Gatti Randagi: Precauzioni da Prendere prima di Portarli a Casa

Scritto da nella categoria Gatti - 1 commento
Gatti Randagi: Precauzioni da Prendere prima di Portarli a Casa

Con i loro occhioni, le confortanti fusa e gli acuti miagolii, i gatti tendono per natura a toccare le corde dei nostri cuori. Come se non bastasse, gatti e micini sembrano sempre disperatamente alla ricerca di una casa. Inoltre, poiché le cucciolate possono provenire da più di un unico padre, è comunissimo trovare una grande quantità di randagi in uno stesso quartiere.

â€¨È però importante prendere le dovute precauzioni prima di accogliere un gatto randagio in casa vostra.

Chiamate il veterinario.

I gatti randagi vivono all’esterno, quindi non potete sapere cosa stanno per portare in casa vostra.


Molti pensano a pulci e zecche, ma i gatti possono anche essere portatori di parassiti e malattie letali. La Toxoplasmosi, per esempio, è una di queste e può provocare problemi di salute gravissimi o addirittura la morte. Fate esaminare il vostro gatto accuratamente e castratelo o sterilizzatelo qualora non lo fosse già. Informate il veterinario del vostro stile di vita e di ogni possibile pericolo presente nella vostra abitazione, come la presenza di piante potenzialmente velenose per i felini.


Il veterinario può aiutarvi ad adattare il vostro stile di vita all’arrivo del vostro nuovo amico!

Inseritelo gradualmente.

I gatti randagi tendono a muoversi furtivamente. Non sarebbe strano se rubassero del cibo o facessero i bisogni ovunque e in qualsiasi momento. Sotto consiglio del veterinario acquistate cibo, lettiera e tutto il necessario per il vostro gatto, per poi iniziare a inserirlo lentamente nel suo nuovo ambiente. Non punite il gatto se causa incidenti e incoraggiatelo a mangiare spesso, specialmente se risulta malnutrito.


Dimenticate quanto possiate aver sentito in passato e non nutritelo assolutamente con latte o latticini.


Lasciategli seguire una dieta a base di carne magra e cibi derivati da frutta e vegetali.

Avvicinatevi con cautela.

Potete usare del cibo per attirare il gatto in casa, o ancor meglio in luoghi più accessibili per l’animale, come un portico. Ma non iniziate subito ad accarezzarlo. I randagi potrebbero non fidarsi degli esseri umani e di conseguenza graffiare e mordere.


Per costruire un rapporto di fiducia guardate il gatto negli occhi e sbattete le ciglia molto lentamente. Nel linguaggio dei gatti ciò significa: “Non sono una minaccia. Ho intenzioni amichevoli”.


Se portate il gatto in casa, lasciate che la esplori liberamente, senza invadere i suoi spazi.


Il gatto capirà che non volete domarlo o spaventarlo. Una volta convinto il gatto ad avvicinarsi, lasciate che sia lui o lei a farvi le coccole. Non di rado i gatti danno dei colpi con la testa o si strusciano agli umani per segnare il territorio e dimostrare fiducia.

Assicuratevi che si tratti di un randagio.

Succede spesso che i gatti selvatici, o quelli che vivono all’esterno, siano scambiati per randagi. È necessario che vi accertiate che il gatto che avete trovato sia effettivamente un randagio.


Cercate un collare, una targhetta con l’ID o la presenza di microchip, e datevi da fare per cercare il padrone se pensate ce ne sia uno. I gatti selvatici mostrano paura nei confronti degli esseri umani e potrebbero essere aggressivi, quindi nella maggior parte dei casi conviene lasciarli stare e non infastidirli. Se siete indecisi, o se il gatto è malato o con cuccioli, chiamate un veterinario locale. I gatti diventano compagni amorevoli con facilità, ma non tutti i randagi sono perfetti per qualsiasi essere umano. Prima di aprire le porte della vostra casa a un gatto, assicuratevi di prendere le dovute precauzioni e di essere pronti a prendervi cura di lui.


Fatto ciò, potrete godervi il vostro nuovo amico peloso!

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 22 persone con una media di 4.8 su 5.0)

1 Commento

  1. Giovanni

    Stavo cercando un articolo, un blog, un sito che parlasse appunto di gatti randagi perchè... a me, "amante" degli animali e della natura in generale, ma che non ho mai posseduto un animale domestico, è accaduto un paio di settimane fa di "innamorarmi" di un gatto randagio. È giovane, mi ha conquistato con il suo modo furtivo ma curioso di esplorare il mondo. Viene a farmi visita nel giardino di casa. Sono riuscito ad avvicinarmi facilmente o meglio, ho lasciato che lui si avvicinasse. Quando mi è vicino si rotola per terra, mi mostra la pancia, so che è un ottimo segno di fiducia. Cosa mangia? Mi ha lasciato tutte le cricchette e i bocconcini comprati apposta per lui... Mangia solo pesce! Mi piacerebbe si adattasse un a tutti i cibi. Dono indecido, benchè desuderoso, di prenderlo, perchè non avre molto tempo per occuparmene... E poi... Sono allergico al pelo dei gatti. Se il contatto è sporadico nessun problema, mi lavo sempre le mani, ma tenendolo in casa non so come gestire la situazione. Forse dovrei fargli spesso un bagnetto, sperando sia possibile e facile... Non amano, generalmente, il contatto con l'acqua. Volevo solo condividere la mia esperienza.

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty