L'intossicazione alimentare nei cani: cause e sintomi più comuni

Scritto da nella categoria Cani - 1 commento
L'intossicazione alimentare nei cani: cause e sintomi più comuni

La maggior parte di noi ha sperimentato almeno una volta nella vita quel malessere o quei dolori intestinali tipici di quando si mangia qualcosa di avariato o che non fa bene al nostro organismo, solitamente però si è sempre trattato di un malessere breve e che comunque non è mai durato più di un paio di giorni.

Nonostante molti di noi descrivano un'esperienza di questo tipo come una lieve intossicazione alimentare, sicuramente coloro che hanno sofferto di una vera intossicazione alimentare non esiteranno a farvi notare che la loro esperienza non è assolutamente paragonabile alla vostra! Questo vale a grandi linee anche per i cani.

I cani hanno la cattiva abitudine di mangiare tantissimo e continuare a mangiare anche una volta che sono completamente sazi se ne hanno la possibilità, e mangiare e/o recuperare, magari tra i rifiuti, cibo di dubbia provenienza, il che potrebbe portare anche nel loro caso a soffrire di un malessere passeggero.

Tuttavia, proprio come una classica intossicazione alimentare che colpisce un essere umano può essere estremamente debilitante e potenzialmente molto grave, anche un'intossicazione alimentare che colpisce un cane potrebbe avere le medesime conseguenze. Nonostante i cani siano degli animali molto resistenti ed in grado di riprendersi molto rapidamente dopo aver ingerito sostanze nocive per il loro organismo, è comunque importante capire che anche i cani possono incappare in una reale e grave intossicazione alimentare, che solitamente richiede l'intervengo da parte del veterinario con un trattamento specifico al fine di garantire al vostro cane una pronta guarigione, se possibile.

In questo articolo, esamineremo più nel dettaglio l'intossicazione alimentare nei cani, parleremo di come i cani per natura sono più soggetti a manifestare certi problemi, quali sono i sintomi tipici a cui prestare attenzione e come comportarsi in queste situazioni. Continuate a leggere per saperne di più.

Che cos'è esattamente un'intossicazione alimentare

È importante comprendere prima di tutto la differenza tra una reale intossicazione alimentare ed un dolore o un malessere che interessa il tratto gastrointestinale e che può durare solo un paio di giorni, poiché la prima condizione potrebbe essere veramente molto seria e pericolosa e richiedere pertanto l'intervento del veterinario.

Se il vostro cane vomita una o due volte durante la giornata, ma nel complesso sembra stare bene, non appare incline a rifiutare del cibo o l'acqua, assume acqua regolarmente o non sembra meno vitale del solito allora limitatevi a monitorare la situazione ed aspettate. Questa è una delle cose migliori che potreste fare oltre a mettere il vostro cane a digiuno per 12 o 24 ore, per lasciare che lo stomaco si svuoti completamente ed il corpo si possa pian piano riprendere dallo stress subito.

Tuttavia, se il vostro cane continua a vomitare o ad avere conati di vomito, oltre ad avere una diarrea molto forte e/o persistente, se si rifiuta di bere o se non è in grado di trattenere l'acqua che assume, la situazione potrebbe essere molto seria. Se è inoltre evidente che il cane sta soffrendo e che si sente a disagio, e vi trasmette tali sensazioni mediante la sua postura, i suoni che emette o in generale mediante l'incapacità di trovare una posizione confortevole, questo potrebbe essere indice di un problema molto più serio.

L'intossicazione alimentare può verificarsi a seguito dell'infezione da parte di diversi batteri che possono crescere e svilupparsi sul cibo. Alcuni dei batteri più comuni sono Salmonella, E. coli, Listeria, e molti altri!

Come è possibile che un cane abbia un'intossicazione alimentare?

intossicazione alimentare nei cani

L'intossicazione alimentare nei cani può manifestarsi per gli stessi motivi con cui si manifesta nell'uomo. Alcuni alimenti hanno più probabilità di diventare portatori di batteri nocivi con il tempo rispetto ad altri, come la carne, i frutti di mare, le uova e persino alcuni prodotti dall'apparenza innocui come il riso cotto. Tuttavia, questi alimenti di per sé non sono la causa dell'intossicazione alimentare, ma piuttosto lo è il modo con cui sono conservati, preparati e trattati.

Gli alimenti che devono essere conservati in frigorifero dovrebbero ovviamente rimanere in frigorifero fino al momento del loro utilizzo, poiché le basse temperature favoriscono lo stato di quiescenza dei batteri. Tali prodotti inoltre devono essere preparati e cucinati in modo preciso ed accurato così da accertarsi che la cottura avvenga ad una temperatura tale da uccidere tutti i batteri nocivi.

Tuttavia, non tutti i prodotti alimentari che rientrano tra i più noti responsabili di un'intossicazione alimentare portano con loro, fin dall'inizio, questi batteri nocivi. Tali batteri possono crescere e svilupparsi con il tempo e possono facilmente infettare anche altri alimenti attraverso una preparazione o una conservazione dei prodotti poco accurata, ed ovviamente attraverso il contatto con altri cani (o persone) infetti.

I sintomi dell'intossicazione alimentare nei cani

Il tempo che impiegano i classici sintomi di un'intossicazione alimentare a manifestarsi nei cani possono essere molto variabili. È richiesto del tempo infatti prima che i batteri presenti sui prodotti che il vostro cane ha ingerito inizino ad avere un certo effetto, pertanto se il cane appare stare poco bene o stare realmente male subito dopo aver mangiato, è alquanto improbabile che la causa di un tale malessere sia un'intossicazione alimentare.

Diversi tipi di batteri che possono causare certe malattie o provocare un certo problema di salute richiedono dalle 8 alle 72 ore di incubazione prima che il soggetto colpito inizi a manifestare i primi sintomi, e pertanto può essere alquanto difficile associare tale malessere a qualcosa che il vostro cane magari ha mangiato qualche giorno prima.

I sintomi dell'intossicazione alimentare nei cani sono molto simili a quelli degli esseri umani, come ad esempio vomito, diarrea, incapacità di trattenere il cibo ingerito all'interno dell'organismo, in alcuni casi inoltre si può anche vomitare acqua o non voler bere assolutamente nulla.

Brividi, crampi allo stomaco, mal di testa e malessere generale possono rientrare tra i sintomi dell'intossicazione alimentare, il vostro cane pertanto avrà mal di stomaco, starà poco bene e si sentirà debole ed a disagio. Se tali sintomi persistono per più di un paio d'ore, è altamente probabile che si tratti di intossicazione alimentare, e dovreste pertanto portare il vostro cane dal veterinario anche se la causa scatenante in realtà non è un'intossicazione alimentare, questi sintomi sono comunque molto seri tanto da indurre il veterinario a fare i dovuti esami per risalire alla causa del problema.

Quando andate dal veterinario, probabilmente il medico prescriverà al vostro amico a quattro zampe degli antibiotici ed una terapia specifica di supporto che lo aiuterà a combattere l'infezione e consentirà al suo organismo di riprendersi dall'infezione e guarire. Questo potrebbe richiedere che il vostro cane trascorra un certo periodo ci tempo in clinica, come paziente, soprattutto se è molto disidratato o se i sintomi che manifesta sono molto seri e persistenti.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 10 persone con una media di 4.8 su 5.0)

Ebook: Guida alla dieta crudista per Cani

Guida alla dieta crudista per Cani

Ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

1 Commento

  1. Rosita

    Salve , ho un American Bully di 10 mesi e da 3 giorni presenta perenne vomito ogni ora (succhi gastrici) e diarrea ... In tutto ciò , essendo disturbato e debole si rifiuta di bere e mangiare ! Lo abbiamo portato sin dal primo momento al veterinario ,e gli è stato somministrato il primo giorno l’antibiotico e successivamente altri medicinali ,poiché si tratta di intossicazione alimentare più gastrite ... Attualmente si trova in clinica e gli stanno somministrando i farmaci per via endovenosa ... Tra l’altro gli è stato bloccato il vomito con un farmaco , altrimenti non avrebbe assimilato gli altri per l’intossifocazione .. Vorrei sapere se ci sono buone probabilità che guarisca e per quanto tempo all’incirca deve essere fatta la cura per vedere i miglioramenti

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty