Stitichezza nei cani: cos’è e come trattarla naturalmente la stipsi

Scritto da nella categoria Cani
Stitichezza nei cani: cos’è e come trattarla naturalmente la stipsi

Indice dei contenuti:

La maggior parte dei padroni di cani hanno a che fare più spesso con la diarrea che con la stitichezza, ma i cuccioli in realtà a volte ne soffrono.

A volte la causa del problema è semplicemente una mancanza di fibre o uno scarso consumo di acqua, ma possono esserci anche cause più serie.

Ricorda, però, che devi sempre consultare il veterinario prima di apportare cambiamenti alla dieta del tuo cane o di somministrargli dei medicinali (e devi anche essere certo che non stia manifestando sintomi che indicano una malattia più seria).

Il tuo cane soffre di stitichezza quando ha difficoltà a far la cacca (e le feci sono dure e secche) o non la fa proprio.

Se le feci solide rimangono troppo a lungo nel colon del tuo cane, tutta l’umidità in esse contenuta verrà assorbita e le feci diventeranno secche, dure e difficili da espellere.

Se la stitichezza non viene indirizzata e curata, l’intestino del cane potrebbe espandersi al punto in cui non riuscirebbe più a fare il suo lavoro efficacemente. Questa è una condizione cronica conosciuta con il nome di megacolon, ed è più comune tra i gatti piuttosto che tra i cani. Il nostro scopo è quello di evitare che i nostri animali domestici abbiano questi problemi intestinali a lungo termine.

Come faccio a capire se il mio cane è stitico?

Che il tuo cane faccia i bisogni nel cortile dietro casa o lungo la passeggiata giornaliera, devi sempre tenere d’occhio le urine e le feci. La quantità di urine e feci, il colore, la texture, l’odore e la presenza di muco o sangue – sono infatti tutti indicatori di come l’organismo del tuo cane sta funzionando.

Spesso, ciò che il cane espelle è il primo sintomo di un problema di salute, quindi se il tuo cane fa i bisogni in cortile, è importante tenere sempre sotto stretto controllo le zone in cui li fa.

Se un cane è costipato significa che ha difficoltà ad espellere le feci dall’organismo. Infatti, i cani stitici danno sempre l’impressione di dover andare a fare i bisogni, senza però riuscirci.

Se dopo diversi minuti di sforzi il tuo cagnolino non ha fatto niente, o solo piccole palline dure e secche, allora è costipato. Specialmente se questo problema si protrae per un paio di giorni.

Il cane stitico è gonfio e sente dolore, specialmente quando prova – senza successo – a fare la cacca.

Se le feci riescono ad uscire, potrebbero avere un colore insolito – spesso più scuro del normale. Potresti trovare del muco e del sangue, o altre stranezze mai viste prima.

Se la situazione persiste, il tuo cane potrebbe avere attacchi di vomito. Potrebbe perdere l’appetito e iniziare a perdere peso. Sarà svogliato. Ovviamente la situazione non sarà così grave se agirai tempestivamente.

È per questo che è importante tenere regolarmente sotto controllo non solo ciò che succede nell’organismo del tuo cane, ma anche quello che ne esce fuori.

Cause della stitichezza

Le potenziali cause della stitichezza sono molte. Le cause appartengono a una di queste tre categorie:

  1. Tra le cause intraluminali troviamo una possibile ostruzione parziale o totale all’interno del colon, causata dall’ingestione di materia che non può essere digerita, o anche tumori

  2. Le cause extraluminali hanno luogo fuori dal colon e contribuiscono alla costipazione con, ad esempio, un bacino ristretto in seguito a una frattura pelvica, o tumori in via di sviluppo nella cavità pelvica che comprimono l’intestino dall’esterno.

  3. Le cause intrinseche sono di natura neuromuscolare e possono essere il risultato di una lesione nervosa della zona pelvica o lombare o di malattie come l’ipertiroidismo o l’ipercalcemia.

Tra le possibili cause troviamo:

  • Disidratazione, dieta scarsa di fibre, esercizio fisico insufficiente
  • Ingestione di un corpo estraneo come un pezzo di stoffa, di scarpa o sassi
  • Ostruzione intestinale, tumori inclusi
  • Disordini neuromuscolari tra cui anormalità o danneggiamento dei nervi o dei muscoli del colon
  • Ghiandole perianali infiammate o lesione del bacino che causano dolore durante la defecazione
  • Conseguenze di un intervento chirurgico, medicinali e integratori di ferro
  • Stress causato da un cambiamento della routine

Una delle cause più frequenti della stitichezza nei cani è la disidratazione. Se hai il sospetto che il tuo cucciolotto sia costipato o hai notato che le feci sono secche e dure, tieni sotto controllo il suo consumo d’acqua.

Ricorda, gli animali che fanno molta attività fisica hanno bisogno di più acqua e quando fa caldo, ne hanno bisogno ancor di più.

A seconda di ciò che dai da mangiare al tuo cane – specialmente se segue una dieta cruda o se prepari il cibo in casa, o se gli dai del semplice cibo in lattina – già i pasti dovrebbero fornirgli tutto ciò di cui ha bisogno. Se dai al tuo cane solo i croccantini secchi (che non consiglio, a meno che tu non possa permetterti altro), avrà bisogno di idratarsi con l’acqua della ciotolina.

Se il tuo cane ingerisce un corpo estraneo, o un pezzo grande di osso, può stabilirsi nell’intestino e causare un’ostruzione a causa della quale le feci non riescono a passare. Se il tuo cane ha problemi a fare la cacca ed è conosciuto per ingoiare cose che non dovrebbe, consiglio di chiamare il veterinario se la situazione non si risolve nel giro di un giorno o due.

Se sai per certo che il tuo cane ha ingerito un corpo estraneo che potrebbe causare un’ostruzione, non temporeggiare perché la situazione può degenerare in fretta e diventare addirittura fatale.

I cani non castrati, specialmente con l’età, potrebbero soffrire un ingrossamento della prostata che comprime l’intestino, creando così feci fine come una matita o un’ostruzione. Questo problema solitamente può essere risolto facendo sterilizzare il cane.

Anche il prolasso rettale (ernia anale) potrebbe essere la causa della costipazione. L’ernia invade il retto e blocca il passaggio delle feci. L’ernia di solito ha bisogno di un intervento chirurgico per essere eliminata.

Alcuni cani hanno un tono muscolare insufficiente o dei disordini neuromuscolari che impediscono alle feci di muoversi con efficienza nel colon. Le feci che rimangono troppo a lungo nell’intestino perdono umidità e si induriscono, rendendo il passaggio ancora più difficile. Questo processo può diventare un circolo vizioso, perché più è difficile l’espulsione, più il cane sviluppa un’abitudine per la quale vorrà evitare a tutti i costi l’eliminazione.

Quando c’è da preoccuparsi?

Se il tuo cane è in perfetta salute ma soffre improvvisamente di stitichezza – e la situazione non si risolve in un paio di giorni – è il caso di preoccuparsi. Alcune delle cause della stitichezza potrebbero essere fatali per i nostri amici a quattro zampe, quindi è importante tenere sotto controllo un cane costipato e cercare eventualmente l’aiuto di un veterinario se le cose non migliorano in fretta.

Se la stitichezza del tuo cane si risolve in un giorno o due ma poi si ripresenta, è il caso di andare dal veterinario. Se il problema persiste, potrebbe esserci sotto qualcosa di più serio che ha bisogno dell’attenzione di un esperto.

La costipazione cronica è conosciuta anche come stipsi. È una situazione davvero spiacevole nella quale un cane non è in grado di svuotare gli intestini senza un aiuto dall’esterno. Il colon si ingrossa perché contiene un volume crescente di feci dure.

Un cane che soffre di stipsi sarà estremamente a disagio e proverà spesso – senza successo – a fare la cacca. Senza un intervento dall’esterno, perderà l’appetito, diventerà svogliato e inizierà a vomitare.

A seconda della serietà della situazione, con intervento dall’esterno può intendersi la somministrazione di fluidi per l’idratazione e un clistere per pulire il colon. Si intende anche un’anestesia totale per poter rimuovere le feci manualmente. Spesso, c’è bisogno di un secondo round per rimuovere quelle feci che si erano accumulate in aree inaccessibili dell’intestino durante la prima procedura.

In quei casi intrattabili, potrebbe esserci addirittura bisogno di un intervento chirurgico. La colectomia è un intervento chirurgico mirato alla rimozione di tratti del colon. Questa opzione viene considerata di solito in quei casi di stipsi causata da una lesione del colon, da un disordine neuromuscolare, da un tumore o da problemi al bacino che influiscono direttamente sul colon.

I miei suggerimenti per i cagnolini stitici

Questi suggerimenti sono adatti a quei cani che soffrono di una lieve stitichezza.

Se la stitichezza persiste o è cronica, o non sei sicuro di quale sia la causa, per non sbagliare, chiama il veterinario per farti aiutare.

1. Una dieta equilibrata e adatta alla razza. Non c’è storia, tra le cause più comuni della stitichezza c’è proprio una dieta inappropriata. Molti attribuiscono la colpa all’ingestione di sassolini, rametti secchi, pezzi di lettiera del gatto o calzini vecchi. Ma a volte il problema potrebbero essere anche i croccantini troppo secchi pieni di spazzatura di cui il tuo cane non ha assolutamente bisogno. Preparare il cibo in casa è il modo migliore per far mangiare il tuo cane. Segui delle ricette equilibrate e complete per tenere correttamente in funzione l’organismo del tuo amico a quattro zampe.

2. Enzimi digestivi e probiotici. Entrambi gli integratori aiuteranno la cattiva digestione, che è spesso causa di stitichezza a intermittenza, ma anche di diarrea. Il tuo veterinario saprà consigliarti i giusti prodotti e il giusto dosaggio a seconda della situazione del tuo cane.

3. Tanto esercizio! E tanta, tanta acqua fresca. Tutti gli animali hanno bisogno di stare in movimento. Ma non solo gli animali, anche le feci devono poter muoversi. L’attività fisica e il giusto apporto di acqua fresca può prevenire o rimediare alla costipazione.

4. Fibre. I cani selvatici assumono le fibre dal pelo della loro preda. Viene da sé, quindi, che i cani domestici non mangiando il pelo degli altri animali, non assumono abbastanza fibre! Tra le ottime fonti di fibre per il tuo cagnolino troviamo:

  • Psillio in polvere: mezzo cucchiaino ogni circa 5 kg di peso corporeo 1-2 volte al giorno nei pasti.
  • Verdure tritate a foglia verde: un cucchiaino ogni circa 5 kg di peso corporeo 1-2 volte al giorno nei pasti.
  • Fibra di cocco: un cucchiaino ogni circa 5 kg di peso corporeo 1-2 volte al giorno nei pasti.
  • Zucca frullata: un cucchiaino ogni circa 5 kg di peso 1-2 volte al giorno nei pasti.

5. Aceto di sidro di mele organico. L’aceto di sidro di mele organico è una specie di droga naturale delle meraviglie, in quanto è in grado di alleviare innumerevoli condizioni sia negli umani che negli animali. Riesce a migliorare la digestione e la stitichezza. Personalmente lo preferisco grezzo e non filtrato, ¼ di cucchiaino ogni circa 5 kg di peso corporeo aggiunto al pasto del tuo cane 1-2 volte al giorno.

6. Succo di aloe (non il gel topico): ¼ di cucchiaino ogni circa 5 kg di peso corporeo 1-2 volte al giorno nei pasti.

7. Agopuntura, chiropratico, massaggi. Ognuna di queste tre soluzioni potrebbero aiutare ad alleviare i sintomi della costipazione cronica.

Cosa NON consiglio assolutamente

  • Lassativi per gli umani. Per favore, non dare mai al tuo cane dei lassativi intesi per il consumo umano senza consultare prima il veterinario. Alcuni lassativi per umani potrebbero essere sicuri anche per il tuo cane, ma non tirare a indovinare. Chiama il veterinario per farti aiutare. Ci sono alcuni lassativi formulati specificatamente per i nostri amici a quattro zampe.

  • Cereali ad alto contenuto di fibre per gli umani. Non risolvere la costipazione del tuo cane nello stesso modo in cui risolveresti la tua. Non far mangiare al tuo cane dei cereali ad alto contenuto di fibre senza aver prima consultato il tuo veterinario. Ricorda: il tuo cane è carnivoro. I cereali non fanno naturalmente parte della sua dieta e potrebbero peggiorare la situazione.

  • Olio minerale. Non dare al tuo cane dell’olio minerale. Non è efficace e potrebbe essere aspirato nei polmoni e causare lesioni permanenti.

  • Clisteri fatti in casa. Non stimolare l’evacuazione con un clistere prima di consultare il veterinario. Alcuni clisteri in commercio sono altamente dannosi per i cani.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 1 persone con una media di 5.0 su 5.0)

Ebook: Guida alla dieta crudista per Cani

Guida alla dieta crudista per Cani

Ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty