Follicolite nel cane: le 9 cause della follicolite e come trattarla

Scritto da dott.ssa Barbara Lombardi nella categoria Cani
Follicolite nel cane: le 9 cause della follicolite e come trattarla

La follicolite, meglio conosciuta come follicolite batterica, si riferisce all'infiammazione del follicolo pilifero, infiammazione che è generalmente causata da un'infezione batterica. Nei cani, questa condizione può essere causata non solo da un'infezione ma anche da un'infestazione parassitaria, disturbi ormonali, funghi, malattie sistematiche e malattie della pelle. Se sei il padrone di uno di questi pelosi, continua a leggere per scoprire tutto sulla follicolite canina.

Come indentificare la follicolite canina

Indipendentemente dalla causa dell'infiammazione, la follicolite può essere identificata facendo attenzione a quelli che sono i sintomi più comuni, come:

  • Gonfiamenti
  • Arrossamenti
  • Prurito
  • Pustule
  • Perdita di pelo

Anche se questi sono i sintomi più visibili e più facili da riconoscere, assicurati di controllare anche la presenza di:

  • Iperpigmentazione: la pelle diventa più scura.
  • Erosione superficiale: zone senza pelle.
  • Tratti fistolici: lesioni circolari grandi, dure e in rilievo.
  • Papule: rigonfiamenti rossi sulla pelle.
  • Collaretto epidermico: aree circolari senza peli con croste o desquamazione intorno ai bordi.
  • Dolore: spesso sentito attorno alle zone affette.

Per determinare se un cane è affetto da follicolite o meno, portalo da un veterinario in quanto essi sarà in grado di identificare i sintomi e fare diversi esami allo scopo di diagnosticare la follicolite; tra questi esami troviamo: grattare la pelle alla ricerca di zecche, esame citologico cutaneo, test micotico colturale, test della tigna, esami per la sensibilità, biopsia e istopatologia.

Nessuna razza è predisposta alla follicolite, ma esistono alcune razze che invece sono predisposte a malattie della pelle in generale o a malattie sistematiche che possono eventualmente portare alla follicolite.

Cause e Trattamenti

Le cause più comuni della follicolite sono le malattie della pelle. Queste sono create da una risposta iper-reattiva del sistema immunitario alle allergie, da infezioni specifiche o anche da agenti ambientali. I cani sono animali che di natura tendono a grattarsi, producendo di conseguenza piccole ferite che possono infettarsi di batteri, portando poi a follicolite o ad un'infezione da stafilococco.

Le nove condizioni della pelle più comuni che possono causare la follicolite canina sono:

1 - Callus Dermatitis

Quando un cane si gratta o mordicchia un'area infetta, può creare delle aperture sulla pelle, aperture che offrono un posto caldo, scuro ed umido, ambiente perfetto per la proliferazione batterica. L'irritazione costante può formare dei calli che il più delle volte si trovano nei piedi, petto, gomiti e garretti.

Un callo può sembrare una protezione della pelle, ma ricorda che dove risiedono i calli, potrebbero formarsi piccole cisti intorno ai follicoli piliferi che potrebbero irritare e causare protuberanze, punti neri, buchi o fuoriuscite di liquidi dal callo.

Trattamento: Diagnosi del veterinario, antibiotici e shampoo medico da usare dalle due alle sei settimane. Metti un cuscinetto morbido nella cuccia del cane e mantieni il cane ad un peso sano per ridurre la pressione sui calli.

2 - Parassiti esterni

Le pulci sono i parassiti esterni più comuni trovati sui cani e possono causare irritazioni severe se il cane ne è pesantemente infestato. Altri parassiti che possono causare irritazioni sono gli acari dell'orecchio, l'acaro della scabbia, zecche e mosche.

Trattamento: Mantieni il pelo del cane curato e tagliato e occupati di prevenire tali problemi dando al cane trattamenti contro pulci e zecche e unguenti per uso cutaneo. Trattamenti contro acari e pulci possono essere necessari per rimuovere l'infestazione corrente, cosa fondamentale prima di passare alla prevenzione. Inoltre, potrebbe essere d'aiuto investire su unguenti che riducano l'infiammazione e che diano sollievo al cane.

3 - Cisti interdigitali

follicolite alle zampe del cane

La foruncolosi interdigitale, o cisti interdigitali, sono lesioni dolorose collocate tra le dita del cane, lesioni che possono essere facilmente individuate come piaghe, protuberanze doloranti o senza pelo che si trovano tra le dita.

Queste cisti possono essere causate da allergie, un eccessivo aumento di peso, dalla conformazione del piede non adeguata, acari, peli incarniti e altri corpi estranei o malassezia.

Trattamento: Diagnosi del veterinario, uso di antibiotici/steroidi/medicazioni contro acari, immersione delle zampe nei sali di Epsom, garze imbevute di medicinali, o in situazioni di emergenza, rimozione dell'attaccamento da un dito all'altro. Quest'ultima procedura è tutt'ora molto controversa in quanto potrebbe causare diversi altri problemi.

4 - Allergie

Le allergie sono generalmente causate da un’iper-reattività del sistema immunitario del cane ad un allergene. Gli allergeni possono essere qualsiasi cosa dall'erba alle mosche. Se una reazione allergica ha causato la follicolite, controlla se presenta anche altri sintomi come prurito, tosse, starnuti, occhi lacrimanti e naso che cola, e più raramente vomito e diarrea.

Le allergie sono molto comuni nei cani, prendono questi pelosi senza nessuna predisposizione ad un'età specifica, razza o tipo di corpo.

Trattamento: La maggior parte delle allergie possono essere curate a casa, identificando l'allergene e rimuovendo questo dalla vita del cane. Se non è possibile evitarlo o non si è riusciti ad identificarlo, allora il veterinario molto probabilmente prescriverà dei medicinali per le allergie o potrebbe anche consigliare un vaccino mensile in base all'intensità e alla frequenza delle sue reazioni.

5 - Acne canina

L'acne canina è una condizione simile a quella umana che colpisce prevalentemente i cani adolescenti e spesso si manifesta a 5-8 mesi di vita. Questa condizione presenta piccole protuberanze rosse e punti neri sul mento e labbra del giovane cane, queste pustole possono infettarsi e riempirsi di pus portando il cane a grattarsi e aumentando il rischio di un'infezione batterica.

Trattamento: L'acne è per la maggior parte delle volte solo una seccatura, ma può diventare un vero e proprio problema se le pustole si infettano. Un veterinario può prescrivere un trattamento che è sicuro per il tuo amico peloso. Un cambio della dieta e possibilmente anche del materiale della ciotola potrebbero essere consigliati. Cambia la ciotola da una di plastica ad una di ceramica o metallo, facendo attenzione a pulirla ogni giorno.

6 - Funghi

Esistono diversi tipi di infezioni micotiche, ma quella più comune è sicuramente la blastomicosi, un'infezione micotica sistematica che si presenta in particolar modo nei cani maschi. Questo fungo si trova nel legno in decomposizione e nel suolo e prospera in ambienti umidi e bagnati come le sponde dei fiumi, laghi e paludi. Altre infezioni includono la tigna e la candidosi.

Trattamento: Tutti i tipi di infezioni micotiche richiedono una diagnosi del veterinario e la maggior parte delle volte una biopsia o altri test per determinate il tipo esatto di infezione. Una diagnosi errata è molto pericolosa in quanto alcuni sintomi sono identici a quelli del cancro, infezioni batteriche e altre infezioni micotiche. In base al tipo di infezione, il veterinario potrebbe prescrivere bagni terapeutici, medicinali per via orale contro la micosi, antisettici e lavaggi nasali con medicinali antimicotici. I trattamenti inoltre possono variare anche di durata, alcuni possono durare dalle due alle quattro settimane, altri invece si estendono per mesi.

7- Piodermite

La piodermite è un'infezione batterica che colpisce gli strati superficiali e profondi della pelle. Di norma è causata dallo Staphylococcus intermedius, un batterio che si trova già sulla pelle e che può causare un'infezione quando l'equilibrio naturale della pelle viene a meno. I sintomi principali sono rari; questa infezione generalmente causa un leggero disagio in aggiunta alla follicolite.

Trattamento: Diagnosi del veterinario, antibiotici e shampoo medici dalle due alle sei settimane.

8 - Dermatite piotraumatica

Conosciuta anche come dermatite umida acuta (eczema umido) o "hot spot", la dermatite piotraumatica è una condizione causata da un trauma inflitto dal cane stesso per cercare di alleviare il dolore che sente in una zona specifica. Si comporta e sembra una vera e propria infezione, ma non lo è.

Trattamento: Diagnosi del veterinario per determinare se la causa sottostante della reazione potrebbe necessitare di attenzione medica. In caso contrario, è sufficiente una combinazione di antibiotici, pulizia dell'area affetta con shampoo medico e una medicazione per uso esterno.

9 - Dermatite da leccamento

Questo tipo di dermatite generalmente presenta una lesione rossa e irritata provocata dal cane. Queste lesioni sono causate dalla necessità del cane di leccare in modo ossessivo la zona in questione, risultando poi nella formazione di nuovi granulomi. La pelle diventa così affetta che è possibile esaminare lo strato base della pelle che potrebbe mostrare ghiandole sebacee sfregiate, capillari infiammati, follicoli piliferi rotti e sacche di batteri.

Trattamento: Non esiste nessun trattamento specifico in quanto queste sono ferite create dal cane stesso. Anche la rimozione dell'area affetta non è sufficiente per curare questa condizione in quanto il cane continuerà a comportarsi allo stesso modo e ad inferire sull'area appena operata. Aiutare il cane a superare l’ansia o altri problemi analoghi potrebbe aiutare in quanto questa condizione potrebbe essere causata dall'ansia di separazione.

Prevenire la follicolite canina

Il tipo di follicolite è quello che determina quanto e se è possibile prevenirla. Mantenere le pieghe della pelle nei cani rugosi potrebbe aiutare a prevenirla, così come continuare a mantenere una tabella rigida sulla prevenzione delle pulci. Inoltre può ridurre il rischio di follicolite anche controllare eventuali squilibri ormonali e evitare zone dove batteri e funghi sono prevalenti. Per impedire al cane di grattarsi cerca di utilizzare diversi metodi e usa un collare elisabettiano per fermare il cane dal leccare o mordere le diverse zone.

Barbara Lombardi
dott.ssa Barbara Lombardi

Barbara Lombardi è una veterinaria nonché scrittrice freelance specializzata sul tema della salute e del benessere degli animali domestici. Amante appassionato di cani e gatti, Barbara ha una grande esperienza nella scrittura di articoli sulla cura dei nostri amici animali.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 11 persone con una media di 4.7 su 5.0)

Ebook: Guida alla dieta crudista per Cani

Guida alla dieta crudista per Cani

Ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty