Olio di pesce per cani: tutto quello che dovete sapere a riguardo

Scritto da dott.ssa Barbara Lombardi nella categoria Cani
Olio di pesce per cani: tutto quello che dovete sapere a riguardo

Molto probabilmente avrai già sentito parlare dei numerosi benefici che gli acidi grassi Omega-3 apportano all'uomo e alla sua salute. Per questo motivo non puoi lasciarti sorprendere dal fatto che l'Omega-3 sia un ottimo integratore adatto anche per mantenere in salute il tuo cane!

I vantaggi dell'olio di pesce Omega-3 per il tuo cane

Gli acidi grassi Omega-3 sono acidi grassi polinsaturi e in natura ne esistono tre tipologie diverse. Il primo è conosciuto come ALA o acido α-linolenico ed è tipicamente presente negli oli vegetali, con fonti come semi di lino, noci, canapa e altri semi mentre il secondo è conosciuto come EPA o anche come acido eicosapentaenoico e infine il DHA o acido docosaesaenoico. Questi ultimi sono presenti all'interno di prodotti marini come pesce, uova, calamari e krill e in genere vengono mescolati insieme.

In natura il tuo cane non può produrre autonomamente il proprio Omega-3, quindi ha bisogno di ottenerlo dalla sua dieta, quindi assicurarti che il tuo cane riceva la giusta quantità di acidi grassi omega-3 in questo modo avrai una serie di effetti positivi sulla sua salute.

Salute della pelle e del pelo

Gli acidi grassi Omega-3 hanno un comprovato beneficio per le condizioni della pelle e del manto del cane attraverso un effetto antinfiammatorio. I cani che presentano sintomi allergici come la dermatite atopica e che presentano quindi prurito, graffi e perdita del pelo, possono trarre beneficio dall'integrazione di Omega-3 nella loro dieta.

Ecco alcune considerazioni provenienti direttamente da una ricerca specifica:

  • "Gli acidi grassi essenziali hanno un ruolo strutturale nelle membrane cellulari ... e sono fondamentali per mantenere la normale struttura e funzione della pelle."
  • "... uno studio incrociato, controllato in doppio cieco e controllato con placebo ha dimostrato un chiaro beneficio degli acidi grassi ad alte dosi (n-3) nella gestione della malattia della pelle pruriginosa."
  • Un sondaggio del 1995 tra gli specialisti in dermatologia veterinaria ha scoperto che:"Il 90% degli intervistati ritiene utili gli integratori di acidi grassi nella dieta"
  • "Rispetto al controllo dell'olio di mais nel tempo, l'integrazione di olio marino ha migliorato significativamente il prurito (P <0,02), alopecia (P <0,05) e carattere del manto (P <0,001). Questo studio dimostra l'efficacia di alte dosi di olio marino come antinfiammatorio alternativo per la malattia della pelle pruriginosa canina. "

Longevità e salute cardiovascolare

Recenti studi hanno dimostrato che i cani che assumono integratori di acidi grassi polinsaturi beneficiano di vite più lunghe e dell'aumento della salute cardiovascolare poiché una dieta ricca di Omega-3 riduce le proteine ​​infiammatorie e gli acidi grassi nel corpo.

"I risultati di questo studio mostrano anche un tempo di sopravvivenza significativamente più lungo per i cani che ricevono un'integrazione di acido grasso n-3; L'integrazione di acidi grassi n-3 riduce le citochine infiammatorie e gli eicosanoidi e inoltre riduce la perdita muscolare e ha effetti antiaritmici. "

Sviluppo neurologico e apprendimento

Uno studio del 2006 ha stabilito che i cani nutriti con una dieta ricca di DHA durante la gravidanza e l'allattamento determinano un migliore sviluppo neurologico nei loro cuccioli. Hanno anche scoperto che: "l'alimentazione con diete o integratori contenenti DHA può migliorare la memoria o l'apprendimento nei cani giovani".

Uno studio del 2004 ha scoperto che i cuccioli con una dieta a elevato contenuto di DHA sembravano più inclini all'addestramento rispetto ai cuccioli con una dieta a basso contenuto di DHA.

"... oltre il doppio dei cuccioli (68%) del gruppo DHA elevato ha superato il test rispetto al gruppo DHA basso (30%)."

L'osteoartrite

Uno studio clinico randomizzato in doppio cieco ha determinato che i cani a cui veniva somministrato un alimento estremamente ricco di acidi grassi Omega-3 e inferiore in acidi grassi Omega-6 presentavano una mobilità aumentata e miglioramento delle condizioni artritiche.

"Secondo i proprietari, i cani nutriti con il cibo di prova avevano una capacità significativamente migliorata di alzarsi da una posizione di riposo e giocare a 6 settimane e una migliore capacità di camminare a 12 e 24 settimane, rispetto ai cani di controllo."

Infiammazione

Secondo gli scienziati, gli acidi grassi Omega-3 sono in competizione con l'acido arachidonico (AA), che è un acido grasso Omega-6 solitamente derivato dall'acido linoleico.

Gli acidi grassi Omega-3 possono aiutare a ridurre la quantità di metaboliti infiammatori nel corpo di un animale. Uno studio del 2008 ha suggerito che: "I risultati hanno supportato l'uso di diete arricchite con EPA e DHA come parte dei trattamenti antinfiammatori per cani con malattie infiammatorie croniche."

"Gli eicosanoidi prodotti dagli acidi grassi omega-3 sono meno infiammatori di quelli prodotti dall'AA."

Olio di pesce e non di lino! 

L'acido alfa-linolenico conosciuto anche come ALA è una forma di acidi grassi Omega-3 che si trova principalmente negli oli di origine vegetale come colza, semi di lino, soia e noci. Gli esperti concordano sul fatto che l'ALA è un modo inefficace per integrare gli acidi grassi Omega-3 nel tuo cane, poiché deve essere convertito in EPA e DHA nel suo corpo.

  • "Le diete contenenti solo ALA come fonte n-3 o miscele di ALA e olio di pesce potrebbero non funzionare in modo efficace in questo senso se incluse su un peso equivalente. Uno dei motivi è l'inefficiente tasso di conversione dell'ALA all'EPA. " 

  • "Le fonti petrolifere marine forniscono EPA e DHA, che sono più efficaci nei cani e nei gatti dell'ALA che non viene convertito in modo significativo in EPA o DHA."

Miscele di olio di pesce o olio puro?

Olio di pesce per cani

In termini di olio estratto dal pesce ne esistono di diverse tipologie e a volte può essere difficile selezionare quale sia il più adatto da somministrare al tuo cane. Ecco alcuni fattori che possono aiutarti a prendere una tua decisione:

Le concentrazioni

In termini di concentrazione di EPA e DHA, ecco cosa offrono attualmente alcuni olii presenti sul mercato:

  • Miscele di sardine, aringhe, sgombri, acciughe (18% EPA, 12% DHA): Questa è praticamente la più alta concentrazione disponibile naturalmente, senza dover far passare l'olio attraverso una sintesi chimica per aumentare artificialmente la quantità di EPA / DHA
  • Olio di salmone (10% EPA, 11% DHA): Se non diversamente specificato, è molto probabile che l'olio di salmone provenga dal salmone d'allevamento. I salmoni d'allevamento sono alimentati con antibiotici e diete commerciali innaturali che possono includere sottoprodotti indesiderati di altri animali e OGM
  • Olio di fegato di merluzzo (9% EPA, 11% DHA): L' olio di fegato di merluzzo include quasi sempre le vitamine A e D, che possono aumentare il rischio di ipervitaminosi nel cane
  • Olio di krill (11% EPA, 5% DHA): il Krill non è un prodotto sostenibile e offre una concentrazione inferiore di EPA e DHA
  • Olio Pollock (6% EPA, 12% DHA)

Quando decidi di inserire nella dieta del tuo cane un integratore di olio di pesce, dovresti usarne uno con una maggiore concentrazione di EPA e DHA, ciò ridurrà al minimo la quantità di calorie extra che il tuo cane assumerà nella sua dieta, riducendo così il rischio di obesità.

Pesce d'allevamento o pescato in natura

Raccomandiamo di cercare un olio che sia ottenuto appositamente da pesci catturati in natura, questo è un presupposto sicuro e se un marchio non dichiara la provenienza del suo olio allora molto probabilmente è originato da animali d'allevamento. Le aziende sono in genere orgogliose di annunciare al mondo che il loro olio è prodotto da pesci selvatici e che i pesci d'allevamento sono spesso nutriti con diete terribili, esposti ad antibiotici e cattive condizioni di vita e ironia della sorte, di solito vengono alimentati con farina di pesce e olio di pesce a base di specie oleose più piccole come lo sgombro, la sardina, l'aringa e l'acciuga.

Uso umano e uso farmaceutico

Nessuna di queste due diciture "uso umano - uso farmaceutico" detengono alcun significato legale. Alcune aziende inseriscono tali diciture sulla loro etichetta per indicare la qualità dell'olio e che il loro prodotto è in realtà realizzato con olio destinato ad uso umano. A nostro avviso, il termine "uso farmaceutico" si trova in un territorio etico molto oscuro, poiché suggerisce che un prodotto ha un componente o un effetto farmacologico.

Metodi di somministrazione

Infine, è importante scegliere un prodotto che renda conveniente la somministrazione dell'olio ai tuoi cani poiché i prodotti complessi e scomodi vengono spesso trascurati e ignorati dopo i primi utilizzi.

Le capsule in gel possono essere molto convenienti per alcuni i cui cani sono felici di mangiarli mescolati con cibo o prelibatezze varie, infatti alcuni proprietari scelgono di rompere la capsula e versare il liquido direttamente sul cibo dei loro cani. Gli oli liquidi possono essere difficili da utilizzare a meno che il prodotto non sia dotato di una dosatore o di un conveniente misurino. Questi prodotti hanno il vantaggio di essere più semplici da servire se al tuo cane non piacciono le pillole o i cappucci di gel.

Oli di trigliceridi (TG) e oli di etere estere (EE)

La concentrazione massima di acidi grassi essenziali Omega-3 che possono essere presenti all'interno di un integratore di olio di pesce naturalmente è di circa il 30%.

Dopo aver estratto l'olio dal pesce, l'olio stesso conterrà una quantità naturale di trigliceridi (TG) per questo motivo alcuni produttori e le aziende desiderano aumentare la concentrazione di Omega-3 presente per ogni grammo di olio, avvalendosi del processo chiamato "microdistillazione" che ha il potenziale per aumentare la concentrazione di Omega-3 fino al 50-70%.

Sfortunatamente non ci sono molte ricerche disponibili sull'assorbimento di TG rispetto agli EE nei cani; tuttavia gli studi hanno scoperto che nell'uomo, il migliore assorbimento sembra verificarsi con olio di pesce sotto forma di trigliceridi.

Probabilmente il tuo cane non ha bisogno di Omega-6

Come funziona

Gli acidi grassi Omega-6 sono un mix di acidi grassi polinsaturi e antinfiammatori. L'acido problematico specifico è l'acido arachidonico (AA) che può essere trovato nel pollame, uova, carne e alcuni oli di pesce.

In risposta a condizioni esterne come inquinamento, fumo, oli vegetali, consumo dietetico di acido linoleico un altro omega-6, di cartamo, primula, girasole, canapa e altre piante, l'acido arachidonico viene rilasciato dalle membrane cellulari e viene quindi metabolizzato da vari enzimi in sostanze che possono aumentare l'infiammazione.


EPA vs AA

L'EPA può aiutare a ridurre al minimo gli effetti dell'acido arachidonico (AA) nel corpo. Gli ormoni conosciuti anche come eicosanoidi prodotti dall'EPA sono molto meno infiammatori di quelli provenienti dall'AA e riducono anche gli effetti competendo con AA per l'accesso agli stessi enzimi. Infine, gli eicosanoidi reali derivati ​​dall'EPA possono contrastare gli acidi arachidonici AA.

Rapporto da Omega-6 a Omega-3

Mentre la quantità specifica di Omega-6 che un cane ottiene dalla sua dieta è importante, ciò che sembra essere più importante è il rapporto tra la quantità di Omega-6 e 0mega-3 consumata da un cane.

La maggior parte dei cibi per cani ha un alto rapporto tra Omega-6 e Omega-3, alcuni un rapporto 10: 1. Uno studio ha stabilito che "somministrare una dieta contenente un rapporto di acidi grassi di 5: 1 ha avuto un effetto positivo, sulla risposta immunitaria dei cani giovani o anziani.

Uno studio del 2008 sponsorizzato da una grande azienda produttrice di alimenti per cani ha determinatoche: "... un rapporto tra acidi grassi Omega-6: Omega-3 nella dieta compreso tra 2: 1 e 3: 1 potrebbe essere più efficace nella gestione dell'infiammazione della pelle associata con atopia."

Cosa puoi fare

Somministrare al tuo cane un integratore di Omega-3 di alta qualità ti permetterà di aiutare a bilanciare il rapporto tra Omega-6 e Omega-3 nella loro dieta e quindi di conseguenza aiutare a sostenere meno infiammazione nel loro corpo e sostenere la salute e la vitalità generali.

Assunzione di vitamina E

Benefici

La vitamina E combatte i radicali liberi, protegge le cellule dagli effetti potenzialmente dannosi dei radicali tossici dell'ossigeno, la cui fonte principale è il metabolismo lipidico. Il fabbisogno dietetico di vitamina E, quindi, è legato all'assunzione dietetica di acidi grassi polinsaturi e le diete ricche di grassi possono indurre una relativa carenza di vitamina E."

In poche parole, quando il tuo cane ingerisce più acidi grassi come gli Omega-3, è a rischio di carenza di vitamina E che agisce come un potente antiossidante, proteggendo il corpo dai radicali liberi dai grassi aggiunti.

In questo caso somministrare un integratore di vitamina E può aiutare a prevenire il danno ossidativo causato dall'Omega-3. Non solo, ma può anche giovare alla salute della pelle del cane, al sistema immunitario, all'osteoartrosi e altro ancora.

  • "I risultati di questo studio supportano l'integrazione di vitamina E nei cani con dermatite atopica."
  • "... l'aumento dei livelli dietetici di vitamina E può migliorare lo stato antiossidante e modulare lo stress ossidativo nell'arco della vita."
  • "Questa vitamina contribuisce anche a ridurre le lesioni istologiche nella cartilagine articolare e a ridurre il dolore associato allo sviluppo di OA. Infatti, l'α-tocoferolo sembra modulare una varietà di funzioni cellulari che non sono necessariamente il risultato della sua attività antiossidante. "

Attenzione agli inganni

Devi sapere che quando un produttore di alimenti per cani afferma che il suo prodotto contiene una certa quantità di sostanze nutritive, in realtà non è così. Le sostanze nutritive sono presenti al momento della produzione ma nel periodo di vita del prodotto sugli scaffali del supermercato il prodotto potrebbe perdere le sostanze a causa dell'ossidazione.

Quando finalmente il tuo cane mangerà il suo cibo, quasi sicuramente la quantità citata di Omega-3 non sarà più presente all'interno:

"I livelli di acidi grassi polinsaturi possono anche essere ridotti negli alimenti dopo un danno ossidativo derivante da una conservazione prolungata o nei casi in cui gli antiossidanti come la vitamina E sono inclusi in quantità inadeguate."

L'aggiunta di vitamina E direttamente nell'olio Omega-3 del tuo cane può aiutare a mantenere l'olio di pesce fresco più a lungo, proteggere da una carenza di vitamina E Il tuo cane e offrire ulteriori benefici per la sua salute.

Non tutta la vitamina E è uguale

Certo, non è così semplice come sembra non basta aggiungere più vitamina E alla dieta del tuo cane! Dovete sapere che esistono otto diversi tipi di vitamina E, per semplificare le cose, tratteremo solo le grandi differenze e alcune considerazioni.

Sintetico vs Naturale

La vitamina E naturale è nota come "d-alfa-tocoferolo". Questa è la forma più biologicamente attiva di vitamina E che puoi ottenere e che troverai. La vitamina E sintetica invece è nota come "dl-alfa-tocoferolo", secondo il NIH Office of Dietary Supplements, è necessario "circa il 50% in più di UI di alfa tocoferolo sintetico" per ottenere lo stesso effetto nutrizionale considerando che sono derivati ​​da prodotti petroliferi.

Tocoferoli misti?

Non farti ingannare dalle etichette che affermano di contenere molta vitamina E, soprattutto se tutto ciò che vedi sull'etichetta è l'indicazione "tocoferoli misti". Si tratta di una miscela della famiglia di tocoferoli di vitamina E come alfa, beta, gamma e delta, in quantità variabili e generalmente non confermate poiché altre tipologie di tocoferoli non alfa hanno livelli più bassi di attività biologica.

Questo rende anche quasi impossibile dare al tuo cane la giusta quantità, poiché non puoi sapere quanto assorbiranno effettivamente dai tocoferoli misti e inoltre, sono raramente forniti in quantità nutrizionalmente significative.

OGM vs Non OGM

La vitamina E può essere derivata da diverse fonti come la soia, mais e grano. Queste fonti provengono in genere da materiale OGM, in realtà esistono alcune alternative, tuttavia in genere sono più costose e in questo caso i produttori vogliono ridurre al minimo le spese in modo da optare per il prodotto OGM.

Proprio come con il pescato selvatico rispetto al pesce di allevamento, se un marchio non afferma chiaramente che il suo prodotto è non OGM, probabilmente è perché non possono farlo e dichiarerebbero il falso.

 Conclusione

È importante conoscere i diversi fattori che caratterizzano e compongono un integratore di olio di pesce di qualità per il benessere del tuo cane. Al momento esistono svariate informazioni a riguardo e sui diversi prodotti presenti sul mercato e speriamo che questo post abbia contribuito a chiarirvi alcuni aspetti fondamentali. Abbiamo tentato di fornire il maggior numero possibile di riferimenti per rendervi più semplice svolgere le vostre ricerche. 

Barbara Lombardi
dott.ssa Barbara Lombardi

Barbara Lombardi è una veterinaria nonché scrittrice freelance specializzata sul tema della salute e del benessere degli animali domestici. Amante appassionato di cani e gatti, Barbara ha una grande esperienza nella scrittura di articoli sulla cura dei nostri amici animali.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 12 persone con una media di 4.7 su 5.0)

Ebook: Guida alla dieta crudista per Cani

Guida alla dieta crudista per Cani

Ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty