I pro e i contro nello sterilizzare un cane (secondo gli esperti)

Scritto da dott.ssa Barbara Lombardi nella categoria Cani
I pro e i contro nello sterilizzare un cane (secondo gli esperti)

Probabilmente state pensando di sterilizzare o castrare il vostro cane, ma non siete poi così certi che sia una buona idea. Sappiate che non siete i soli ad avere questi dubbi, a molte persone che si trovano di fronte a questa scelta, infatti, vengono in genere date informazioni contraddittorie sulla necessità o meno di sterilizzare il proprio cane e sul fatto che ciò sia positivo o negativo per la sua salute.

In questo articolo, daremo un’occhiata a quali sono i principali rischi e benefici che si possono avere nello sterilizzare o castrare il proprio cane, basandoci sul parere dei più noti esperti del settore, dei veterinari e sui risultati delle ultime ricerche effettuate in questo ambito.

Molti di coloro che si devono prendere cura di un amico a quattro zampe si ritrovano spesso a meditare a lungo su una decisione così importante, cercando risposte anche online a moltissime domande fondamentali quali:

  • Quali sono i pro e i contro nel castrare o sterilizzare un cane?
  • È meglio lasciare che il mio cane viva la sua vita secondo natura?
  • Cosa ne pensano gli esperti del settore ed i veterinari in merito alla sterilizzazione?
  • Tutti coloro che hanno un cane in casa, sterilizzano o castrano il loro amico a quattro zampe?
  • Qual è il parere della comunità scientifica sulla sterilizzazione e la castrazione dei cani, e cosa sostengono le ultime ricerche scientifiche a tal proposito?

State tranquilli, tutte queste domande e tutta la preoccupazione che c’è alla base sono perfettamente normali per qualsiasi persona responsabile che si vuole prendere cura al meglio del proprio amico a quattro zampe, pertanto cercheremo di rispondere a tutte queste domande avvalendoci anche del parere degli esperti e dei veterinari, portando anche prove concrete a sostegno delle varie tesi. Sterilizzare o castrare un cane è una decisione importante da prendere, e pertanto non dovreste prendere la cosa alla leggera.

Vi invitiamo inoltre a prendere visione del recente servizio nostra editor Samantha sui pro ed i contro della sterilizzazione/castrazione dei cani e qual è l’opinione della gente in merito a questo intervento chirurgico (sotto)

Pro e contro nello sterilizzare o castrare un cane. Dovreste farlo anche voi?

Pro e contro nello sterilizzare o castrare un cane

Cosa vuol dire sterilizzare o castrare un cane?

È meglio iniziare dal principio per capire a fondo cosa realmente significhi sterilizzare o castrare un cane, in cosa consiste questo intervento chirurgico e che conseguenze può avere per voi e per il vostro cane.

Entrambi i termini, sterilizzazione e castrazione, si riferiscono ai più noti e comuni metodi utilizzati per rendere sterili gli animali, principalmente i cani, ma anche molti altri animali. I veterinari in genere quando parlano di questo tipo di operazione tendono ad usare termini quali antisepsi o congelamento del cane.

Il termine “_congelamento_” riferito ad un cane potrebbe anche essere mal interpretato o addirittura ironico. Bisogna inoltre tener presente che non si ha ancora una risposta certa, avvalorata da prove concrete ed inconfutabili, al dubbio che tutti noi abbiamo, ovvero se sia meglio o meno sottoporre il proprio amico a quattro zampe a tale operazione. Ma parleremo di questo più tardi.

  • Cos'è la castrazione? - La castrazione è il processo che serve per rendere sterile un cane maschio, impedendogli pertanto di riprodursi, e consiste nella rimozione dei testicoli (o gonadi maschili). La rimozione dei testicoli nei maschi prende il nome di Vasectomia.

  • Cos’è la sterilizzazione? - La sterilizzazione è una procedura molto simile alla castrazione, è un termine che può essere usato in modo generico a prescindere del sesso dell'animale o in modo specifico per riferirsi in particolare alla sterilizzazione delle femmina. In questo caso specifico, vengono rimosse le ovaie e l'utero - tale operazione prende il nome di Ovariectomia.

Anche se i termini castrazione e sterilizzazione vengono entrambi usati in medicina veterinaria, in genere è il termine "sterilizzazione" il più usato per indicare la rimozione degli organi riproduttivi nei cani, in entrambi i sessi. Più semplicemente, quando si parla di sterilizzazione non necessariamente ci si riferisce per forza di cose ad un cane di sesso femminile.

Perché sterilizzare o castrare un cane

Perché sterilizzare o castrare un cane

I due principali motivi che si possono avere per sterilizzare o castrare un cane sono:

  1. Tenere sotto controllo la crescita della popolazione canina;
  2. Eliminare definitivamente o ridurre la possibilità che un cane possa contrarre certi tipi di malattie.

La sovrappopolazione canina. In Europa, la maggior parte dei rifugi per animali, dei canili, delle cliniche veterinarie e delle associazioni umanitarie raccomandano caldamente (leggete: obbligano) qualsiasi persona si voglia prendere cura di un animale a sterilizzarlo o a castrarlo, in particolar modo se si tratta di un cane, così da prevenire l'insorgenza di ulteriori problemi, già abbastanza diffusi date anche le dimensioni della odierna popolazione di animali domestici che abitano le nostre case.

In alcuni Stati vi sono anche leggi che obbligano a sterilizzare o a castrare un cane prima che questo venga adottato.

Il problema è concreto e reale.

Il numero degli animali domestici sta crescendo a vista d'occhio, così come il numero degli animali presenti nei canili e nei rifugi per animali, e tutto ciò rappresenta un grave problema sotto molteplici punti di vista.

Vasectomia ed ovariectomia sono operazioni che interessano diversi tipi di animali, anche se solitamente sono i cani i primi ad essere sottoposti a queste spiacevoli operazioni chirurgiche. Chiunque abbia in casa un cane in genere tende a farlo sterilizzare quando è ancora un cucciolo, attorno ai 6 mesi di vita o anche prima.

La sterilizzazione è un'operazione che avviene in anestesia generale, così che il cane non possa sentire dolore quando viene praticata l'incisione chirurgica richiesta da tale operazione.

Cosa ne pensano la scienza e gli esperti del settore?

Cosa ne pensano la scienza e gli esperti del settore?

Come menzionato poco sopra, la maggior parte dei veterinari e degli esperti del settore, nonché la legge in certi Stati, sostengono che sterilizzare o castrare il proprio cane non sia solo un’ottima cosa, ma sia in realtà una vera e propria necessità. Ed è stato così per decenni.

Tuttavia, le ricerche recenti ed i risultati ottenuti hanno contribuito a mettere sempre più in discussione questa pratica chirurgica.

Numerosi studi e lavori pubblicati negli ultimi cinque anni hanno infatti dimostrato che sterilizzare o castrare un cane può avere delle conseguenze molto negative sulla sua salute.

Ecco una breve, ma completa panoramica di ciò che si sa oggi, grazie anche alle ricerche scientifiche fatte:

  • La sterilizzazione precoce nei cani incrementa del doppio il rischio di sviluppare displasia all'anca (1)
  • La sterilizzazione precoce aumenta di quattro volte i disturbi articolari nei cani (2)
  • La sterilizzazione triplica il rischio di insorgenza di gravi problemi articolari nei Pastori Tedeschi (3)
  • La sterilizzazione accorcia la vita nei Rottweiler (4)
  • La sterilizzazione aumenta il rischio di insorgenza di patologie tumorali nei cani (5)

Con i risultati ottenuti da queste nuove ricerche e con quelli che si otterranno a breve con le ricerche al momento in atto o future, i veterinari e gli scienziati stanno iniziando a rivedere le loro opinioni e la loro posizione in merito alla sterilizzazione ed alla castrazione dei cani. Tuttavia, proprio come le ricerche ed i dati in merito ai vantaggi che si possono avere sterilizzando un cane, anche gli svantaggi a tal proposito non sono ancora dati per certo e pertanto sono oggetto tutt'oggi di ulteriori studi.

Solo una cosa sembra effettivamente essere certa:

Va sicuramente rivalutato il momento in cui è meglio sterilizzare o castrare un cane. Sulla base di diversi dati scientifici e delle ricerche effettuate è infatti evidente il fatto che sterilizzare o castrare un cucciolo quando è ancora molto piccolo presenta più rischi che benefici.

Sembra infatti che sterilizzare o castrare un cane troppo precocemente può aumentare notevolmente il rischio di insorgenza di disturbi articolari, obesità, potenzialmente, e forse anche di cancro. Inoltre:

“I cani soffrono di disturbi articolari più o meno gravi, ma oltre a ciò possono anche non essere ritenuti idonei per lavorare nell’esercito o per diventare cani poliziotto. Speriamo che i risultati ottenuti con le nostre ricerche potranno fornire una linea guida, basata su prove concrete e certe, per stabilire l'età migliore per sterilizzare un cucciolo riducendo al contempo il rischio di contrarre uno o più problemi articolari.”

Prof. Benjamin Hart della UC Davis School of Veterinary Medicine (fonte in inglese)

Detto questo possiamo concludere che non dovreste affrettarvi e far sterilizzare o castrare il vostro amico a quattro zampe il prima possibile. Tuttavia, si possono trarre anche dei vantaggi da questa operazione chirurgica, alcuni dei quali sono stati comprovati dalla ricerca scientifica, mentre altri non sono ancora avvalorati da prove certe per essere ritenuti positivi al 100%.

Statisticamente, un tempo c'erano indubbiamente più pro che contro quando si doveva decidere se far sterilizzare o meno il proprio cane. Questo intervento chirurgico continua tutt'oggi ad essere particolarmente raccomandato dai veterinari per diverse ragioni, ma abbiamo comunque bisogno di avere più prove concrete di quante se ne hanno attualmente per poter valutare meglio la situazione ed i pro e i contro della sterilizzazione.

Vediamo dunque quali sono le certezze che si hanno al momento sui pro ed i contro della sterilizzazione e della castrazione per quanto riguarda i nostri amici a quattro zampe.

Sterilizzare un cane: 3 PRO e 3 CONTRO (cane femmina)

Sterilizzare un cane femmina

1 - I PRO nello sterilizzare un cane: riduzione del ciclo estrale e pertanto dei periodi di calore

Sterilizzando la vostra cagnolina le impedirete di entrare in calore e pertanto di avere il suo ciclo estrale.

Quando una femmina è in calore, le sue parti intime si gonfiano ed emanano feromoni ed altre sostanze profumate percepibili anche a due chilometri di distanza ed in grado di attirare l'attenzione, magari non voluta, di qualsiasi maschio che si trova nelle vicinanze.

La vostra cagnolina inoltre sentirà molto meno l'istinto di uscire ed andare alla ricerca di un compagno, cosa che molto spesso si può tradurre in certi problemi comportamentali, come il fatto che si potrebbe allontanare di sua spontanea volontà da casa e perdersi.

Quando è in calore, una cagnolina può inoltre avere delle perdite di sangue che possono macchiare il suo mantello ed i vostri mobili, la sua cuccia o il suo letto. Avere un cane in calore in casa propria, soprattutto se si vive in un appartamento, non è un'esperienza idilliaca.

Sterilizzando la vostra cagnolina, non dovrete pertanto preoccuparvi di lasciarla libera di giocare in giardino o in cortile o di uscire con lei a fare una passeggiata. Inoltre, secondo i veterinari, una cagnolina sterilizzata è più pulita, affettuosa e tranquilla.

2 - I PRO nello sterilizzare un cane: nessuna gravidanza

Sterilizzando la vostra cagnolina eviterete che possa rimanere incinta.

L'allevamento, intenzionale o accidentale, può comportare costi non indifferenti oltre che diventare un impegno alquanto oneroso per qualsiasi persona abbia una cane in casa, il che può comportare anche certi rischi per la salute e certe responsabilità.

Quando dovete prendervi cura di una cagnolina in dolce attesa, dovrete certamente aspettarvi di spendere una considerevole quantità dei vostri risparmi in visite mediche, cibo per cani ed altri prodotti necessari per la vostra cagnolina. C'è inoltre un piccolo rischio, ma comunque presente, di morte durante il parto o subito dopo.

Inoltre, qualsiasi complicazione si possa presentare durante la gravidanza potrebbe facilmente tradursi in un aumento delle visite veterinarie e dei costi nonché dei rischi per la salute dei cuccioli appena nati o che dovranno nascere.

Se inoltre deciderete di trovare una nuova casa per i vostri cuccioli sappiate che potrebbe essere un'impresa alquanto ardua a dispetto di quello che potreste pensare. In genere dovrete prendervi cura dei cuccioli e lasciare che vivano a stretto contatto con la loro mamma fino a quando non avranno circa 6 settimane di vita, solo passato questo periodo di tempo potrete iniziare a cercare loro una nuova casa.

Più concretamente, è meno costoso far sterilizzare la vostra cagnolina ed evitare così che resti incinta piuttosto che accudirla durante la gravidanza e prendervi cura dei cuccioli che nasceranno.

3 - I PRO nello sterilizzare un cane: minor rischio di insorgenza del cancro

Sterilizzare la vostra cagnolina eliminerà il rischio di insorgenza del cancro all'utero, alle ovaie o dell'apparato riproduttivo in generale. Quando questi organi vengono rimossi, avrete certamente meno cose di cui preoccuparvi per quanto riguarda la salute del vostro amico a quattro zampe.

Nonostante sia alquanto raro che queste forme di tumore (6) possano insorgere nell'arco della vita di un cane di sesso femminile, molti veterinari le considerano comunque un rischio per il cane e per questo motivo consigliano sempre la sterilizzazione, d'altronde non guasta avere una sicurezza in più quando si tratta di salute.

A parte le forme di tumore sopra menzionate, la sterilizzazione riduce anche il rischio di insorgenza di cancro al seno se la cagnolina in questione viene sterilizzata prima di raggiungere i 2 anni e mezzo di vita. Più cicli estrali avrà, maggiore sarà il rischio di insorgenza del cancro al seno.

Infine, sterilizzare la vostra cagnolina serve anche a proteggerla dalle infezioni delle vie urinarie. Si è visto infatti (7) che una cagnolina non sterilizzata su quatto presenta infezioni delle vie urinarie. Se non trattate accuratamente tali infezioni possono anche essere letali per la vostra amica a quattro zampe.

1 - I CONTRO nello sterilizzare un cane: ipotiroidismo ed aumento di peso

Poiché in tutto ciò è coinvolto il sistema endocrino della vostra cagnolina, uno dei principali effetti collaterali associati alla sterilizzazione è senza dubbio l'ipotiroidismo. Bassi livelli di ormoni tiroidei in un cane di sesso femminile possono portare ad un aumento di peso ed all'obesità, difficili da contrastare anche con una dieta adeguata.

La vostra cagnolina potrebbe anche diventare più letargica, essere sempre stanca ed iniziare a perdere pelo. In tal caso, i veterinari raccomandano di seguire delle cure specifiche a base di farmaci appositamente studiati per contrastare l'ipotiroidismo.

Come dimostra lo studio di cui si è discusso poco sopra, questa patologia potrebbe essere una conseguenza dell'aumento di peso, e probabilmente alla fine potreste anche dovere affrontare dei problemi dovuti all'obesità.

Molto spesso, le cagnoline sterilizzate iniziano ad accumulare chili in eccesso abbastanza velocemente subito dopo l'operazione, principalmente per i cambiamenti che avvengono a livello metabolico ed ormonale.

L'aumento di peso e l'obesità sono problemi che potreste risolvere, ma anche evitare, abbastanza facilmente con la giusta quantità di esercizio fisico quotidiano ed una dieta completa ed equilibrata a basso contenuto di grassi e carboidrati, garantendo così alla vostra cagnolina una vita sana e tranquilla priva di stress.

2 - I CONTRO nello sterilizzare un cane: cancro e complicazioni

Nei lavori discussi in precedenza abbiamo visto che sterilizzare una cagnolina aumenta il rischio di insorgenza di tumori maligni, quali linfoma ed emangiosarcoma.

L'emangiosarcoma è un tipo di tumore che interessa principalmente la milza ed il cuore nei cani, organi che in genere vengono naturalmente protetti dalla presenza del loro apparato riproduttivo.

Inoltre, se l'operazione chirurgica che porta alla sterilizzazione non viene svolta correttamente o se non viene fatta quando il cane ha l'età giusta per affrontare un'operazione di questo tipo, aumenta la possibilità che si possano presentare moltissime altre complicazioni e problemi di salute. Ad esempio, dopo che una cagnolina è stata sterilizzata, potrebbe presentare problemi quali una crescita dello scheletro e delle ossa disomogenea, tumori che interessano le ossa e incontinenza oltre al fatto che questa operazione potrebbe anche influenzare l'aspetto esteriori delle parti intime della vostra cagnolina.

Infine, vulve di dimensioni anormali possono favorire le infezioni batteriche e causare dermatiti, infezioni vaginali o del tratto urinario, che non devono essere mai trascurate.

3 - I CONTRO nello sterilizzare un cane: sterilizzazione ed uso di anestetici

In termini tecnici, l'ovariectomia è quell'operazione chirurgica che porta a rendere un cane sterile. Questo significa che la vostra cagnolina non sarà più in grado di restare incinta e di avere dei cuccioli, e si tratta di una condizione definitiva.

Tuttavia, data l’attuale sovrappopolazione di cani con milioni di soggetti che vivono per strada, randagi, che vivono nei rifugi per animali o nei canili o che vengono sottoposti ad eutanasia, la maggior parte degli amanti degli animali ritiene che sterilizzare un cane possa essere considerata solo una cosa positiva.

Poiché l'operazione in sé deve essere eseguita sotto anestesia generale, esiste la possibilità che la vostra amica a quattro zampe possa avere qualche reazione avversa agli anestetici utilizzati in sala operatoria (7).

Alcuni studi hanno dimostrato (8) che 1 cane su 5 va incontro a certe complicazioni a seguito di operazioni eseguite in anestesia generale. Tuttavia, la maggior parte di queste complicazioni non consistono in seri problemi di salute e presentano un basso tasso di mortalità nei soggetti in cui si presentano.

Castrare un cane: 3 PRO e 3 CONTRO (cane maschio)

Castrare un cane maschio

1 - I PRO nel castrare un cane: riduzione del comportamento da "maschio"

Castrare un cane di sesso maschile contribuisce a ridurre il suo desiderio, ed istinto, di "marcare" il territorio.

Avrete certamente notato il fatto che il vostro cane sente il bisogno di alzare la zampa e fare pipì. Molte volte un cane tende a "marcare" il suo territorio anche all'interno della casa. Castrare il vostro amico a quattro zampe aiuterà indubbiamente a limitare l'ossessione che ha nel "marcare" il territorio.

Inoltre, una cane, una volta castrato, si mostrerà meno aggressivo e sarà meno incline a comportarsi da maschio alfa. Dato che castrare un cane comporta la rimozione della fonte primaria di testosterone, questo aiuterà il vostro amico a quattro zampe ad essere più calmo e tranquillo, stango agli studi fatti in questo ambito (9).

A causa dei bassi livelli di testosterone e di un comportamento molto meno aggressivo, i cani castrati tendono ad essere molto più affettuosi e gentili rispetto a quelli che non sono stati "congelati". Inoltre questo aiuterà il vostro cane a non apparire come una minaccia agli occhi dei maschi non castrati.

Il vostro cane sarà meno incline a litigare e discutere con altri cani, randagi o meno che siano, che vivono nel vicinato, il che vi risparmierà ulteriori visite dal veterinario e pertanto ulteriori spese, oltre al dolore che provereste vedendo il vostro migliore amico ferito e sofferente.

Castrando il vostro cane, ridurrete inoltre il suo istinto di accoppiarsi. Il vostro amico a quattro zampe sarà meno incline a manifestare tale istinto nei confronti di altri animali o oggetti. Oltre al fatto che perderà l’istinto di inseguire qualsiasi femmina in calore si possa trovare nelle sue vicinanze.

Se il vostro cane non è castrato, sarà in grado di percepire la presenza di una cagnolina in calore anche a 2 km di distanza e si mostrerà sempre molto agitato. Se lascerete andare un po’ la presa sul guinzaglio cercherà in ogni modo di rintracciare e seguire l'odore della cagnolina in questione.

I cani castrati inoltre sentono meno il bisogno di allontanarsi da casa. In quanto sono più tranquilli e non sempre alla ricerca di una femmina in calore, hanno un comportamento più calmo e posato e si mostrano più inclini a restare vicino a casa.

2 - I PRO nel castrare un cane: migliori condizioni della prostata

Gli esperti erano convinti, grazie anche a studi passati, che la vasectomia non solo poteva ridurre certi comportamenti non voluti nei cani, ma aiutare anche a ridurre i problemi alla prostata ed a migliorare le condizioni generali di salute dei testicoli.

Problemi alla prostata possono presentarsi nell'80% dei cani non castrati, stando a quanto sostengono gli studi fatti (10). Problemi di questo tipo possono comprendere l'ingrossamento della prostata, cisti ed infezioni della prostata. Ma altri studi hanno mostrato che la sterilizzazione può incrementare la progressione tumorale (11).

I cani inoltre possono presentare a volte patologie cutanee note come fistole perianali o fistole anali. Patologie che causano lesioni tubuliformi a livello dell'ano del cane ed alquanto difficili da curare. Se il cane è stato castrato il rischio di contrare tali patologie è notevolmente ridotto.

Il cancro ai testicoli può inoltre essere eliminato tramite vasectomia. Anche se solo il 7% dei cani non castrati può contrarre questo tipo di tumore, castrare il proprio amico a quattro zampe elimina definitivamente il rischio di insorgenza di tale forma tumorale.

3 - I PRO nel castrare un cane: controllo dell’accoppiamento e della riproduzione

Infine, come già menzionato in precedenza, la sterilizzazione impedisce ad un cane di riprodursi.

Molti amanti degli animali, veterinari, esperti del settore, associazioni umanitarie e persino avvocati concordano sul fatto che sia da veri irresponsabili lasciare che il proprio amico a quattro zampe si accoppi ed abbia figli da una cagnolina qualsiasi principalmente a causa dell'attuale sovrappopolazione di cani, ma anche di gatti e di molti altri animali domestici.

Inoltre, non potrete mai sapere effettivamente che trattamento verrà riservato ai nuovi cuccioli e se saranno al sicuro nella loro nuova famiglia o in generale in questo mondo. Sebbene non sia un obbligo assumersi la responsabilità e prendersi cura dei cuccioli che nasceranno, se deciderete di dare il vostro contributo tenere sempre presente che questo comporta costi non indifferenti in termini di cibo e visite mediche.

1 - I CONTRO nel castrare un cane: ipotiroidismo ed aumento di peso

Esattamente come accade alle femmine sterilizzate, anche i maschi che sono stati castrati possono soffrire di ipotiroidismo; diversi studi hanno inoltre dimostrato che castrare un cane aumenta di tre volte il rischio di obesità, come già detto poco sopra.

In seguito alla vasectomia, il sistema endocrino di un cane inizia a funzionare in modo differente, influenzando anche i livelli ormonali, il che si traduce in livelli più bassi di ormoni tiroidei, che hanno come conseguenza aumento di peso ed obesità.

Mentre l'ipotiroidismo può essere trattato con i farmaci giusti, se il veterinario lo riterrà opportuno, l'aumento di peso è un discorso a parte.

La maggior parte delle persone dovranno ridurre il numero di pasti consumati dal proprio amico a quattro zampe, iniziare a fargli seguire una dieta che gli consenta di perdere i chili in eccesso, usando magari cibi a basso contenuto calorico e snack e ricompense più salutari. Potrebbe inoltre essere necessario fargli svolgere una regolare attività fisica oltre a tenere sempre sotto controllo il cane per constatare che tutto proceda per il meglio e che non presenti alcun tipo di problema.

2 - I CONTRO nel castrare un cane: demenza e problemi alle ossa

I cani che sono stati castrati corrono inoltre il rischio di sviluppare quella che potrebbe essere definita come la versione canina della demenza, nota con il nome di decadimento cognitivo geriatrico e statisticamente molto comunque nei cani castrati.

Se dovesse presentarsi un problema di questo tipo, il vostro cane inizierà a dimenticare cose che prima sapeva benissimo, perderà il senso dell'orientamento, anche se si trova nella casa in cui ha sempre vissuto fin da cucciolo e che dovrebbe conoscere benissimo.

I cani che presentano questo decadimento cognitivo inizieranno ad interagire in modo differente con gli esseri umani e dimenticheranno qualsiasi cosa avranno imparato durante il loro addestramento. Si tratta di una patologia molto simile alla demenza nell'uomo.

I cani che sono stati castrati troppo precocemente o secondo una procedura non corretta e/o accurata corrono un altissimo rischio di soffrire di displasia all'anca, di problemi articolari, e di sviluppare il cancro alle ossa, noto anche con il nome di osteosarcoma, secondo gli studi sopra citati.

Il motivo principale per il quale si possono presentare queste patologie che interessano le ossa e le articolazioni è legato al fatto che l'apparato riproduttore maschile è deputato in genere alla produzione di un determinato quantitativo di ormoni ed a contribuire al corretto sviluppo di queste parti del corpo.

3 - I CONTRO nel castrare un cane: rischi dell'anestesia

Anche in questo caso, proprio come per le cagnoline sterilizzate, i maschi da castrare devono essere sottoposti ad un'operazione chirurgica che richiede un'anestesia.

Pertanto c'è la possibilità che il vostro cane possa avere degli effetti collaterali a seguito degli anestetici utilizzati, e come già menzionato in precedenza, 1 cane su 5 può andare incontro a certe complicazioni a seguito di operazioni eseguite in anestesia generale.

Tuttavia, la maggior parte di queste complicazioni non consistono in seri problemi di salute e presentano un basso tasso di mortalità nei soggetti in cui si presentano.

Da tenere sempre bene a mente

Dopo che abbiamo dato un'occhiata ai vantaggi ed agli svantaggi associati alla sterilizzazione ed alla castrazione del proprio cane, è chiaro che sono veramente necessarie ulteriori ricerche in questo campo per avere maggiori certezze e capire meglio pertanto se tale operazione chirurgica è veramente essenziale per il proprio amico a quattro zampe.

Studi più recenti hanno dimostrato che ci sono molti più svantaggi nello sterilizzare un cane rispetto a quanto si pensava tempo fa. Tuttavia, ci sono anche dei vantaggi ben definiti e certi che si hanno nello sterilizzare un cane che rendono alquanto difficile prendere una decisione così importante quando l'argomento è così controverso.

Nel complesso, sembra che infondo valga ancora la pena sterilizzare il proprio amico a quattro zampe in quanto i vantaggi sembrano superare, anche se solo leggermente, gli svantaggi. Ma detto questo ricordate che la cosa più importante è sempre scegliere il momento giusto per sterilizzare o castrare il proprio cane.

Sulla base di tutti i risultati ottenuti e sulle prove attualmente disponibili, la maggior parte dei cani viene sterilizzata o castrata troppo precocemente, e questo comporta l'aumento del rischio di insorgenza di certi problemi di salute e complicazioni. Porvi questo problema e capire cosa è meglio fare per il vostro amico a quattro zampe quando è ancora un cucciolo va benissimo, ma cercate di non affrettare troppo i tempi.

Barbara Lombardi
dott.ssa Barbara Lombardi

Barbara Lombardi è una veterinaria nonché scrittrice freelance specializzata sul tema della salute e del benessere degli animali domestici. Amante appassionato di cani e gatti, Barbara ha una grande esperienza nella scrittura di articoli sulla cura dei nostri amici animali.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 7 persone con una media di 4.6 su 5.0)

Ebook: Guida alla dieta crudista per Cani

Guida alla dieta crudista per Cani

Ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty