I cani possono convertire grassi vegetali Omega 3?

Scritto da dott.ssa Barbara Lombardi nella categoria Cani
I cani possono convertire grassi vegetali Omega 3?

Mi è stata chiesta una domanda molto interessante questa settimana, riguardo agli oli salutari per cani.

Recentemente, un veterinario ha pubblicato un interessante articolo online. All'interno lei affermava che i cani non potessero convertire Acido Alfa Lipoico (ALA) in acido eicosapentaenoico (EPA) e acido acido docosaesaenoico (DHA), dato che i cani non possiedono gli enzimi necessari per compiere quest'azione, quindi dovrebbero assumere olio di pesce o olio di krill, non olio vegetale.

Agli animali domestici mancano gli enzimi necessari per convertire risorse vegetali di acidi grassi Omega 3 (da canapa, chia e olii di lino) in DHA, quindi DHA e EPA devono essere provvisti direttamente via cibo. L'olio di krill è ricco di DHA ed EPA. Questi grassi antinfiammatori si trovano naturalmente in natura.

Sì, i cani hanno bisogno di questi grassi essenziali nella propria dieta. Ma voglio rispondere a questa affermazione, perché penso sia importante.

Oli salutari per i cani

EPA è veramente importante per la salute del tuo cane. Compete con gli acidi antinfiammatori di Omega 6 come recettore e diminuisce l'infiammazione. DHA rende sane le membrane cellulare, specialmente delle cellule nervose. Questo è particolarmente positivo per il cervello e la salute degli occhi.

Ora, EPA e DHA sono le forme biologicamente più disponibili di ALA, uno dei principali acidi grassi di Omega 3. ALA si trova negli animali erbivori e nelle piante da olio, ed è il precursore dell'EPA e del DHA, ma non è EPA e DHA. Al fine di ottenere dei benefici, i cani devono convertirli. Ma il pesce e gli oli marini contengono sia ALA che EPA e DHA, ed è per questo che sono così popolari.

Cosa dicono le ricerche

ricerche veterinarie

Perché il veterinario che ho citato diceva che i cani non possono convertire ALA? Beh, i ricercatori hanno comparato ALA di origine vegetale con ALA proveniente dall'olio di pesce. Hanno poi controllato i marcatori infiammatori di entrambi i gruppi, e hanno scoperto che l'olio di pesce ha un maggiore impatto sui marcatori infiammatori. Hanno inoltre capito che i cani possono convertire ALA in EPA, ma solo in piccole dosi. È stato anche prodotto un precursore del DHA chiamato DPA, ma non così simile al DHA.

Ma aspettate, poiché esaminare le ricerche e affermare che ai cani manchino degli enzimi predisposti alla conversione è una conclusione affrettata. I cani hanno effettivamente fatto la conversione. I ricercatori hanno solo pensato che non fosse abbastanza. Hanno visto maggiori cambiamenti nei marcatori infiammatori nel caso in cui i cani fossero nutriti con EPA e DHA insieme all' ALA. Gli scienziati hanno quindi solo affermato come non sapessero se la quantità fosse sufficiente per controllare l'infiammazione.

Quindi, prima di tutto, chiariamo questo punto: i cani hanno gli enzimi necessari per convertire ALA in EPA e nel precursore del DHA.

Ma ecco la cosa importante della nutrizione, e il motivo per cui non dovremmo fare affermazioni generaliste come "i cani non possono convertire ALA in EPA e DHA": ci sono più cose a noi sconosciute sull'alimentazione di quelle conosciute. E questo è la ragione per cui è così difficile creare studi che misurino davvero quello che vogliamo indagare.

I cani in questi studi sono stati nutriti con croccantini per cani, e i croccantini hanno un livello molto alto di acidi grassi Omega 6 infiammatori. I cani stavano già gestendo troppa infiammazione. Ed è probabilmente vero che in quel caso essi non potessero creare abbastanza EPA per metterle un freno. Sia i grassi Omega 6 che quelli Omega 3 competono come recettori della stessa area. Se ci fosse troppo Omega 6 nella dieta, non sareste mai in grado di avere abbastanza Omega 3 per competere con i primi.

Il problema potrebbe NON essere stato che i cani non fossero in grado di creare abbastanza EPA. Il problema potrebbe essere stato che non fossero in grado di produrre abbastanza EPA per sopperire all'abbondanza di Omega 6 nella loro alimentazione a base di croccantini.

Una ricerca ha effettivamente dimostrato che quello è ciò che è accaduto: diete ad alto livello di Acido Linoleico, un acido primario di Omega 6, possono diminuire la conversione di ALA del 40%. I grassi insaturi, che sono il risultato di una preparazione in cucina ad alte temperature, possono inoltre ridurre la conversione da ALA a EPA e DHA.

E alti livelli di assunzione di EPA e DHA e perfino ALA possono diminuire la capacità di conversione. Quindi, se state dando al vostro cane un sacco di olio di pesce, lo potreste star limitando nella conversione di ALA in EPA e DHA. Esatto, il suo corpo farà affidamento su quella scorta e smetterà di convertirla. Ma c'è qualcos'altro che è davvero importante ricordare qui, i microbiomi.

Dentro la pancia del vostro cane

Gli studi ai quali la veterinaria si stava riferendo sono vecchi di oltre una decade. Certo, non sono vecchissimi, ma si tratta di prima che gli scienziati avessero dato un buono sguardo ai microbiomi. Noi siamo ora molto più consapevoli di come questi influenzino immunità, infiammazioni e nutrizione.

Il microbioma è formato dalle popolazioni batteriche e dai microrganismi che vivono sopra e dentro il vostro cane. Ed è quello che vive nel vostro cane ad essere davvero importante.

I batteri che vivono all'interno superano le cellule del cane 10 a 1. Questi piccoli batteri amichevoli hanno mutuato una relazione di benefici col vostro cane: loro mangiano quello che lui mangia, e forniscono piccoli metaboliti che possono:

  • Parlare direttamente col cervello dell'animale
  • Aiutare a controllare il sistema immunitario
  • Fornire molte vitamine a lui necessarie
  • Fornire piccole catene di acidi grassi fondamentali che possono anche aiutare a controllare le infiammazioni

In più, essi competono con i batteri patogeni per i siti di attaccamento e li spazzano via, inclusi batteri come E. Coli, salmonella e bordetella! E, cosa più importante, il loro metabolismo produce enzimi.

Ricordate che ho detto che quei batteri mangiano ciò che mangia il vostro cane? Nuovi studi hanno dimostrato che quei batteri producono metaboliti che possono stimolare la conversione di ALA in EPA e DHA. Questa è la buona notizia.

Ma se il vostro cane mangia un sacco di amido (croccantini), questo nutrirà i batteri che preferiscono mangiare amido e questi batteri inizieranno a crescere a dismisura, competendo con i batteri che metabolizzano i grassi (come l'ALA) e riducendo l'abilità di convertirli in EPA e DHA.

Il dottor Patton e Holly Ganz stanno compiendo uno studio ancora in fase preliminare, nutrendo i cani con croccantini e prendendo dei campioni fecali. Successivamente, essi prenderanno metà dei cani e li sottoporranno ad una dieta di cibo semi disidratato per due mesi, lasciando che l'altra metà continui con la dieta a base di croccantini. Confronteranno poi i campioni fecali da entrambi i gruppi di cani.

Nei risultati preliminari hanno visto che le popolazioni batteriche erano davvero differenti. Le popolazioni di batteri si differenziano in base alla dieta: in quella a base di croccantini sono cresciuti i batteri amanti dell'amido, mentre quelli con una dieta più grassa ha visto crescere i batteri che preferiscono i grassi.

Perché vi sto dicendo questo? Perché la nutrizione non è solo bianco e nero.

Qual è la risposta?

Prima di tutto, i cani hanno certamente gli enzimi in grado di convertire ALA in EPA, e in effetti li convertono. Ma dare da mangiare ai cani un'alimentazione ricca di Omega 6 (come coi croccantini) sembra sopprimere questi enzimi fino al 40%, così come aggiungere EPA e DHA otterrebbe lo stesso risultato. Una dieta ricca di amido potrebbe inoltre ridurre il numero di batteri che aiutano la conversione da ALA a EPA e DHA.

Quindi, qual è la risposta? Non fornite ai vostri cani alimentazioni innaturali come i croccantini. I cani non sono nati per gestire una dieta con più del 30% di amido, nonché diete ricche di Omega 6. Questo cambierebbe le popolazioni batteriche, i metaboliti e gli enzimi prodotti, nonché l'attività degli enzimi nel vostro cane.

Se avete intenzione di nutrirlo con croccantini, immagino che dovrete iniziare a metterci sopra un po' di olio di krill. Ma sospetto che leggendo questo articolo, vorrete di meglio per il vostro cane.

Il miglior modo per assicurarvi un bilanciamento tra Omega 6 e Omega 3 è nutrirlo con i cibi giusti, nelle giuste dosi. Il che significa amido vicino allo zero, un buon apporto di proteine e circa 10-20% di grassi.

In conclusione, non è così semplice come dire che i cani dovrebbero mangiare olio di pesce perché non hanno gli enzimi per convertire l'ALA e basta. L'alimentazione non è mai facile. E questo è il motivo per cui il miglior trucco è sempre dare al cane quello che madre natura gli darebbe: cibo sano, crudo e intero, il che significa una varietà di sani oli per cani.


Fonti:
Barbara Lombardi
dott.ssa Barbara Lombardi

Barbara Lombardi è una veterinaria nonché scrittrice freelance specializzata sul tema della salute e del benessere degli animali domestici. Amante appassionato di cani e gatti, Barbara ha una grande esperienza nella scrittura di articoli sulla cura dei nostri amici animali.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 10 persone con una media di 4.8 su 5.0)

Ebook: Guida alla dieta crudista per Cani

Guida alla dieta crudista per Cani

Ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty