I gatti possono essere allergici alla loro lettiera?

Scritto da nella categoria Gatti
I gatti possono essere allergici alla loro lettiera?

Come le persone, anche i gatti possono contrarre allergie. La fonte di queste energie è probabilmente una cosa con cui stanno spesso a contatto, giusto? Dopo aver disperatamente cercato di eliminare le classiche cause di allergia (polline dei fiori o cibo) l'ultima cosa che potremmo chiederci è: il nostro gatto, è allergico alla sua lettiera?

Allergia alla lettiera... che cos'è?

Questo tipo di allergie sono causate da un' eccessiva reazione da parte del sistema immunitario del gatto, che, cercando di eliminare gli allergeni, causa delle reazioni allergiche che elencheremo più avanti nell'articolo.

Le sostanze che si trovano nella lettiera, a volte possono essere riconosciute dal sistema immunitario del gatto come allergeni. Se questo dovesse essere il caso, possiamo dire ce il tuo gatto è allergico alla lettiera.

Una reazione allergica può manifestarsi immediatamente dopo che l'allergene è entrato nel sistema immunitario oppure svilupparsi nel tempo. Questo significa che, anche se il tuo gatto ha sempre utilizzato la lettiera senza problemi, potrebbe diventarne allergico in qualsiasi momento.

Inoltre, se il tuo gatto ha già altre allergie, è possibile che possa diventare allergico anche ad altre sostanze. Per esempio, se è già allergico a un certo alimento, potrebbe esserlo anche a un determinato tipo di lettiera.

Quali sono i sintomi più evidenti?

Ci sono una moltitudine di sintomi che un gatto può avere quando è allergico. Nel caso della lettiera, fortunatamente, il gatto ha dei sintomi molto simili a quelli umani... apparte il fatto di leccarsi il pelo!

La prima categoria di sintomi, è quella visiva e, alcuni di questi sintomi, sono proprio quelli che hanno anche le persone: starnutire, respiro affannoso, tosse e naso che cola.

Solitamente, questi sintomi, si fanno sentire dopo che il vostro gatto ha usato la lettiera oppure anche se ci è solo passato vicino.

La seconda categoria comprende i sintomi comportamentali. Questi solitamente si manifestano quando il micio è andato a contatto direttamente con la lettiera (con le zampe, la coda o il culetto) e inizia a sentire prurito. Anche se il prurito non è una cosa che si può vedere, il gatto di certo non se ne starà fermo, anzi, inizierà a grattarsi, mordersi oppure leccarsi per cercare di sentirsi a suo agio.

Questi sintomi sono parecchio difficili da individuare poiché sono comportamenti che il gatto solitamente assume quando si pulisce, ma, in questi casi, potrete notare che le sue reazioni sono più esagerate fino magari arrivare anche a togliersi del pelo solo per grattarsi.

Un altro problema comportamentale è quello in cui il tuo gatto potrebbe smettere di utilizzare la lettiera per fare i suoi bisogni altrove in posti da lui più graditi. Questo succede perché anche il micio si accorge che avvicinandosi alla lettiera non si sente a suo agio.

In alcuni casi più gravi, il gatto potrebbe avere diarrea e vomito che, andando avanti col tempo, potrebbero indebolirlo. Inoltre c'è da fare attenzione anche alla faccia gonfia, che potrebbe causare uno shock anafilattico se non trattata subito da un veterinario.

Anche attraverso dei test si può scoprire se un gatto ha allergie, contatta il tuo veterinario per maggiori informazioni.

Diagnosticare un allergia può essere difficile perché spesso gli allergeni possono essere innocui e non facili da individuare. Fortunatamente però, il problema si può risolvere semplicemente spostando o eliminando direttamente la causa dell'allergia. Per quanto riguarda la lettiera, si può provare a cambiare marca o tipologia.

Quali sono le cause dell'allergia alla lettiera?

gatto con una lettiera

Questa allergia è causata da uno o più componenti della lettiera. Diverse sostanze sono spesso componenti già presenti e non aggiunti artificialmente (argilla, cristalli / perle, giornali riciclati, legno di pino o di cariossidi di mais interi) e, ogni tanto, possono essere presenti anche degli aromi per esaltare certe caratteristiche della lettiera (il colore, la composizione ...).

Le lettiere che hanno più probabilità di causare allergie sono quelle a base di argilla poiché alzano molta polvere nell'aria e, come già si sa, la polvere è una delle maggiori cause di allergia.

Gli aromi vengono usati anche per coprire gli odori, ma spesso sono proprio questi che causano l'allergia.

E' bene controllare gli ingredienti che sono stati usati prima di comprare certe tipologie di lettiera, poiché potrebbe aiutarvi a stabilire quale sia quello incriminato. In più, vi potrebbe anche aiutare a decidere al meglio quale lettiera preferire ad altre come vedremo tra poco.

Il miglior modo di gestire un gatto allergico alla lettiera

Il metodo più efficiente di evitare allergie al tuo gatto, è quello di eliminare le fonti di allergeni dall'ambiente in cui vive. Invece, nel caso della lettiera, basta usare una tipologia diversa.

Quando cambi lettiera, cerca di prenderne una ipoallergenica. Sarà inodore, non alzerà polvere ed eviterà che il gatto ne diventi allergico.

Conviene fare un passaggio graduale da una lettiera ad un altra, mischiandole insieme per un po' di tempo. Questo servirà a far sentire più a suo agio il gatto, inoltre, cambiarla non risolverà subito il problema ma dovrai aspettare almeno 2 settimane.

Assicurati anche di far fare un bagno al tuo micio per eliminare possibili residui della lettiera precedente, oltre che pulire per bene anche giocattoli o oggetti che ne sono entrati in contatto.

È importante far presente che anche cambiando lettiera, il tuo gatto potrebbe essere allergico ad altri allergeni che potrebbero provenire dal cibo o magari dal prodotto che utilizzi per le pulizie, quindi è meglio rimanere sempre all'erta.

Il tuo gatto ha avuto qualche brutta esperienza con le lettiere? Facci sapere se abbiamo dimenticato qualcosa, il tuo aiuto potrebbe essere utile ad altri utenti!

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 7 persone con una media di 5.0 su 5.0)

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty