Maturità sessuale nei Gatti

Scritto da dott.ssa Barbara Lombardi nella categoria Gatti - 1 commento
Maturità sessuale nei Gatti

Spesso è difficile, quando coccolate quel batuffolino che avete scelto dalla cucciolata, guardare al vostro gattino e considerare che, in pochi mesi, questo piccolo essere diventerà sessualmente maturo. Tuttavia, riconoscendo i segni si può evitare la nascita di cuccioli indesiderati, la prevenzione di ferite brutte subite durante le lotte tra gatti, e la prevenzione di malattie potenzialmente mortali come FIV o la leucemia.

Richiamo

Quando un gatto femmina è in calore o in attività sessuale, si dice che sia in fase di "richiamo". Chiunque abbia vissuto con una gatta in calore capirà perché il termine è così appropriato, poiché lei richiamerà davvero, normalmente ad alto volume e senza sosta. Questo è progettato per pubblicizzare la sua disponibilità con i maschi che si aggirano localmente, facendo loro sapere che lei è pronta per l'accoppiamento ed è in condizioni ottimali per portare in grembo dei cuccioli.

La durata del richiamo varia dai 3 ai 7 giorni a seconda del gatta, e lei continuerà il ciclo fino all'accoppiamento. Questo può durare da pochi giorni a poche settimane. Oltre ad essere insolitamente vocale, si rotolerà per terra, e spesso sarà molto più affettuosa con i suoi proprietari. Il segno più evidente del richiamo è quando una gatta sta distesa sulla sua pancia, piega le zampe posteriori sotto di lei, solleva il sedere in aria e tiene la coda da una parte. Se viene toccata sulla schiena in basso, le sue zampe cominceranno a scalpitare sul posto. Questo è il suo modo di presentare se stessa al maschio, e nessun maschio non castrato sarà in grado di ignorare un tale invito. Alle gatte dovrebbe essere consentito l'accesso ai maschi solo in questo periodo, se state progettando una cucciolata di gattini. Se non desiderate che dia alla luce dei gattini, sarà il momento di tenerla al sicuro in casa e sterilizzarla appena il richiamo è terminato.

Le gatte iniziano il richiamo da un'età incredibilmente giovane. Le prime prove aneddotiche di richiamo riguardano una gattina siamese di 17 settimane, ed è prudente ricordare che, una volta che una gatta inizia a richiamare, lei è in grado di essere fecondata. È anche interessante notare che le gatte non mostrano alcuna avversione per l'accoppiamento con un fratello, un genitore o addirittura la loro prole, così l'endogamia è una possibilità reale. È sconsigliabile far accoppiare una gattina così giovane, poiché i rigori della gravidanza, del parto e dell'allevamento di una cucciolata non devono essere sottovalutati.

L'età di insorgenza del richiamo dipende molto genericamente dalla razza, con gli Orientali, i Siamesi e le razze straniere che iniziano molto prima di quanto la maggior parte dei pelo lungo o semi-lungo e Britannici. In contrasto al Siamese di cui sopra, non è raro per i Persiani di mostrare nessun segno di richiamo fino a buona parte del loro nono mese di vita, prendendo poi qualche altro mese per stabilizzare e raggiungere il loro picco per l'accoppiamento.

Si consiglia di attendere fino a quando la vostra gatta abbia completato la maggior parte della sua crescita prima che di essere gravida e allevare gattini. Normalmente, questo coincide con il primo anno di età, anche se questo dipende dalla razza. Tanto più giovane e tanto più l'allevatore rischia che la madre non si prenda cura dei suoi piccoli o abbia un'attenzione inadeguata alle esigenze dei gattini a cauda dell'immaturità o di incertezza della madre, invece tanto più anziana tanto più il rischio di aborto spontaneo e nascite difficili aumenta.

Se una gatta non è destinata ad avere cuccioli, la sterilizzazione è fortemente raccomandata. Una gatta non accoppiata corre il rischio di sviluppare la Piometra; una condizione in cui l'utero si infetta e si riempie di pus. Se non trattata, diventa fatale.

Il rischio di cancro mammario nelle femmine non-sterilizzate aumenta del 10% per ogni anno che vengono lasciate non-sterilizzate. Pertanto, più giovane è per eseguire il de-sessaggio, minore è il rischio di sviluppare il cancro.

Maschi e maturità sessuale

Spesso il proprietario medio ritiene che un maschio non castarato sarà molto più facile da gestire rispetto ad una femmina. Tuttavia, i maschi non castrati possono diventare infelici, frustrati, aggressivi e distruttivi.

La maturità sessuale nei maschi, così come con le femmine, è spesso determinata dalla razza. Un gattino Orientale di 16 settimane è riuscito a fare il padre con successo ad una cucciolata con una femmina completamente matura, mentre i gatti del Himalaya comunemente non fanno i padri almeno fino a due anni di età, a volte più grandi.

Spesso, i primi segni di maturità sessuale sono molto sottili. Il vostro gattino potrà cambiare il suo gioco da accogliente dolce e acerbo a clown delle gattine o alla caccia più mirata e a strategie di inseguimento. Egli inizierà a interessarsi ad annusare il posteriore di altri gatti, in quanto in questo modo finirà per discernere se una femmina è pronta ad accoppiarsi. Potrà prendere altri gatti per la nuca, cioè mordere la parte posteriore del collo e tenere duro, di nuovo un comportamento che porebbe utilizzare per tenere la femmina ferma per l'accoppiamento.

Visti in modo casuale, questi comportamenti spesso passano inosservati fino a quando il maschio comincia palesemente a montare gli altri animali o anche gli esseri umani in casa. Uno dei segni più evidenti che un maschio sta maturando è quando comincia a spruzzare. Terrà la sua coda dritta in aria, agitandola rapidamente da un lato all'altro, quindi emetterà getti di urina dall'odore molto pungente. Sceglierà spesso superfici verticali per fare questo. L'odore è incredibilmente forte, e il comportamento non può essere scoraggiato.

Proprio come la femmina richiama per attrarre un compagno, il maschio pubblicizza la sua disponibilità attraverso la sua urina. Così non solo permettere alla femmina di individuarlo, ma mette in guardia altri maschi di stare a distanza, proclamando la sua virilità e rivendicando il proprio territorio, sia che si tratti di una casa o all'aperto. Per qualche ragione sconosciuta, gli articoli elettrici e le prese sembrano essere luoghi di minzione favoriti, quindi non è raro che un maschio mandi in corto circuito l'elettricità di una casa.

Se un maschio rimane non castrato, vagherà fino a 10Km di distanza alla ricerca di compagne. Egli combatterà regolarmente con altri maschi per il diritto all'accoppiamento, e di conseguenza, correrà il rischio di malattia e infortuni. I combattimenti per l'accoppiamento sono feroci e i gatti spesso hanno bisogno di un trattamento veterinario per gestire le ferite che sostengono. Lo FIV, l'equivalente felino dell'AIDS umano, può essere passato in queste lotte, così come la leucemia felina e una miriade di altre malattie.

La malattia può anche essere contratta da femmine con cui si accoppia, e anche se il proprietario non dovrà fare i conti con il costo dei gattini, le fatture del veterinario sostenute a causa dei combattimenti frequenti saranno più che sufficienti a bilanciare questa spesa.

Desessualizzare

Se un gatto non è destinato all'accoppiamento, allora la sterilizzazione e la castrazione sono fortemente raccomandate. Questo evita la nascita di cuccioli potenzialmente difficili da tenere in casa, e diminuisce drasticamente il rischio che il vostro gatto, maschio o femmina, venga coinvolto in risse o contragga una malattia da copula. Molti enti di beneficenza forniscono un sostegno finanziario per la sterilizzazione, progettata per assistere le persone con basso reddito.

Barbara Lombardi
dott.ssa Barbara Lombardi

Barbara Lombardi è una veterinaria nonché scrittrice freelance specializzata sul tema della salute e del benessere degli animali domestici. Amante appassionato di cani e gatti, Barbara ha una grande esperienza nella scrittura di articoli sulla cura dei nostri amici animali.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 14 persone con una media di 4.9 su 5.0)

1 Commento

  1. bet

    A mio parere un gatto è un animale fatto x vivere come tale, pertanto é giusto che si accoppi e faccia le sue lotte, seguendo quella che è la sua natura. Se posso evitare d castrarlo oltre che di tenerlo segregato in casa, credo sia la scelta migliore.

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty