritazioni di altro tipo.

A volte i cani che presentano la terza palpebra non pigmentata sembrano avere la congiuntivite. Questo avviene perché la congiuntiva appare sempre leggermente arrossata, ma in genere non c'è assolutamente nulla che non vada nell’occhio del cane in queste situazioni.

Secchezza oculare

La secchezza oculare è letteralmente questo, un occhio secco e disidratato. Vi è mai capitato di andare dal veterinario e vederlo utilizzare nel corso di una visita, dei piccoli fogli di carta verde? Mettendoli ad esempio tra le palpebre del vostro cane per misurare il livello di umidità dell'occhio? Questa operazione serve per verificare se il vostro cane soffre o meno di secchezza oculare. Se il vostro cane non produce abbastanza liquidi oculari, potrebbe diventare difficile e doloroso per lui aprire completamente l'occhio. Potrebbe inoltre strofinare l’occhio con una certa insistenza ed irritarlo ulteriormente. Le palpebre inoltre tenderanno in questi casi ad "appiccicarsi" poiché non saranno abbastanza lubrificate.

Pannus

Il pannus, o cheratite superficiale cronica, lo si ha quando i vasi sanguinei ed i capillari che provengono dalla sclera si espandono e vanno ad irrorare anche la cornea, anche se in realtà non dovrebbero trovarsi in questa zona dell'occhio. Oscurano la visione. Si tratta di una patologia alquanto fastidiosa. Può insorgere molto rapidamente o lentamente. Si tratta di una patologia cronica e molto spesso autoimmune (come lo sono molte di queste patologie).

Irritazione

Le irritazioni oculari in genere si manifestano quando alcuni peli del mantello, troppo lunghi, coprono o toccano costantemente gli occhi. Questo può irritare costantemente l’occhio. Questa condizione promuove la disidratazione dell'occhio causando pertanto la secchezza oculare. Il solo fatto di accorciare la "frangetta" del proprio cane se appartiene ad una di quelle razza che tendono ad avere un pelo molto lungo che va a coprire gli occhi, può essere di enorme aiuto.

Problemi al dotto lacrimale

I piccoli canali che vanno dall’angolo dell'occhio al naso sono detti dotti lacrimali. Alcuni cani possono avere i dotti lacrimali chiusi, o se hanno degli occhi molto umidi e che lacrimano facilmente possono presentare delle infezioni batteriche proprio a causa di ciò. È un problema molto comune nei cani di piccola taglia.

Prevenire e trattare le patologie oculari in modo naturale

Se il vostro cane si divincola e sembra soffrire quando lo state pulendo forse è giunto il momento di portarlo dal veterinario.

Ci sono alcuni semplici modi per poter proteggere al meglio gli occhi del vostro cane e prevenire così i problemi che eventualmente si potrebbero manifestare. Molti di questi metodi potranno essere utili anche per prendervi quotidianamente cura del vostro amico a quattro zampe.

1. Pulizia

  • Usate un panno di cotone pulito imbevuto di acqua tiepida
  • Potete utilizzare anche delle garze 4x4. Dopo l'uso le potrete semplicemente buttare.
  • Iniziate sempre a pulire l'occhio dal centro (nella parte più prossima al naso)
  • Siate molto delicati.
  • Potete utilizzare anche una soluzione salina tiepida - con solo un pizzico di sale. Parliamo proprio di 1/4 di tazza di acqua con un pizzico di sale. Imbevete il panno che state utilizzando nella soluzione e pulite gli occhi del vostro cane.

Se il vostro cane si divincola e sembra soffrire quando lo state pulendo forse è giunto il momento di portarlo dal veterinario.

2. Protezioni per gli occhi

Se al vostro cane piace mettere la testa fuori dal finestrino, dovete proteggere in qualche modo i suoi occhi. Questo potrebbe essere un problema che non coinvolge direttamente tutti voi, ma se il vostro cane in genere ha quest’abitudine procuratevi almeno un paio di occhialini da sole, o degli "occhiali da motociclista" per cani, per proteggere i suoi occhi. Ci sono così tante cose (sporcizia, polvere, rami, insetti) che possono danneggiare gli occhi del vostro cane.

3. Un'alimentazione corretta per mantenere gli occhi in ottima salute

Una dieta varia ed a base di ingredienti freschi è l'ideale per favorire la salute degli occhi. Passare ad una dieta a base di prodotti freschi può anche migliorare la vista ed aiutare a curare eventuali problemi agli occhi.

4. Erbe officinali

erbe officinali che aiutano gli occhi del cane

  • Astaxantina – un particolare tipo di alga. È ricca di antiossidanti e fitonutrienti
  • Calendula – un’importante fonte di zeaxantina, un carotenoide fondamentale per favorire la salute degli occhi
  • Eufrasia - ricca di sostanze nutritive è una pianta dalle proprietà curative e lenitive

Realizzare una tintura a base di erbe:

  • Mettete circa 30 gr di eufrasia in un litro di acqua bollente
  • Lasciate in infusione per circa un’ora (ma va benissimo anche lasciare le erbe in infusione per tutta la notte)
  • Usate qualche goccia della tintura ottenuta per sciacquare l'occhio. Si tratta di una tintura molto delicata pertanto la potete utilizzare quante volte volete – 2, 3, 4 volte al giorno.
  • Eufrasia officinale 30C – è il rimedio omeopatico a base di eufrasia. Si tratta di uno dei rimedi più sicuri ed efficaci che potete utilizzare per trattare gli occhi del vostro cane. Somministrate al vostro fedele amico 1-2 confetti di eufrasia officinale 2-3 volte al giorno.

Quando è meglio consultare il proprio veterinario

veterinario che controlla l'occhio del cane

Gli occhi sono molto sensibili. Inoltre non hanno un'elevata capacità rigenerativa e pertanto non riparano i danni molto velocemente soprattutto nel caso di problemi che interessano la cornea.

Gli occhi sono molto sensibili. Inoltre non hanno un'elevata capacità rigenerativa e pertanto non riparano i danni molto velocemente soprattutto nel caso di problemi che interessano la cornea.

A causa di ciò vi consigliamo di consultare il prima possibile il vostro veterinario di fiducia. Prima è meglio è come si suol dire.

Probabilmente dovrete prendere appuntamento in caso di:

  • Febbre o malessere di qualche tipo prima dell'insorgenza dei problemi agli occhi
  • Il cane tocca e strofina l’occhio costantemente
  • L'occhio lacrima molto
  • Il cane tende a tenere gli occhi chiusi
  • Presenza di possibili punture, lesioni o irritazioni a livello oculare
  • Cambiamenti improvvisi a livello oculare o comportamentale del cane

Quando il proprio fedele amico inizia a manifestare dei problemi a livello degli occhi, preoccuparsi è più che normale. Ed è giusto così. Tuttavia, se conoscete l'anatomia dell'occhio e le causa dei principali problemi che possano interessare quest'organo, sicuramente sarete leggermente più tranquilli. Queste nozioni potrebbero inoltre aiutarvi a capire quando (e come) potete trattare tranquillamente il problema direttamente a casa vostra ed in modo naturale.

Barbara Lombardi
dott.ssa Barbara Lombardi

Barbara Lombardi è una veterinaria nonché scrittrice freelance specializzata sul tema della salute e del benessere degli animali domestici. Amante appassionato di cani e gatti, Barbara ha una grande esperienza nella scrittura di articoli sulla cura dei nostri amici animali.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 7 persone con una media di 4.8 su 5.0)

Ebook: Guida alla dieta crudista per Cani

Guida alla dieta crudista per Cani

Ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty