Alcune considerazioni speciali per la cura dei gatti da tenere a mente se vivete in un appartamento

Scritto da dott.ssa Barbara Lombardi nella categoria Gatti
Alcune considerazioni speciali per la cura dei gatti da tenere a mente se vivete in un appartamento

Se vivete in un appartamento invece che in una casa, avere un gatto può sicuramente essere più impegnativo, anche se il gatto generalmente si adatta alla vita da appartamento meglio della maggior parte dei cani! Mentre alcune persone che vorrebbero davvero possedere un gatto alla fine potrebbero decidere che il loro appartamento non è il tipo di ambiente giusto per un animale domestico, molti altri lo gestiscono con successo, con un po' di considerazione e attenzione in più ad alcune delle sfide aggiuntive che vengono con la vita da appartamento.

In quest’articolo, vedremo alcuni dei fattori chiave che sarà necessario tenere a mente se si vive in un appartamento e si desidera tenere un gatto, o se già possedete un gatto e state progettando di trasferirvi in un appartamento in futuro. Continuate a leggere per saperne di più.

Permesso

Prima di tutto, se pagate l’affitto, dovrete avere il permesso del padrone di casa prima di pensare di tenere un gatto. Anche se l’appartamento è di vostra proprietà o state pensando di comprarne uno, la maggior parte dei padroni di casa sono supervisionati da degli agenti di gestione, che potrebbero porre un limite al tipo e al numero di animali che i residenti hanno il permesso di tenere.

Leggete il nostro articolo o controllate direttamente con la compagnia per assicurarvi di non cadere in fallo sulle regole.

Vicini e allergie

Un’altra buona idea è parlare con i vicini su entrambi i lati del vostro appartamento prima di prendere un gatto, per assicurarvi che in teoria non abbiano obiezioni, e anche per parlare di qualunque preoccupazione che potrebbero avere.

Alcune persone sono molto allergiche ai gatti, e questo potrebbe interessare anche i vostri vicini, quindi controllare prima, vi eviterà problemi più avanti.

Accesso all’esterno

Una delle grandi domande di chi vive negli appartamenti che non sono al piano terra o che non possiedono in casa una porta che dia all’esterno, è come fare a dare al gatto l’accesso al mondo esterno.

Alcuni gatti possono vivere all’interno- solo i gatti a cui va bene e che ne sono felici- per esempio i gatti o i micini che non hanno mai avuto accesso all’esterno, razze senza pelo come lo Sphynx, e i gatti il cui sistema immunitario è stato compromesso, come quelli che hanno il virus dell’immunodeficienza felina (FIV).

Tuttavia, se il vostro gatto è abituato a uscire fuori o se volete assolutamente che al vostro gatto sia permesso di uscire fuori, dovrete trovare il modo di farlo lavorando con quello che avete.

Se altre persone nell’edificio hanno dei gatti, potrebbe anche esserci la gattaiola sulla porta dell’atrio comune, e installare una gattaiola sulla vostra porta permetterà al vostro gatto di trovare il modo di uscire- tenere a mente che potrebbe incontrare altri gatti che fanno la stessa cosa, il che potrebbe portare a delle potenziali zuffe finché non si abituano gli uni agli altri! Se questo non è possibile, di solito il piano terra ha una gattaiola installata in una finestra, ma ai piani più alti sarebbe ovviamente più difficile-potreste dover far entrare e uscire il vostro gatto e andare a cercarlo continuamente, o pensare a un modo per installare un passaggio per un livello inferiore dell’edificio!

Giardini condivisi

Se il vostro edificio ha dei giardini privati o condivisi attaccati a esso, o è di fronte ad un parco o a una zona verde, probabilmente quello sarà il posto dove cercare il vostro gatto quando esce. Assicuratevi che il vostro gatto non rovini nessuna aiuola quando esce, e ricordate che se i giardini sono di proprietà privata, ai proprietari potrebbero non piacere i gatti!

In più, pensate alla potenziale presenza di cani in giardini comuni e stabilite se il vostro gatto è in grado o meno di uscire in sicurezza.

Odori

I gatti sono animali fastidiosamente puliti che spendono molto tempo per curare il loro pelo e per lavarsi, quindi è molto difficile che un gatto puzzi- ma se avete una lettiera per il vostro gatto e dimenticate spesso di pulirla, questa presto inizierà a puzzare e a creare odori fastidiosi!

Assicuratevi di pulire e di buttare regolarmente la lettiera usata e abbiatene premura, per evitare di infastidire i vostri vicini con cattivi odori.

Rumore

Infine, raramente si pensa che i gatti siano animali rumorosi, in particolare se messi a confronto con i cani- ma alcuni gatti sono più vocali di altri e spesso questi sono i gatti con le voci più alte e penetranti, come il Siamese e il Gatto del Bengala!

Alcuni gatti faranno rumore quasi costantemente o diventeranno particolarmente vocali se vogliono del cibo o sentono di non ricevere abbastanza attenzioni- quindi tenetelo a mente in combinazione con lo spessore dei vostri muri e quello che pensano i vostri vicini di casa dei gatti, per assicurarvi di non finire per litigare con la gente della porta accanto!

Barbara Lombardi
dott.ssa Barbara Lombardi

Barbara Lombardi è una veterinaria nonché scrittrice freelance specializzata sul tema della salute e del benessere degli animali domestici. Amante appassionato di cani e gatti, Barbara ha una grande esperienza nella scrittura di articoli sulla cura dei nostri amici animali.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 4 persone con una media di 5.0 su 5.0)

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty