Forfora nel Gatto: Le cause e il trattamento della forfora

Scritto da nella categoria Gatti - 1 commento
Forfora nel Gatto: Le cause e il trattamento della forfora

Il termine forfora si riferisce a cellule della pelle staccatasi dallo strato presente sotto al pelo o alla pelliccia dell'animale, che può essere presente anche negli esseri umani.

La pelle di tutti gli animali si stacca naturalmente dal corpo come normale processo di rigenerazione e, di solito, notarne la presenza in maniera non troppo pronunciata non è un problema. Se diventa, tuttavia, eccessiva, al punto da essere evidente in forma di piccoli fiocchetti bianchi, conosciuti come forfora, può essere indice di un problema alla pelle o ai follicoli piliferi sottostanti.

Il vostro gatto presenta forfora o siete preoccupati per la quantità di pelle morta presente nel suo pelo? Continuate a leggere per saperne di più.

Identificare quando la forfora è un problema

Tutti i gatti, come le persone, hanno un normale scudo di pelle morta che, di solito, viene lavata via con il bagno. Nel caso dei gatti questo avviene con la toilettatura quotidiana e della loro pulizia rigorosa quotidiana.

Vedere un po' di forfora sulla superficie del pelo del vostro gatto non deve farvi preoccupare e, pettinandolo, si potrebbe notare la presenza di piccole cellule di pelle morta che ancora non sono state tolte durante la toilettatura.

Se il pelo del gatto è spento, questo potrebbe essere a causa di un eccesso di forfora da parte della pelle nell'assorbimento degli oli naturali presenti nel pelo: non essendo trasportati direttamente al manto, la pelliccia risulterà spenta e poco brillante, oltre che ruvida al tatto.

Questo è uno dei segnali che indicano un problema di forfora che si unisce alla visibilità del problema sulla superficie del pelo o spazzolandolo con un pettine a denti stretti. La forfora, specialmente se presente in grandi quantità, è molto semplice da individuare sui gatti con il pelo scuro piuttosto che su quelli con il pelo chiaro. Se il vostro gatto ha un manto molto chiaro, è indicato spazzolarlo e controllare l'eventuale presenza di forfora osservando il pettine alla luce del sole.

Osservate la routine di pulizia del vostro gatto: la maggior parte dei gatti risulta essere molto esigente in termini di igiene per questo vederli lavare più e più volte nel corso della giornata è un segno di buona salute. Se il gatto sembra non pulirsi molto o è malato o non è in grado di farlo correttamente, sarà necessario in questo caso aiutarlo con un pettine e sistemarlo.

Spazzolare il gatto per pochi minuti alla volta una o due volte al giorno è veramente buono sia per la pelle che per il pelo, cosa che molti proprietari fanno spesso. Se si possiede un gatto a pelo lungo, pettinarlo è molto importante per prevenire la comparsa di nodi e matasse, che potrebbero interferire con la crescita naturale del pelo procurando anche comparsa di forfora. È possibile anche fare il bagno al gatto prima di spazzolarlo per rimuovere tutta la forfora presente e sciogliere il pelo il più possibile.

Quando si pettina il gatto devono rimanere incastrati nel pettine solo pochi ciuffi di pelo: se si notano nuvole di pelo vagare per la casa ogni volta che si accarezza, probabilmente la sua routine normale di pulizia non è sufficiente. In questo caso sarà fondamentale procedere con la spazzolatura per evitare la forfora e l'ingestione di palle di pelo.

Occorre anche prevenire qualsiasi infestazione da pulci, acari o da qualsiasi altro parassita, provvedendo con un trattamento qualora ce ne fosse bisogno.

La forfora è un sintomo in sé?

Mentre nei gatti la forfora può essere un problema passeggero o motivo di una routine di pulizia inadeguata o insufficiente, può essere però anche sintomo di qualcosa che non va. Se persiste o si presenta nonostante il bagno e le spazzolature presenti, potrebbe essere necessario considerare la presenza di un problema di fondo che necessita il consulto veterinario per la diagnosi e il trattamento.

La forfora può essere il sintomo di una serie di condizioni di salute compromessa, andranno considerati altri sintomi e cambiamenti nel comportamento del gatto da considerare per comprendere se ci possa essere qualcosa che non va.

Quando si pettina il gatto, bisogna sempre far caso alla presenza di eventuali zone dolenti, parti particolarmente calde della pelle, assottigliamenti o punti in cui la forfora si localizza in maniera eccessiva: tutto questo potrebbe essere indice della presenza di una forma di dermatite.

La forfora nei gatti spesso accompagna altre condizioni come il diabete, la seborrea o le scottature, e può essere anche la conseguenza di un'alimentazione sbagliata o priva di sostanze nutritive essenziali.

Se la forfora nel gatto persiste e ricorre nonostante la routine di pulizia ottimizzata, sarà importante portare il gatto dal veterinario per un'indagine più accurata, che possa identificare qualsiasi potenziale causa di fondo da trattare e gestire prima che progredisca ulteriormente.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 37 persone con una media di 5.0 su 5.0)

1 Commento

  1. Lorella

    Buongiorno, e da tempo che la forfora nella mia gatta sterilizzata e obesa continua a esserci e nonostante la Spazzoli e dandogli cibo ( monoproteico) e applicato Stonghold e mettendogli a disposizione anche dell'erba le cose non cambiano.Due settimane fa ha avuto tre episodi di dissenteria e in quell'occasione per tre giorni la forfora era sparita.Permetto che la gattina non si gratta ma si lecca tanto.Vi prego aiutatemi!

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty