Microbioma intestinale del cane: la guida veterinaria completa

Scritto da dott.ssa Barbara Lombardi nella categoria Cani
Microbioma intestinale del cane: la guida veterinaria completa

Se possedete un cane, non pensate sia il vostro unico animale. Il vostro cane è pieno di miliardi di piccoli amici che gestiscono il suo microbioma. E se sarete negligenti nel prendervi cura anche di loro nel migliore dei modi come fate con il cane stesso, la sua salute ne risentirà.

Il vostro cane è composto da trilioni di piccole cellule, che provengono dalle sue ossa, dai suoi organi e dalla pelle. Le loro funzioni sono controllate dai geni dell'animale. Ma ci sono altri abitanti nel suo corpo, piccoli microrganismi come i batteri, i funghi e i virus. I batteri superano le cellule 10:1. E i geni dei batteri superano i geni del vostro cane oltre 100 volte. Queste piccole comunità di microbi sono chiamate microbioma.

Che cos'è il microbioma intestinale?

Il microbioma intestinale del cane

Dentro e fuori il vostro cane esistono intricate colonie di batteri e altri microrganismi. Vivono nelle sue orecchie, sulla sua pelle, nella bocca e nel tratto respiratorio.

La vasta maggioranza di questi batteri (o microbi) vive nell'apparato digestivo del cane. Questi batteri ne trovano altri da cui traggono supporto e beneficio e proprio la loro relazione è il motivo per cui crescono e formano colonie riuscendo a sopravvivere (dalle quali anche il vostro cane ne trae vantaggi). Infatti il microbioma è così importante per la salute del vostro cane che viene chiamato "l'organo dimenticato".

Il microbioma aiuta diverse funzioni essenziali. Diamo un'occhiata alle 5 ragioni specifiche in cui supporta e protegge il cane:

Protezione contro i patogeni

I microbi all'interno del microbioma del vostro cane lo proteggono da:

  • virus come il parvovirus e il cimurro
  • funghi come il lievito
  • batteri pericolosi come e.coli o salmonella e altri patogeni come leptospirosi o la malattia di Lyme

I batteri buoni secernono sostanze chimiche che possono uccidere questi killer dannosi. Quando i batteri buoni sono più numerosi dei batteri patogeni rubano spazio e nutrienti. Questo fa sì che i patogeni siano affamati e non riescono ad attaccarsi a niente a cui sopravvivere nello stomaco.

Forma una barriera protettiva

Il microbioma può formare una barriera protettiva offrendo difese contro le medicine, le tossine, gli allergeni e le sostanze cancerogene. I piccoli microbi si possono attaccare agli invasori impedendo alle tossine di muoversi troppo a fondo all'interno del corpo e di essere espulse attraverso le feci.

Il cane viene nutrito dal microbioma

I microbi all'interno del microbioma del vostro cane non sono parassiti, come i vermi che rubano i nutrienti. Tutto l'opposto in realtà!

I batteri buoni nell'intestino del vostro cane producono proteine speciali chiamate enzimi. Lo aiutano a digerire il cibo. Se i batteri buoni non ci fossero, l'animale non riuscirebbe a ottenere le sostanze di cui ha bisogno dai suoi pasti. Questi trasportano i nutrienti dalle pareti intestinali al flusso sanguigno, donando supporto energetico alle cellule in modo da mantenerle in salute e di crearne nuove.

Il microbioma produce vitamine, soprattutto la tiamina e la vitamina B. Infatti la vitamina B12 o la cobalamina vengono prodotte esclusivamente dai batteri presenti nel tratto digestivo. La B12 gioca un ruolo importante all'interno delle funzioni immunitarie. Se il vostro cane ha carenza di vitamine, potrebbe dipendere dal suo intestino e non dalla sua dieta.

Questi microbi producono inoltre acidi grassi a catena corta, fermentando le fibre nel colon del cane. Questi grassi fondamentali aiutano ad assorbire minerali importanti come calcio, magnesio e ferro.

Come colpisce l'umore del vostro cane

Il vostro cane pensa con lo stomaco? Meno male!

L'asse cervello-intestino è il sistema comunicativo tra il microbioma e il cervello. Anche se sembra assurdo, i piccoli insetti che vivono all'interno del cane parlano con il cervello attraverso nervi e ormoni. Il cervello può comunicare con il microbioma e chiedere più cibo o addirittura controllare il sistema immunitario. Gli scienziati hanno iniziato ad esplorare da poco questa connessione, ma sembra ovvio esista.

La ricerca ha trovato cambiamenti nei batteri intestinali quando gli animali sono sottoposti a stress, come la separazione prematura dalla mamma, stress di tipo sociale o quello causato dal restare legati per lungo tempo. Anche negli esseri umani che soffrono di depressione ritroviamo batteri intestinali diversi rispetto a chi non ne è colpito.

Una parte essenziale del sistema immunitario

Il ruolo più importante del microbioma è quello di sostenere il sistema immunitario. Il tratto intestinale del cane è rivestito da membrane mucose dove possiamo trovare qualcosa chiamato GALT, gut-associated lymphoid tissue.

Il GALT lavora insieme al microbioma per formare il 90% del sistema immunitario, e contiene speciali cellule immuni come i linfociti o le cellule B e T. Queste sono i lavoratori principali del sistema immunitario. Il Galt è così importante che costituisce l'organo più grande nel sistema immunitario del cane.

Il microbioma del vostro cane gioca un ruolo chiave non solo per il suo nutrimento, ma anche a livello di salute e felicità. La ricerca sul microbioma è appena all'inizio, ma più impariamo riguardo quest'organo, più siamo in grado di supportarlo. Per ora sappiamo che il cibo, le medicine e l'ambiente in cui vive l'animale possono danneggiare questi insetti buoni.

La disbiosi e le sue cause

Quando le delicate colonie di microbi vengono compromesse, non possono proteggere il cane, poiché la barriera contro le tossine e gli allergeni è indebolita. Significa che le vitamine fornite dal microbioma vengono esaurite, così come gli acidi grassi a catena corta e il sistema immunitario è compromesso. Una volta che le colonie buone iniziano a diminuire, i batteri patogeni all'interno dello stomaco ruberanno i nutrienti. Questo causa una variazione nel bilanciamento dei batteri permettendo a quelli dannosi di costruire colonie. Questo processo è chiamato disbiosi.

La disbiosi ad oggi è considerata la causa di diverse malattie e carenze nutritive.

Uno studio condotto sui gatti nel 2007 ha dimostrato che gli animali più sani possedevano quantità elevate di batteri intestinali buoni. E un articolo del 2014 ha riportato che le persone nei paesi con reddito alto possiedono un microbioma meno diversificato. Mentre in quelle che vivono nei paesi del terzo mondo appare più diverso e resiliente.

Tutto ciò è davvero significativo viste le chiare differenze tra le due popolazioni che possono essere riscontrate allo stesso modo nei cani dei paesi a reddito alto.

Parassiti

Odiamo i parassiti e per questo diamo ai nostri animali medicine per eliminarli, le quali possono danneggiare il microbioma. In realtà i vermi intestinali comunicano con il microbioma, infatti alcuni studi hanno dimostrato che gli possono donare di nuovo equilibrio. Sembra che anche loro siano amici del nostro cane.

Alimenti lavorati

Proprio come noi umani, i cani che vivono in paesi a reddito alto, consumano cibi pronti e lavorati con alto contenuto di amido.

Lo zucchero e le farine raffinate vengono assorbite velocemente prima che i microbi riescano a digerirle, lasciandoli a cercare altre fonti di cibo.

E i microbi possono iniziare a consumare le cellule che ricoprono l'intestino del cane. Quando ciò accade, il cane sviluppa la sindrome dell'intestino permeabile che causa infiammazione cronica e spesso si manifesta attraverso sintomi allergici, candida, dolori articolari e altre malattie.

I cibi lavorati sono inoltre sterili. I batteri sono stati scaldati ed elaborati al di fuori. I microbi all'interno dell'intestino sono morti e hanno bisogno di essere sostituiti nella dieta. Se il cibo ha mancanza di batteri, il microbioma inizierà ad essere meno popolato, le colonie inizieranno a morire senza nessun nuovo immigrato.

Alimenti geneticamente modificati

Se il cibo del vostro cane contiene i seguenti ingredienti:

  • soia
  • mais
  • barbabietola
  • erba medica
  • o altri cibi geneticamente modificati

Questi sono spesso spruzzati con glifosato per tenere sotto controllo gli insetti nocivi. Lavorano disattivando una cosa chiamata percorso dell'enzima shikimate negli insetti, che converte il cibo in energia cosicché il glifosato li fa morire di fame. Gli scienziati sostengono che il glifosato sia sicuro per gli uomini e gli animali, poiché non possediamo il percorso dell'enzima shikimatenme ne usiamo altri per metabolizzare il cibo.

Il problema è che i microbi all'interno del microbioma lo possiedono, in questo modo il glifosato distruggerà in fretta il microbioma dell'animale.

Antibiotici

Gli antibiotici sono come un bombardamento a tappeto e distruggono ogni microbo che si ritrovano davanti. Sono essenzialmente capaci di spazzare via l'intero microbioma del cane. Uccidono sia i batteri patogeni sia quelli buoni all'interno dell'intestino di cui ha bisogno per l'accumulo di vitamine e la costruzione del sistema immunitario. E molte medicine e vaccini possono avere lo stesso impatto.

Ci sono diversi altri modi per danneggiare il microbioma, come ad esempio:

  • aromi artificiali
  • conservanti
  • pastorizzazione
  • prodotti caseari
  • medicazioni contro pulci e zecche
  • vaccini
  • medicine
  • stress

Qualcuno di questi vi suona familiare? Questo è il perché la disbiosi ad oggi è l'epidemia più diffusa tra i cani. Ma quali problemi di salute può creare?

Sindrome dell'intestino permeabile

Le pareti intestinali del vostro cane sono ricoperte da membrane mucose, mantenute dai microbi che vivono nell'intestino, e contengono una fila di cellule divise da piccoli spazi. Inoltre sono molto sottili. L'intestino tenue è il responsabile per la digestione della maggior parte del cibo mangiato dal vostro cane. Questi spazi permettono il passaggio solo di proteine piccole e digerite e di particelle di cibo. Pensate al lavoro che svolge il sistema immunitario: il suo ruolo principale è di trovare e distruggere invasori stranieri nel corpo.

Diciamo che il vostro cane abbia mangiato pollo per cena e che non sia stato digerito del tutto prima di attraversare le pareti dell'intestino tenue il sistema immunitario penserà letteralmente di essere attaccato da polli killer. Significa che le cellule immunitarie cercheranno quelle proteine e le distruggeranno. Il cibo del cane deve essere digerito prima di attraversare le pareti intestinali, o potrebbe provocare infiammazione o una risposta immunitaria.

Cosa succede se il vostro cane ha la sindrome dell'intestino permeabile?

Quando il microbo viene bloccato, le pareti intestinali vengono colpiti in tre modi:

  1. Il rivestimento della mucosa si restringe. Le membrane della mucosa proteggono il rivestimento dell'intestino del cane da abrasioni causate dai pasti. Quando diventa sottile, le cellule al di sotto verranno graffiate e infine si infiammeranno. Questo è un problema perché:

  2. l'infiammazione del rivestimento aprirà gli spazi stretti tra le cellule.

  3. Le cellule intestinali muoiono o restano danneggiate, e non sono più in grado di escludere le sostanze dannose che potrebbero entrare nel flusso sanguigno, come batteri, virus, funghi, cibo non digerito e allergeni.

Nel momento in cui succede, il suo sistema immunitario diventa iperattivo. Inizierete a notare i segni di un'infiammazione cronica, mentre cerca di combattere queste sostanze non volute e potenzialmente pericolose entrate al suo interno. Ogni volta che il vostro cane mangerà sarà assalito da ipersensibilità immunitaria che renderà infiammate le cellule in modo cronico.

Inizierete a notare i sintomi della sindrome dell'intestino permeabile che includono:

  • Allergie e sensibilità verso i cibi,che si trasformano in prurito, zone che diventano più calde e pelle irritata
  • Candida. La disbiosi permetterà alla candida presente nel microbioma di crescere senza controllo e l'intestino permeabile entrerà nel corpo e causerà problemi alla pelle, come orecchie e zampe infette.
  • Malattie infiammatorie dell'intestino, diarrea, costipazione
  • Problemi autoimmuni (come cancro ed allergie)
  • Dolori articolari
  • Problemi alla tiroide
  • Malfunzionamento del fegato
  • Insufficienza pancreatica
  • Diabete
  • Problemi comportamentali
  • Acquisto di peso
  • Poca energia e metabolismo lento

Anche se pensate che il vostro cane abbia solo delle allergie o dolori articolari, potrebbe darsi che soffra di disbiosi. Spero abbiate capito che ne sono affetti molti cani. La buona notizia è che possiamo riparare i danni con una dieta migliore. Vediamo come.

5 modi per eliminare la disbiosi e dare una mano al microbioma del cane

Alimentazione BARF e microbioma

Per fortuna puoi aiutare a ridare un bilanciamento sano al microbioma del cane apportando semplicemente alcuni cambi nella dieta. Qui di seguito elenchiamo i tre fondamentali:

State alla larga da pesticidi, medicine e tossine (specialmente antibiotici)

Ognuna di queste sostanze chimiche può rovinare il delicato ecosistema che vive nell'intestino dell'animale. Cercate soluzioni naturali quando è possibile perché le medicine e le sostanze chimiche fanno male al microbioma, causando ulteriori problemi e malattie a lungo andare.

Offrite cibo fresco

Dargli da mangiare cibo fresco è la chiave. Completo del suo stesso microbioma aiuterà a ripopolare quello del vostro amico! Gli alimenti lavorati non possono contenere nessun batterio all'interno, dato che la EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) ha una politica di tolleranza zero. Tutti i batteri all'interno del cibo vengono distrutti prima di essere messi in vendita.

E vale lo stesso per i cibi crudi che subiscono la pastorizzazione ad alta pressione (HPP). Questa esercita tonnellate di pressione sugli alimenti privandoli di ogni tipo di batterio (buono o cattivo).

Dai al tuo cane cibo fresco e crudo per aggiungere batteri alla sua dieta per assicurare un microbioma sano e felice!

Nutritelo di probiotici

I probiotici sono letteralmente batteri (biotici) sani (pro), e aiutano il tuo animale a rimettere in salute il microbioma giocando un ruolo fondamentale se ha bisogno di assumere antibiotici o farmaci. Ci sono due modi per dare al tuo cane batteri buoni: con prodotti probiotici o con alimenti ricchi di probiotici.

Purtroppo non tutti gli integratori probiotici sono uguali.

Vi proponiamo alcuni suggerimenti per sceglierne alcuni di qualità:

Avrete bisogno di trovare del cibo che contenga diversi ceppi di batteri. Se guardate l'etichetta, vedrete un mix di Lattobacilli e Bifidobatteri. Sono i ceppi più importanti che vengono mostrati come B e L (ad esempio B. lactis o L. acidophilus).

Cercate probiotici con un minimo di 10 miliardi di UFC. Questo è il numero di batteri nelle 'unità formanti colonie' che troverete come descrizione sulla bottiglia e ne vorrete un minimo di dieci miliardi dato che non tutti riusciranno a sopravvivere all'alta acidità presente nello stomaco del cane. Più ce ne sono, più probabilità avrete di aiutare il vostro amico. Lasciate stare i probiotici che provengono da prodotti caseari o da altre risorse che possono causare allergie.

Dosi: se comprate un prodotto adatto ai cani, seguite le istruzioni di dosaggio sulla scatola. Se state usando integratori probiotici adatti a voi, fate conto che le istruzioni siano adeguate per una persona di circa 68 kg e regolate secondo il peso del cane.

Cibi ricchi di probiotici

Aggiungete Kefir, kimchi, crauti e verdura fermentata alla dieta dell'animale e la renderete ricca di probiotici. Dato che sono tutti cibi fermentati, potete confezionarli da soli se non sono presenti nei supermercati di casa vostra. Offritene al vostro cane un cucchiaino ogni 6 kg di peso, iniziate con piccole quantità, aumentando poco per volta.

Prebiotici

Aggiungere i prebiotici renderà i probiotici più efficaci. Potete comprare integratori prebiotici come inulina e frutto-oligosaccaridi, facendo conto che la dose normalmente assunta vale per un uomo di circa 68 kg, aggiustate secondo il peso del cane.

Esistono alimenti freschi contenenti prebiotici. Un paio adatti per i cani sono:

  1. Denti di leone verde, spargetene un cucchiaino di quelli secchi sul cibo ogni giorno per circa 9 kg di peso corporeo.
  2. Aglio, un cucchiaino di aglio crudo tagliato a pezzi, ogni giorno per circa 13 kg di peso corporeo.

So che vi state prendendo molta cura del vostro cane, altrimenti non avreste letto tutto l'articolo!

Adesso sapete che non solo dovete accudire e scegliere il cibo giusto per il vostro cucciolo, ma anche assistere quei pochi trilioni dei migliori amici del cane!

Barbara Lombardi
dott.ssa Barbara Lombardi

Barbara Lombardi è una veterinaria nonché scrittrice freelance specializzata sul tema della salute e del benessere degli animali domestici. Amante appassionato di cani e gatti, Barbara ha una grande esperienza nella scrittura di articoli sulla cura dei nostri amici animali.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 13 persone con una media di 4.7 su 5.0)

Ebook: Guida alla dieta crudista per Cani

Guida alla dieta crudista per Cani

Ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty