Il sistema digerente del vostro cane e i carboidrati

Scritto da nella categoria Cani
Il sistema digerente del vostro cane e i carboidrati

Negli ultimi anni i cibi secchi privi di cereali sono diventati molto popolari tra i proprietari di cani. Sempre più aziende sviluppano croccantini senza cereali, poiché la domanda per questo tipo di cibo continua a crescere. Perché sono così popolari?

Abbiamo scoperto che molti proprietari di cani non sanno perché stanno spendendo una fortuna per questi cibi privi di cereali. O meglio, spesso hanno una motivazione, ma raramente è valida!

Per esempio, alcune persone dicono di essere passati ai cibi senza cereali "perché i cani non hanno bisogno di carboidrati." In parte hanno ragione; i cani non hanno bisogno di carboidrati nella dieta. Però i cibi secchi privi di cereali contengono carboidrati! In realtà molti di questi cibi contengono delle discrete quantità di carboidrati sotto forma di patate, tapioca o piselli.

I cibi privi di cereali sono ottimi per alcuni cani, ma potrebbero non andare bene per altri, per esempio nel caso in cui una dieta ad alto contenuto di grassi o proteine sia controindicata.

La nostra filosofia è: i proprietari dovrebbero offrire ai loro cani delle diete che si adattino al singolo animale e sviluppare una consapevolezza sul perché queste diete funzionano. Nel tentativo di supportare questa idea, vediamo come cereali e carboidrati possono (o non) essere usati per soddisfare i bisogni nutrizionali del vostro cane.

Che cosa sono i carboidrati?

I cani utilizzano i carboidrati come fonte di glucosio. I carboidrati offrono energia, una fonte di calore quando vengono metabolizzati e possono essere utilizzati per costruire altri nutrienti.

I carboidrati si possono dividere in due categorie: semplici e complessi. I carboidrati semplici, come fruttosio, saccarosio e lattosio quasi non richiedono di essere digeriti e vengono subito assorbiti dall'intestino tenue e convertiti in glucosio. Si trovano in miele, zucchero e frutta.

I carboidrati complessi sono ulteriormente divisi in amidi e fibre e vengono digeriti più lentamente rispetto ai carboidrati semplici. Gli amidi devono essere scissi dagli enzimi prodotti dal pancreas e dalle pareti intestinali prima di essere assorbiti e utilizzati dal cane. Gli amidi si trovano nei cereali e in verdure o legumi come patate, piselli e fagioli. Le fibre sono resistenti alla digestione enzimatica, alcune vengono fermentate dai microbi intestinali. La fibra alimentare si trova soltanto negli alimenti vegetali: frutta, verdura, noci e cereali, e proviene dalle parti che non vengono digerite dagli enzimi nel tratto intestinale.

L'indice glicemico (IG) - è la velocità con cui i carboidrati vengono assorbiti nel flusso sanguigno - in generale, è più basso per gli alimenti che contengono carboidrati complessi rispetto ai carboidrati semplici, ma ci sono delle eccezioni. Una serie di fattori influenza l'IG di un alimento, tra cui la trasformazione, il tipo di amido, il contenuto di fibre, la maturazione (nella frutta), il contenuto di grassi o acidi, la preparazione e il modo in cui il corpo di ciascun individuo elabora gli alimenti, la quantità di cibo masticata e quanto rapidamente viene inghiottita. Ad esempio, alimenti come carote, banane, angurie e pane integrale potrebbero avere un IG alto, ma contengono relativamente pochi carboidrati, quindi hanno poco effetto sui livelli di zucchero nel sangue.

Le fonti di carboidrati comuni usate nelle diete per cani includono cereali, frutta, verdura e alcuni altri alimenti interessanti. I chicchi "integrali", che contengono l'intero chicco di grano (la crusca, il germe e l'endosperma), sono fonti di carboidrati di buona qualità. Dei buoni esempi sono grano integrale, bulgur, farina d'avena, mais/farina di mais, riso integrale, grano saraceno, orzo, segale, amaranto, miglio, quinoa e triticale.

Quando trovate questi ingredienti nei croccantini (o cibo in scatola), saranno cotti e quindi facilmente digeribili. Per le diete casalinghe, è essenziale cuocere bene questi cereali, spesso dopo averli messi in ammollo durante la notte, per aumentarne la digeribilità. I cereali integrali danno una spinta davvero potente e contengono cose come fibra alimentare, vitamine del gruppo B e minerali importanti come ferro, selenio e magnesio.

Di minore importanza sono i chicchi "raffinati", che sono stati macinati, il processo rimuove la crusca e il germe. La macinazione rimuove anche la fibra alimentare, il ferro e molte vitamine del gruppo B, quindi i cereali raffinati forniscono poco apporto nutrizionale ma contengono comunque lo stesso numero di calorie.

Il corpo del cane elabora rapidamente i cereali raffinati, con un impatto più immediato sui livelli di glucosio nel sangue. Esempi di prodotti a base di cereali raffinati includono farina bianca, farina di mais degerminata, riso bianco e pasta (semola).

Potrebbero esserci motivi medici per offrire cereali raffinati a un cane (per via della loro digeribilità), ma noi preferiamo che i cani sani stiano lontano dai prodotti raffinati, in particolare in quantità importanti. Anche frutta e verdura sono fonti comuni di carboidrati. Tapioca, patate, taro e altre verdure contengono amido e molti carboidrati, ma sono anche fonti salutari di calorie se utilizzate con moderazione. Quando scegliete questi tipi di verdure per una dieta casalinga, consigliamo di cucinarli. Per aiutare la digeribilità, la maggior parte delle altre verdure dovrebbe essere cotta o se servita cruda, finemente macinata. Frutta e verdura sono una favolosa fonte di antiossidanti naturali.

Altri cibi che contengono carboidrati di buona qualità includono i legumi (fagioli), prodotti caseari (latte, formaggi, ricotta, yogurt), alcune carni di organi, ostriche e cozze.

Poi ci sono i carboidrati "vuoti", ingredienti che offrono poco o niente al cane ma che fanno altro. Le fibre aiutano a regolare il tempo di transito del contenuto intestinale e formano le feci. Fonti comuni per questo tipo di fibre includono bucce di semi di soia, crusca di frumento, riso o avena, polpa di barbabietola e fibra di piselli.

Perché i cani dovrebbero mangiare carboidrati?

Come abbiamo già detto i cani non hanno un bisogno nutrizionale di carboidrati. Possono ottenere tutto ciò di cui hanno bisogno da una dieta contenente solo proteine e grassi. Il metabolismo energetico del cane si può basare sull'ossidazione dei grassi e sulla scissione delle proteine per produrre il glucosio.

Ci sono due motivi per cui offriamo i carboidrati ai cani. Il primo è perché possiamo. I cani utilizzano qualunque cosa mangino, il loro sistema digerente è molto versatile. La seconda motivazione è economica, le fonti di grassi e proteine sono molto più costose dei carboidrati.

Le persone spesso accusano l'industria dei cibi per animali di utilizzare i cereali per fregare nutrizionalmente i nostri animali traendone profitto. Ma gli umani hanno dato cereali e altre fonti di carboidrati ai cani sin da quando ci sono gli avanzi. Le proteine e i grassi animali sono sempre stati l'eccellenza! E i nostri cani hanno sempre avuto quanta carne (e ossa, grassi, zoccoli, tessuti connettivi e organi) potevamo permetterci di "sprecare".

È anche possibile creare diete per cani che contengano molti cereali economici, la maggior parte dell'industria di cibi per animali è devota a questa impresa. Se questi cibi fossero davvero così nutrizionalmente inadeguati come molti critici dell'industria sostengono, non avremmo un problema di sovrappopolazione animale, se capite cosa intendo! Molti carboidrati contengono delle vitamine, composti fitochimici, minerali, oligoelementi, fibra alimentare e addirittura degli acidi grassi e delle proteine. E molti cani stanno bene anche con queste diete.

Strutturalmente, i carboidrati (in particolare gli amidi) sono essenziali per la disidratazione dei croccantini; danno struttura e consistenza al cibo. Anche alcuni alimenti in scatola contengono una fonte di carboidrati. Gomme e agenti gelificanti sono spesso usate per solidificare il cibo in scatola e assorbire acqua in alimenti ad alto contenuto di umidità per eliminare l'acqua presente nel contenitore. La gomma di guar è un agente che deriva dall'endosperma macinato della pianta di guar; è usato come emulsionante, addensante e stabilizzante nei cibi in scatola.

Oltre a tenere insieme i croccantini, gli ingredienti ricchi di carboidrati vengono inclusi in molti cibi commerciali per il costo basso, contributo calorico (4 calorie/grammo) e per la facilità nel reperimento. Ciò aiuta a mantenere il prezzo del cibo attraente per i proprietari di cani attenti alle spese.

I cani dei cacciatori di affari non sogno gli unici a trarre beneficio dalle diete contenenti carboidrati. Secondo Susan G. Wynn, veterinaria,

"Anche se i cani non hanno bisogno dei carboidrati presenti in cereali, patate o altri cibi, ci sono alcuni esempi in cui i cani potrebbero trarre beneficio dalla loro presenza."

La dottoressa Wynn ha recentemente completato l'internato sull'alimentazione al College di Medicina Veterinaria dell'Università del Tennessee e oltre a praticare la sua professione, tiene conferenze internazionali sull'alimentazione clinica e sulla medicina olistica. È anche una fan delle diete per cani a base di carboidrati e/o cereali, tranne quando controindicato dai bisogni clinici del cane, perché carboidrati e cereali offrono dei benefici.

"Per esempio" dice "i cereali contengono fibre benefiche per la crescita della flora batterica probiotica nell'intestino, oltre a contenere varie vitamine e minerali necessari."

La dottoressa Wynn sottolinea anche che i cereali, che contengono meno grassi della carne, possono essere utilizzati come variante in una dieta casalinga quando il peso di un cane deve essere tenuto sotto controllo.

Distinguere i fatti dalle voci sui carboidrati

Gli equivoci abbondano quando si tratta di alimenti per cani contenenti carboidrati, soprattutto i cereali. La dottoressa Wynn ne affronta alcuni, che abbiamo preso in prestito da qui:

"I cani hanno un tratto gastro-intestinale più corto rispetto agli umani, quindi non possono digerire i cereali a meno che non siano già parzialmente digeriti"

Fatto: Decenni di ricerche hanno dimostrato che i cani digeriscono abbastanza bene i cereali e i carboidrati. Più specificamente, la dott.ssa Wynn sottolinea che, sebbene i cani non abbiano l'amilasi salivare, tendono a non masticare il loro cibo; sono inghiottitori, quindi perché dovrebbero trarre beneficio da un enzima digestivo orale? Spiega che i cani per digerire i carboidrati, come gli umani, producono potenti enzimi amilasi nel pancreas e nell'orletto a spazzola e la maggior parte della digestione avviene nella prima sezione dell'intestino tenue.

C'è anche la convinzione che lo stomaco di un cane sia acido e che conservino il cibo nello stomaco più a lungo delle persone, quindi una dieta a base di carne è più appropriata (la proteina viene inizialmente digerita nello stomaco). La dott.ssa Wynn sottolinea che l'intervallo di pH dello stomaco del cane è abbastanza simile a quello degli umani: varia da 1,08 a 5,5 nei cani e da 1,0 a 4,0 negli umani,. La differenza principale è che il cane in realtà ha lo stomaco più alcalino, a volte. È vero, dice, che i cani non possono digerire la cellulosa - un singolo carboidrato strutturale usato dalle piante per formare gambi, semi di germinazione e struttura vegetale - ma nemmeno l'uomo può (solo alcuni erbivori, come le mucche, possono). Questo è il motivo per cui cuciniamo o maciniamo cereali e verdure, per trarne il massimo beneficio.

"I carboidrati stressano il pancreas."

Fatto: Il lavoro del pancreas è produrre enzimi per digerire grassi, proteine e amidi. Durante l'infiammazione del pancreas (ad es., pancreatite), questi enzimi vengono rilasciati e provocano infiammazione e danni al pancreas e agli organi e ai tessuti circostanti. Per sopprimere la produzione degli enzimi, i veterinari suggeriscono di ridurre il grasso nella dieta del cane e di utilizzare una dieta ricca di carboidrati. La dott.ssa Wynn avverte che somministrare quotidianamente enzimi digestivi come integratori può ridurre la produzione di proteasi del pancreas-una cosa che non è necessariamente buona.

"I cereali causano allergie."

Fatto: I cani possono diventare allergici a determinati alimenti se hanno la predisposizione genetica a sviluppare allergie alimentari. In una recensione di sette studi, la dott.ssa Wynn ha scoperto che i cani sono più comunemente allergici ai seguenti alimenti (in ordine decrescente): manzo, latticini, grano, uova, pollo, agnello/montone, soia, maiale, coniglio e pesce. Nella sua esperienza personale ha visto un numero maggiore di allergie al mais, ma sottolinea che i cereali non costituiscono la maggioranza dei responsabili delle allergie.

Troppo?

Si noti che alcune aziende produttrici di alimenti per animali adottano quest'approccio in modo estremo, formulando alimenti che contengono oltre il 50% di carboidrati (e di scarsa qualità!). Questi alimenti possono contenere anche il 15% (o più) di fibra grezza. Secondo Small Animal Clinical Nutrition (pubblicato dall'istituto Mark Morris e spesso considerato la bibbia dell'alimentazione per animali), "una piccola quantità di fibra (meno del 5 %) che contiene fibre sia rapidamente che lentamente fermentabili è raccomandata negli alimenti per animali sani. "Il testo continua dicendo che" la fibra in eccesso può avere effetti indesiderati.

Ad esempio, alcuni tipi di fibre diminuiscono l'assorbimento dei minerali. Gli effetti sull'assorbimento di minerali variano a seconda del tipo di fibra e del minerale. Fibre più rapidamente fermentabili (ad esempio, pectine e gomma di guar) sembrano diminuire la disponibilità di alcuni minerali, mentre le fibre che contengono più cellulosa hanno scarso effetto sull'assorbimento di minerali.

"Le fibre in eccesso possono diluire il contenuto energetico e nutrizionale del cibo a tal punto che un animale potrebbe avere difficoltà a mangiare una quantità di cibo sufficiente a soddisfare i suoi bisogni."

Come potete sapere se un alimento contiene "troppi" carboidrati totali? Del resto, come potete capire quanti carboidrati contiene un alimento? Le percentuali minime garantite di proteine e grassi e le percentuali massime di fibra e umidità devono comparire per legge sull'etichetta di cibo per animali. Ma solo i proprietari particolarmente interessati sono in grado di dedurre il contenuto approssimativo di carboidrati di un alimento; dovreste chiamare il produttore del cibo e chiedere informazioni o fare alcuni calcoli.

Per calcolare approssimativamente la percentuale di carboidrati in un alimento, leggete l'analisi garantita sull'etichetta e sottraete la quantità di proteine, grassi, umidità e ceneri dal 100%; il contenuto di carboidrati è ciò che rimane. (Potrebbe essere necessario contattare l'azienda per conoscere il contenuto di ceneri del cibo, neanche quello è obbligatorio per l'etichetta).

Le quantità "ideali" di carboidrati variano a seconda del cane

In definitiva, spetterà al vostro cane - e alle vostre capacità di osservazione - determinare cosa costituisca "troppi" e "troppo pochi" carboidrati nella sua dieta; non esiste una percentuale "ideale" di carboidrati in una dieta canina. Dipende totalmente dal cane, dicono Sean Delaney, e Sally Perea, veterinari nutrizionisti. I dott. Delaney e Perea sono d'accordo sul fatto che alcuni cani stanno bene con cibi a basso contenuto di carboidrati e altri no; dipende dall'individuo.

La dott.ssa Wynn aggiunge:

"Cani diversi digeriscono i cereali in modi diversi. Alcuni cani hanno feci di ottima qualità quando mangiano cereali, altri no. Come specie, il cane domestico non ha un unico profilo nutrizionale lineare."

Dato che non esiste un ideale comunemente accettato per il contenuto di carboidrati delle diete canine, non ci sono standard per i livelli di carboidrati bassi, moderati o alti. I dottori Delaney e Perea dicono che classificano il contenuto di carboidrati nel cibo per cani come "basso" quando meno del 20-25% delle calorie presenti nella dieta proviene dai carboidrati. Classificano come alimenti "moderati" quelli contenenti il 25-40% (e anche fino al 60%) di calorie attribuibili ai carboidrati. Tutti e tre i veterinari avvertono che per i cani intolleranti ai grassi o che soffrono di malattie come l'ipertrigliceridemia (alti livelli di grassi nel sangue) e pancreatite, potrebbe essere necessario evitare diete molto povere di carboidrati a causa del loro contenuto di grassi, solitamente più alto. Per chi richiede diete a basso contenuto di grassi, di solito è necessario aumentare la quantità di cibo contenente carboidrati.

I dottori Delaney e Perea affermano che i cereali integrali potrebbero non essere adatti per tutti gli animali, poiché contengono una quantità rilevante di fibra alimentare, che potrebbe essere (o non) desiderabile per i cani. Offrire dei cibi contenenti fibre è utile per tenere sotto controllo diverse malattie intestinali. I cibi fibrosi hanno l'abilità di ritardare lo svuotamento gastrico, rallentare il tempo di passaggio nell'intestino tenue, legare le tossine e gli acidi biliari, e regolare il movimento intestinale.

Per la femmina incinta/in allattamento, si raccomanda di fornire alimenti contenenti carboidrati e amidi facilmente digeribili. Il libro Small Animal Clinical Nutrition (in inglese) osserva:

"La gestazione e l'allattamento aumentano la necessità di glucosio per sostenere la crescita fetale e la sintesi del lattosio nel latte. Le anomalie fetali, il riassorbimento degli embrioni, la chetosi e la ridotta produzione di latte sono possibili effetti avversi dell'apporto inadeguato di carboidrati durante la gestazione e l'allattamento."

Quando limitare l'assunzione di carboidrati del vostro cane

Ci sono momenti, tuttavia, in cui le fonti di carboidrati (compresi i cereali) nella dieta di un cane sono controindicate. La dott.ssa Wynn ha notato che alcuni cani hanno mostrato miglioramenti quando sono passati da una dieta ad alto contenuto di carboidrati a una più moderata, fino a cibi a basso contenuto di carboidrati.

"Nel caso di animali con condizioni croniche di molti tipi, il problema potrebbe essere un intestino malato. Eravamo abituati a chiamarlo (e lo facciamo ancora) intestino gocciolante, ma recentemente i gastroenterologi sono giunti a convenire che la condizione esiste, la chiamano intestino iperpermeabile. L'infiammazione cronica dell'intestino può apparire a causa di allergie alimentari o processi infiammatori meno conosciuti come la malattia infiammatoria intestinale. Anche una gastroenterite transitoria o una terapia antibiotica possono portare a infiammazioni del rivestimento dell'intestino."

Cosa ha a che fare questo con i carboidrati? La dott.ssa Wynn spiega che l'infiammazione cronica dell'intestino consuma gli strati superficiali del rivestimento mucoso. Questo è il luogo in cui le cellule secernono enzimi e altri prodotti necessari alla normale digestione, all'assorbimento e addirittura al sistema immunitario.

Quando lo strato superficiale dell'intestino viene consumato a causa di un'infiammazione, è possibile che gli enzimi digestivi vadano perduti. I disaccaridi - un prodotto della digestione di carboidrati complessi nello stomaco e nell'intestino superiore - scorrono nell'intestino tenue dove gli enzimi di solito li digeriscono ulteriormente in una forma facilmente assimilabile. Se i disaccaridi non vengono assorbiti, attirano acqua nell'intestino, con conseguenti feci molli o diarrea.

Il problema peggiora con il passare del tempo, il malassorbimento di carboidrati porta a un aumento della fermentazione batterica, causando gas e disagio. La proliferazione batterica può di per sé portare alla diarrea.

Se durante tutto questo, il cane passa a una dieta senza cereali o con pochi carboidrati, potrebbe finalmente migliorare. L'avvertimento della dott.ssa Wynn è che i cereali spesso si prendono la colpa, quando, in realtà, la radice del problema probabilmente era qualcosa di esterno all'intestino. "Sebbene l'allergia possa o meno essere una componente della reazione osservata quando i cereali vengono offerti a questi animali, il sovraccarico di carboidrati sembra essere un problema più grande", afferma.

"La buona notizia è che queste 'allergie' non sono permanenti, a meno che il paziente non abbia una deficienza genetica da disaccaridasi (che è molto rara in cani e gatti). In generale tutto ciò che serve è: bilanciare le popolazioni batteriche con i probiotici, modificare la dieta in modo che contenga livelli di carboidrati più bassi e proteine a volte diverse, e affrontare la causa iniziale dell'infiammazione intestinale."

"Che il proprietario voglia tornare o meno alla dieta ad alto contenuto di carboidrati dipende da altri fattori, come la filosofia del proprietario, disponibilità economica per acquistare i più costosi prodotti a base di carne e se il cane ha problemi di peso. L'intolleranza temporanea ai carboidrati è diversa dalle allergie alimentari" sostiene la dott.ssa Wynn.

Le diete a basso contenuto di carboidrati sono a volte raccomandate per cani affetti da diabete e cancro. Gli studi clinici condotti da Gregory Ogilvie, veterinario, suggeriscono che una dieta a basso contenuto di carboidrati e ricca di grassi contenenti olio di pesce e arginina ha accelerato il tempo di remissione nei pazienti con linfoma e potrebbe prolungare l'intervallo di libertà dalla malattia. Ma se il cane affetto da cancro è obeso, aggiunge la dott.ssa Wynn, potrebbe essere necessario un approccio leggermente diverso; il suo consiglio è di optare per una proteina a basso contenuto di grassi, come il tofu, spesso insieme a una piccola quantità di amido, molte verdure, integrate con vitamine e minerali appropriati.

L'enteropatia o celiachia indotta da glutine, è una malattia infiammatoria genetica e cronica dell'intestino tenue che colpisce l'uomo. Un disturbo analogo è stato identificato in alcuni setter irlandesi e si sospetta che abbia effetti anche sulle altre razze, sebbene non siano ancora state studiate. Gli animali colpiti sviluppano diarrea, perdita di peso e cattive condizioni dopo essere stati nutriti con una dieta che include il glutine, una sostanza proteica presente in alcuni cereali, tra cui grano, orzo, segale e triticale; se l'avena sia controindicata è discutibile.

Nei setter irlandesi oggetto di studio, l'enteropatia sensibile al glutine è risultata essere una condizione familiare (genetica) e ha cominciato a manifestarsi a circa 4-6 mesi d'età. Una dieta priva di glutine ha risolto i sintomi. Alcune fonti di carboidrati prive di glutine includono patate, riso, soia, amaranto, quinoa e grano saraceno.

Metodi per considerare il contenuto di carboidrati nella dieta del vostro cane

Poche etichette di cibo per cani elencano il contenuto di carboidrati del cibo (non è richiesto legalmente). Se non è lì, i dott. Delaney e Perea suggeriscono di chiamare l'azienda produttrice e chiedere la "distribuzione calorica" del cibo. Così otterrete le percentuali di proteine attribuibili a proteine, grassi e carboidrati. Questo se i rappresentanti dell'azienda sono in grado o autorizzati a fornire queste informazioni. (La gamma di professionalità tra i rappresentanti del servizio clienti delle aziende di cibi per animali è sbalorditiva).

Per calcolare approssimativamente la percentuale di carboidrati in un alimento, controllate l'analisi garantita sull'etichetta e sottraete dal 100% proteine, grassi, umidità e contenuto di ceneri. (Potrebbe essere necessario contattare il produttore o consultare il sito web per ottenere il contenuto di ceneri, non è obbligatorio per l'etichetta.). Il resto è la percentuale approssimativa di carboidrati e include la fibra grezza presente del cibo.

La quantità massima di fibra grezza - la parte insolubile della fibra del cibo, senza valore nutrizionale - è richiesta sulle etichette di cibo per animali. Alcuni alimenti hanno totali di carboidrati simili, ma percentuali di fibra grezza diverse. Una percentuale di fibra grezza relativamente alta potrebbe indicare fonti di fibra di bassa qualità (i famigerati "riempitivi"), o indicare l'intento del produttore di fornire la cosiddetta "fibra soddisfacente, ma a basso contenuto calorico" - o entrambe le cose. - Nancy Kerns

Poiché i dott. Delaney e Perea erano i nutrizionisti veterinari che raccomandavano di chiedere la "distribuzione calorica" di vari alimenti, e lavorano per i prodotti Natura Pet, non abbiamo avuto sorprese quando abbiamo chiamato il servizio clienti di Natura Pet e chiesto la distribuzione calorica della Formula Pollo & Tacchino priva di cereali, ci hanno dato subito le informazioni richieste: calorie da proteine: 39,5%; calorie da grassi: 502%; calorie da carboidrati: 10,4%.

È importante ribadire che alcune aziende non possono o non vogliono offrire queste informazioni.

100% Contenuto nutrizionale
-42% Proteine
-22% Grassi
-10% Umidità
-11.7% Ceneri
= 14.3% Carboidrati

Poi, abbiamo calcolato la percentuale di carboidrati presente nello stesso cibo. L'etichetta non comprende le ceneri, quindi abbiamo dovuto controllare sul sito della Natura Pet. Usando il resto delle informazioni contenute nell'etichetta, abbiamo sottratto le percentuali di proteine, grassi, umidità e ceneri dal 100%, ciò che è rimasto è il contenuto approssimativo di carboidrati presenti nel cibo.

È interessante paragonare le quantità di carboidrati in cibi che hanno scopi diversi; è anche interessante comparare la percentuale di fibra grezza e quella di carboidrati.

Una decisione individuale

La dott.ssa Wynn sconsiglia le diete formulate con alte concentrazioni di carboidrati semplicemente per limitare il costo dell'alimentazione del cane. Ma crede che non vi sia alcun motivo per evitare espressamente i carboidrati a meno che un cane non abbia un'intolleranza specifica o qualche condizione che richiede l'uso di una dieta a basso contenuto di carboidrati.

Ricordate che "la dieta migliore" è una questione individuale. La strategia del vostro amico per nutrire il suo Golden Retriever non sarà necessariamente la migliore per il vostro.

Leggete le etichette, capite cosa state somministrando, consultate il produttore in caso di alimenti commerciali e offrite il cibo più pregiato che potete permettervi. Come ogni cosa che facciamo con i nostri cani, fate attenzione a ciò che il vostro cane sta dicendo, e dopo aver raccolto la ciotola del cibo ogni giorno, lasciate che il vostro cane e la sua salute determinino cosa è meglio per lui.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 9 persone con una media di 4.9 su 5.0)

Ebook: Guida alla dieta crudista per Cani

Guida alla dieta crudista per Cani

Ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty