Le quattro principali patologie che colpiscono un gatto

Scritto da nella categoria Gatti
Le quattro principali patologie che colpiscono un gatto

I gatti sono degli animali molto indipendenti, ma che hanno comunque bisogno di attenzioni. Nonostante siano restii a dimostrare affetto, anche loro provano amore e attaccamento nei confronti dei membri della famiglia con cui vivono. Non c’è da spaventarsi se scompaiono per diverse ore, possono essere ovunque, o fuori a cacciare o magari da qualche parte a schiacciare un sonnellino.

Sono numerose le malattie che un gatto può contrarre, alcune più incisive rispetto ad altre. Se si nota qualcosa di anomalo nel gatto, è bene portarlo subito dal veterinario: infatti quanto prima la causa è diagnosticata e curata, quanto prima il gatto starà meglio. Inoltre la maggior parte delle malattie, se individuate in tempo, saranno più facili da curare e avranno esiti positivi maggiori.

Qui di seguito vi è un elenco delle principali malattie che un gatto può contrarre:

1. Malattie delle basse vie urinarie (FLUTD)

Le malattie delle vie urinarie sono comuni nei gatti. I sintomi in tutti i gatti affetti sono simili e possono essere:

  • aumento della frequenza di urinazione
  • perdita dell’abitudine a urinare nella lettiera
  • leccarsi con eccessiva frequenza le parti intime
  • sangue nelle urine

Se il gatto ha uno dei sintomi sopracitati, potrebbe avere un blocco uretrale e se non curato potrebbe rivelarsi fatale. Altre cause di questa patologia possono essere:

  • calcoli vescicali
  • infezioni batteriche
  • tappo uretrale
  • cancro

Una volta stabilita la causa della patologia, il gatto potrà essere curato. Il veterinario potrebbe comunque prescrivergli dei farmaci al fine di alleviargli un po’ il dolore e dargli un temporaneo sollievo.

2. Cancro

I gatti possono contrarre alcuni tipi di tumori che vanno a colpire il loro sistema linfatico, il più frequente è il Linfoma, molto spesso legato al virus della Leucemia. E’ principalmente presente nel tratto gastrointestinale, ma potrebbe anche essere situato nel petto del gatto. Un altro tipo di tumore tra i più diffusi è il carcinoma cutaneo spinocellulare, che colpisce in genere i gatti bianchi. Le terapie per curare queste patologie dipendono dal tipo di cancro e in quale fase è stato diagnosticato la prima volta e comprendono la chemioterapia, l’intervento chirurgico se il tumore è operabile, l'immunoterapia e le radiazioni. Veterinari specializzati in oncologia sono le figure più idonee ad eseguire queste terapie.

3. Malattie ai reni

Le malattie renali sono abbastanza comuni nei gatti. I reni subiscono, con l’avanzare dell’età, un deterioramento rendendo difficile l’emissione delle scorie tossiche, che vanno ad accumularsi nel sangue causando di conseguenza danni irreparabili ai loro organi vitali. I principali sintomi possono essere:

  • alta pressione sanguigna
  • tossine
  • infezione
  • Cancro
  • Calcoli renali
  • Minor appetito
  • Perdita di peso
  • Diarrea
  • Vomito
  • Letargia

A volte questi sintomi si manifestano solo ad uno stadio avanzato della malattia, precludendo ogni possibilità di salvare il gatto.

4. Malattie dentali

Le malattie dentali sono un’altra patologia riscontrata spesso nei gatti, e se non curata potrebbe portare al conseguimento di problemi di salute più gravi, probabilmente fatali. E’ facilmente intuibile se il gatto è affetto da questo malattia, di solito infatti mostra difficoltà nel mangiare. Altri segnali avvertimento possono essere:

  • Alito cattivo
  • Strano modo di masticare il cibo
  • Gengive e /o lingua rosse e gonfie
  • Salivazione eccessiva
  • Il continuo grattarsi la bocca

In caso di questi sintomi è consigliabile portarlo subito dal veterinario e fargli fare una visita. Una malattia dentale non curata può portare alla formazione di un conglomerato all’interno della sua bocca, conosciuto con il nome di tumore alla bocca che è spesso mortale.

Conclusione

Tutti desiderano avere gatti in salute e al pieno delle loro forze fisiche. E’ un bene quindi portarli dal veterinario ogni volta che presentano un comportamento anomalo: infatti quanto prima gli gliene fatta una diagnosi, quanto prima possono essere curati. Malattie ad uno stadio ancora iniziale sono più facilmente curabili di altre più avanzate.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty