3 modi per prevenire e trattare l'infezione da stafilococco nei cani

Scritto da dott.ssa Barbara Lombardi nella categoria Cani
3 modi per prevenire e trattare l'infezione da stafilococco nei cani

L'infezione da stafilococco è un tipo di infezione causata da un batterio chiamato Staphylococcus. Questo batterio vive nell'ambiente che ci circonda e non necessita di un ospite per sopravvivere, anche se delle volte lo si può ritrovare nel tratto superiore del sistema respiratorio o nella pelle. Lo stafilococco nei cane funziona come quello nelle persone, ed è per questo che è importante che tutti i padroni conoscano i sintomi e sappiano come trattarlo.

Il tipo più comune di stafilococco nei cani è l'infezione che colpisce la pelle, chiamata Staphylococcus Dermatitis. Questa è un'infezione batterica che causa arrossamenti e infiammazioni alla pelle del cane. Il batterio si trova naturalmente fuori la pelle del cane è non è pericoloso finché la pelle è in uno stato di salute ottimale. L'infezione occorre una volta che la pelle si irrita o avviene una ferita, questo permette al batterio di entrare nella pelle e causare l'infezione.

Sintomi

I sintomi più comuni di questa infezione sono facilmente identificabili. I sintomi principali sono: ascessi cutanei, dolore, perdita di appetito, infiammazione della pelle, lesioni piene di pus, infezioni negli occhi, pelle e orecchie del cane, infezione al sistema respiratorio, e in fine prurito eccessivo, masticazione o il leccare ossessivo.

L'area infetta può essere piena di croste o squamata con delle aree arrossate. Tenere traccia dei diversi sintomi permette al veterinario di comprendere se si tratta di stafilococco o altri batteri che possono aver causato l'infezione.

Diagnosi

L’infezione da stafilococco non è quel tipo di infezione che puoi tranquillamente diagnosticare a casa. Se noti alcuni dei sintomi elencati qui sopra, recati immediatamente dal veterinario con una lista di questi, il veterinario in base a ciò potrà esaminare il cane.

I veterinari spesso conducono diversi esami come quello biochimico, delle urine, un esame completo del sangue e uno della pelle*, per determinare se l'infiammazione è un problema legato ad allergie o al sistema immunitario. Nei casi più gravi di infezione, una biopsia e un tampone cutaneo sono richiesti per determinare quali antibiotici possono funzionare meglio per il cane.

Cura

Il trattamento più comune è quello degli antibiotici per via orale. Se l'infestazione è principalmente sulla pelle, potrebbe essere prescritto uno shampoo antibatterico o un unguento per uso cutaneo.

Il cane necessita diverse settimane di trattamento prima che l'infezione sia considerata sotto controllo. La preoccupazione principale dovrebbe essere quella di completare il ciclo completo di antibiotici in quanto lo stafilococco potrebbe non mostrare ulteriori sintomi o segnali, ma continuare ad esistere e vivere sotto la pelle dell'animale, facendo una riapparizione più avanti.

Un rimedio casalingo è possibile solo quando l'infezione si trova ai primi stadi. È fondamentale mantenere la zona pulita e impedire al cane di giocare in aree infestate attraverso l'uso di un collare protettivo o cono. Se l'infezione continua ad espandersi, significa che il rimedio casalingo non sta funzionando e la possibilità di recesso è minima.

Come prevenire l'infezione

stafilococco nel cane

Visto che i batteri si trovano sempre fuori dalla pelle, il modo migliore per prevenire l'infezione è quella di ridurre gli irritanti che possono portare il cane a grattarsi e ferirsi, permettendo al batterio di entrare. Esistono 3 semplici modi per prevenire le irritazioni cutanee.

1 - Rimuovi tutti gli allergeni

I cani che sono affetti da allergie severe o frequenti sono quelli più a rischio di sviluppare un'infezione da stafilococco, in quanto la loro pelle è costantemente irritata, condizione che porta il cane a grattarsi e mordicchiare le diverse zone. Rimuovere questi allergeni riduce la possibilità dell'aprirsi di piaghe e graffi sulla pelle.

Indentificare gli allergeni è la prima cosa da fare; la rimozione di questi avviene in secondo luogo. Se gli allergeni in questione sono allergeni ambientali come ad esempio l'erba, fatti prescrivere dal veterinario medicinali appositi o recati da questo ogni mese per i vaccini contro le allergie. Inizialmente potrebbe sembrare estremamente dispendioso, ma ricorda che curare un'infestazione, soprattutto se agli ultimi stadi, richiede un trattamento ancora più costoso e impegnativo.

2 - Mantenere una nutrizione adeguata

Mantenere il cane in salute è importante, in quanto permetterà al cane stesso di prevenire lo stafilococco dall'interno. Se il cane riceve tutti i nutrienti di cui ha bisogno, come anche esercizio e idratazione, è meno probabile che sviluppi problemi di salute e malattie varie. Fai attenzione a quello a cui il tuo cane potrebbe essere allergico; scegli dei cibi appositi per cani affetti da sensibilità, o passa ad una dieta casalinga per cani con allergie cutanee.

Quando i cani si nutrono di un cibo che viene accettato dal sistema, questo aiuta e previene lo svilupparsi di condizioni e malattie, come problemi alla pelle, che potrebbero portare il cane a grattarsi o mordersi, ed eventualmente portare dei batteri sotto la pelle.

3 - L'igiene prima di tutto

Mantenere il cane sempre pulito può ridurre in modo significativo il rischio di infezioni da stafilococco. Lavaggi regolati (ma non troppo frequenti!) e curare il pelo possono aiutare a ridurre la possibilità di pulci e zecche, e di conseguenza rimuovere questi parassiti tra i potenziali irritanti. Se la cura del manto è regolare, le macchie si notano subito come è anche più facile notare qualsiasi ferita aperta o graffio.

Curare le ferite a casa prima che si infettino può ridurre il rischio dell'infezione da stafilococco. Proprio come quelle delle persone, anche le ferite dei cani possono essere curate disinfettando regolarmente l’area affetta e mantenendo l'area protetta da qualsiasi sporcizia presente nell'ambiente. Se la ferita guarisce senza problemi e senza l'aiuto di un veterinario, allora congratulazioni tu e il tuo cane avete scampato il pericolo dello stafilococco.

Lo stafilococco è contagioso?

Sì, lo stafilococco è contagioso in quanto è una malattia zoonotica. Può infatti essere trasmesso da cane a cane e anche da cane a persona. La trasmissione cane-persona è rara ma non impossibile. Le persone con un sistema immunitario debole sono quelle più a rischio di infezione.

La trasmissione cane-cane è invece molto comune. Se il cane entra in contatto con un altro cane che potrebbe soffrire di questa infestazione o ha una ferita aperta, allora sono entrambi a rischio di un ulteriore infezione.

Le infezioni da stafilococco possono anche essere trasferite con morsi e graffi di altri animali. Queste infezioni sono anche quelle più rischiose, per questo contatta immediatamente il veterinario per un test e per verificare se il batterio dello stafilococco ha infettato la ferita o meno.

Barbara Lombardi
dott.ssa Barbara Lombardi

Barbara Lombardi è una veterinaria nonché scrittrice freelance specializzata sul tema della salute e del benessere degli animali domestici. Amante appassionato di cani e gatti, Barbara ha una grande esperienza nella scrittura di articoli sulla cura dei nostri amici animali.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 17 persone con una media di 4.8 su 5.0)

Ebook: Guida alla dieta crudista per Cani

Guida alla dieta crudista per Cani

Ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty