Non potete permettervi dei cibi freschi? Ecco come rendere più nutrienti le crocchette per cani rispettando comunque il vostro budget

Scritto da nella categoria Cani - 1 commento
Non potete permettervi dei cibi freschi? Ecco come rendere più nutrienti le crocchette per cani rispettando comunque il vostro budget

Avete un certo budget da rispettare ma volete rendere le crocchette che potete acquistate più nutrienti per il vostro cane?

O forse non siete ancora pronti per far seguire al vostro cane una dieta ricca di alimenti freschi o crudi.

Se il vostro cane, per un qualsiasi motivo, sta ancora seguendo una dieta a base di crocchette per cani, siamo qui per aiutarvi a rendere tale dieta più nutriente per il vostro cane. Ecco quindi alcuni suggerimenti per trarre il meglio da questa situazione negativa.

Scegliete diete varie

Far seguire al vostro cane diete diverse, ruotando magari tra vari prodotti contribuirà a ridurre al minimo l'impatto negativo di eventuali eccessi o difetti che una dieta a base di crocchette può presentare.

Cambiare una dieta ruotando tra vari prodotti non significa solo scegliere prodotti differenti della stessa marca; molti produttori di alimenti per cani usano lo stesso pre-mix di vitamine in ognuna delle proprie linee di prodotti alimentari o delle proprie marche. Quindi ruotare e cambiare la dieta del vostro cane non comporta semplicemente cambiare la fonte di carne all'interno di una vasta gamma di prodotti tutti della stessa marca, ma comporta anche cambiare e ruotare tra una serie di prodotti di differenti marche.

Il concetto di alternarsi tra vari prodotti alimentari a rotazione è in linea di massima in contraddizione con quello che solitamente un veterinario raccomanda di fare. Ma fornendo al vostro cane una certa varietà di prodotti fin dall'inizio, contribuirete a rendere il suo intestino più forte, anche se i cambiamenti tra una dieta e l'altra ed un prodotto e l'altro andranno comunque fatti in modo graduale tutte le volte.

È importante che ogni prodotto alimentare che scegliete per il vostro cane sia privo di conservanti artificiali, mais, grano, soia e coloranti. Leggete sempre gli ingredienti riportati sull'etichetta di qualsiasi prodotto.

Un conservante artificiale potrebbe essere elencato come BHA, BHT, o etossichina. Ci sono relazioni scritte che attestano che BHA e BHT siano cancerogeni (Cancer Lett 1987, Fukushima et al), mentre l'etossichina, un conservante e pesticida, si sostiene sia una sostanza atta a danneggiare i reni nei ratti (Arch Toxicol. 1992, Manson et al). Il mais e la soia, salvo indicazioni specifiche, sono di origine geneticamente modificata, mentre il grano contiene alti livelli di glutine.

Questi ingredienti indesiderati possono contribuire all'insorgenza di allergie, malattie infiammatorie intestinali o, addirittura, cancro.

Aggiungere Probiotici

Uno dei problemi con le crocchette è che la cottura e la lavorazione distruggono i batteri, sia quelli buoni che quelli cattivi.

Questo può portare all’insorgenza di certi problemi di salute poiché il corretto equilibrio della flora gastrointestinale è di vitale importanza per un’efficace digestione ed un sistema immunitario equilibrato.

Ci sono molti esempi che possono dimostrare quanto questo sia vero. Quando i batteri appartenenti al genere Helicobacter prosperano, possono provocare ulcere allo stomaco. Quando i batteri appartenenti al genere Clostrudium crescono, possono provocare un doloroso gonfiore addominale e diarrea acuta.

Ma fino a che batteri come questi vengono tenuti sotto controllo e mantenuti a livelli equilibrati, l'apparato digerente può funzionare normalmente senza problemi.

I batteri buoni che risiedono nel tratto intestinale operano come parte del sistema immunitario contribuendo a mantenere la mucosa intestinale intatta. Quando questo rivestimento interno è inadeguato, si parla si sindrome dell'intestino irritabile.

L’assottigliarsi della mucosa intestinale o la completa scomparsa di tale protezione in alcune zone permette a grandi quantità di proteine non digeribili di entrare nel flusso sanguineo, per poi giungere al fegato per essere trasformate. Dato che queste proteine non si presentano in un’appropriata forma amminoacidica, il fegato dice loro "Oddio, uscite! Andate via!"

Il corpo risponderà con un’infiammazione.

L'infiammazione è il processo di risposta che un organismo attua quando deve fermare o rimuovere degli invasori che non è in grado di riconoscere. Il corpo cerca quindi di espellere gli invasori attraverso il sistema circolatorio e, alla fine, attraverso la pelle (causando sintomi tipici di un’allergia) o attraverso il tratto intestinale (diarrea).

Quindi la salute dell'intestino è essenziale per la salute del fegato e della pelle.

Dato che le crocchette sono prive di batteri buoni, dovete cercare la presenza di probiotici tra ingredienti riportati sull'etichetta di una confezione di crocchette per cani.

Cercate parole lunghe, con due nomi, come ad esempio Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus rhamnosus, Bifidobacterium longum o Enterococcus faecium. Saccharomyces boulardii è un lievito probiotico.

Studi che mostrano quali probiotici sopravvivono in modo specifico all'ambiente acido presente nello stomaco di un cane e che effettivamente riescono a colonizzare l'intestino sono rari, quindi è difficile sapere quanto bene il vostro cane sarà in grado di usare i probiotici presenti nella sua dieta. In sostanza però nutrire e sostenere la flora intestinale preesistente è un altro buon metodo per favorire la digestione e le difese immunitarie. I prebiotici sono un tipo di fibra solubile o di amido resistente che fungono da nutrimento per i batteri buoni presenti nell'intestino, permettendo a tali batteri di colonizzare il tratto gastrointestinale.

Potete riconoscere la presenza di prebiotici nella lista degli ingredienti riportati sull'etichetta di un prodotto cercando termine quali fruttoligosaccaridi (FOS), radice di cicoria, inulina, gomma di guar e polpa di barbabietola.

Aggiungere Enzimi

Avete mai versato del succo di ananas su un pezzo di carne e notato che si formano tante bollicine?

Il principio alla base della marinatura è che certi alimenti possono digerire (o degradare) altri alimenti freschi. Gli enzimi presenti negli alimenti freschi possono favorire il processo digestivo prima che gli enzimi salivari e gli enzimi pancreatici presenti in un organismo facilitino ulteriormente la digestione di quell'alimento.

Enzimi adatti ai cani possono essere aggiunti a crocchette, che sono state lavorate, sotto forma di polveri, che vengono spruzzate sul cibo prima che questo venga servito o sotto forma di verdure fresche e miste.

Animali carnivori come i cani sono privi dell'enzima digestivo cellulasi, presente invece negli erbivori. La cellulasi consente ad un erbivoro di scindere e degradare la cellulosa, una componente della parete delle cellule vegetali. Le pareti cellulari devono prima essere degradate per consentire il rilascio delle sostanze nutritive presenti all’interno delle cellule vegetali.

L’assenza di cellulasi spiega perché un pezzo di carota passi attraverso l'apparato digerente del vostro cane senza essere degradato, rimanendo intatto alla fine.

Se volete che il vostro cane assuma la vitamina A contenuta nelle carote, allora dovreste dargli del coniglio poiché questo animale ha già predigerito e semplificato la carota nelle sue componenti. Altrimenti, è possibile imitare la pre-digestione che avviene nello stomaco di un erbivoro riscaldando leggermente o riducendo in poltiglia la verdura per far sì che rilasci i suoi nutrienti.

Non confondetevi: i probiotici e gli enzimi non sono la stessa cosa.

Di solito si può riconoscere un enzima dalla presenza di parole che terminano con -asi presenti tra gli ingredienti riportati sull'etichetta di una confezione. La lipasi catalizza l'idrolisi di lipidi o di grassi. L'amilasi scinde gli amidi. La proteasi catalizza la rottura del legame peptidico scindendo le proteine in piccoli amminoacidi. Questi sono solo alcuni dei molti enzimi presenti e che operano in un organismo.

Aggiungere Vitamine Naturali

Molti produttori di crocchette per cani affermano che non si dovrebbero aggiungere vitamine o integratori ai loro prodotti, poiché si tratta di prodotti completi e bilanciati.

In realtà, le vitamine sintetiche presenti nel cibo per cani non soddisfano gli standard adeguati che un prodotto di alta qualità dovrebbe essere in grado di fornire.

Con il passare del tempo, i recettori cellulari possono saturarsi a causa di queste false vitamine ed iniziare a non funzionare in modo corretto. Infatti, l’insorgenza della tossicità può essere associata all’elevato contenuto di vitamine sintetiche in certi prodotti alimentari.

Le vitamine derivate da alimenti freschi e completi sono vitamine complesse e meglio utilizzate dalle cellule dell'organismo, l'assimilazione di queste vitamine più salutari e naturali può essere effettivamente ridotta quando si è in presenza di vitamine sintetiche.

Ridurre al minimo l’apporto di vitamine sintetiche ed aggiungere vitamine naturali alla dieta darà all'organismo l'opportunità di scegliere e selezionare quello di cui ha più bisogno. Quindi l'aggiunta di frutta e verdura mista alla dieta può soddisfare due necessità: il bisogno di enzimi ed il bisogno di vitamine naturali.

Ci sono anche molti produttori di integratori di vitamine/minerali e super-cibi che rientrano in questa categoria assieme alla frutta ed alla verdura fresca.

I proprietari di cani più informati ed esperti aggiungono anche il miglio, la spirulina, le miscele a base di erbe, le combinazioni di diversi tipi di funghi, i prodotti a base di erba di grano o di cereali germogliati al cibo dei loro cani.

Questi efficaci alimenti possono fornire probiotici, enzimi, vitamine naturali, Sali minerali e persino acidi grassi.

Aggiungere Omega-3

La maggior parte delle diete a base di crocchette sono prive di grassi salutari, poiché vengono persi durante la cottura e la lavorazione.

Infatti, la lavorazione può produrre grassi idrogenati o grassi trans, che possono essere molto pericolosi.

La maggior parte dei grassi di origine vegetale forniscono omega-6 ed omega-9, che in genere sono pro-infiammatori, mentre gli omega-3 sono anti-infiammatori. I cani che seguono una dieta a base di crocchette hanno bisogno di consumare degli alimenti più sani e con proprietà anti-infiammatorie.

Nonostante il lino presenti un alto contenuto di omega-3, non viene assimilato molto bene dai cani e dagli altri carnivori. In particolare, i gatti non possiedono l'enzima necessario per convertire l'olio di lino in DHA ed in EPA che possono essere utilizzati dal organismo e che sono di vitale importanza per la salute delle articolazioni, del cuore, della pelle e del cervello. Non sorprende pertanto che un carnivoro riesca a sfruttare meglio gli acidi grassi presenti nell’olio di pesce.

Olio di Pesce

L'olio di pesce è un prodotto particolarmente instabile e la sua qualità varia notevolmente.

È importante notare che fa più male assumere dell’olio di pesce rancido che non assumerne affatto olio di pesce.

Se aprite una bottiglia di olio di pesce nuova e sentite un forte odore di pesce, è molto probabile che l’olio non sia stato estratto in modo corretto e che sia già avariato.

È meglio aggiungere dell'olio di pesce fresco alle crocchette subito prima di servirle. Non pensate che l'olio di pesce contenuto all'interno delle crocchette sia olio di pesce fresco; è sempre meglio aggiungere dell’olio di pesce fresco.

Ma se le crocchette vengono lasciate in una ciotola, per tutto il giorno, l'olio andrà a male. Inoltre, "spiluccare" il cibo non è il modo più naturale, e nemmeno il più salutare, con cui solitamente si nutrono i carnivori. Non solo questa pratica consente l’ulteriore deterioramento delle sostanze nutritive, ma ha anche effetti negativi sulla salute del tratto urinario.

I prodotti alimentari per cani che presentano l'olio di pesce tra gli ingredienti riportati sull'etichetta della confezione avranno indicazioni sulla quantità raccomandata di olio di pesce fresco da aggiungere al prodotto. Tali valori sono però da intendere solo come valori guida. Iniziate aggiungendo olio di pesce in modo graduale e monitorare la produzione di feci. Se le feci diventano troppo molli, ritornate sui vostri passi ed aggiungete quantità minori di olio. La maggior parte dei proprietari ha potuto notare la diminuzione della perdita di pelo ed un mantello più rigoglioso dopo sole due settimane trascorse ad integrare i pasti a base di crocchette dei loro amici a quattro zampe con dell’olio di pesce.

Ci sono ancora migliaia di persone che credono al mito che la dieta a base di crocchette che stanno facendo seguire ai loro amici a quattro zampe sia completa ed equilibrata.

Ma queste diete mancano di sostanze nutritive fondamentali. Ecco perché una dieta a base di cibi freschi è la scelta migliore.

È meglio dare ai vostri cani dei cibi freschi!

Ma se oggi una dieta a base di cibi freschi è fuori dalla portata del vostro portafogli, la semplice aggiunta di questi 4 categorie di sostanze nutrizionali può migliorare enormemente la qualità della vita del vostro amico a quattro zampe!

Quando noterete i miglioramenti che ci saranno in termini di energia, comportamento e qualità del mantello, vi renderete conto che le crocchette non erano un alimento poi così completo dopo tutto.

Aiutate a dissipare il mito e fate leggere questo articolo ad amici e conoscenti che sapete per certo fanno seguire ai propri cani delle diete a base esclusivamente di crocchette.

È un primo importante passo vero una dieta a base di cibi freschi!

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 5 persone con una media di 4.7 su 5.0)

Ebook: Guida alla dieta crudista per Cani

Guida alla dieta crudista per Cani

Ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

1 Commento

  1. david

    tra le tante nozioni giuste di questo articolo sono mezionati mais e soia ogm come qualcosa da temere. Nonostante la grande ignoranza e conseguenti timori sull argomento gli ogm sono creati per trarre benefici e non danni. difatti i risi ogm hanno salvato la vista di milioni di persone, così come molti prodotti che mangiamo sono in qualche modo ogm, visto che la loro genetica è stata modificata attraverso incroci e selezioni (patate, pomodori, banane, mele, pere, pesche sono solo alcuni esempi che ogni giorno mangiamo)

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty