Il cibo ipoallergenico per cani funziona davvero? E perché?

Scritto da dott.ssa Barbara Lombardi nella categoria Cani
Il cibo ipoallergenico per cani funziona davvero? E perché?

Se il tuo cane soffre il prurito, il tuo veterinario avrebbe potuto suggerirti una "dieta di prova" o una "dieta ad eliminazione" usando il cibo ipoallergenico come soluzione più efficace (1).

Molte persone hanno familiarità con altri prodotti etichettati come "ipoallergenici", come i cosmetici, ma sentiamo raramente questo termine associato al cibo. Quindi cosa è esattamente il cibo ipoallergenico per cani, e funzionerà per il tuo cane?

Cosa è il cibo ipoallergenico?

È comune oggigiorno per le compagnie produttrici di cibo per animali rilasciare un tipo di cibo ipoallergenico che va fianco a fianco con il cibo per cani normale. Ma non tutto il cibo ipoallergenico funziona per ogni cane o per ogni problema di salute per il quale potrebbe essere comprato.

Nel senso più basico, il cibo ipoallergenico è più facile da digerire ed assorbire.

Quando si parla di cibo per animali, il termine "ipoallergenico" significa che il cibo potrebbe ancora contenere potenziali allergeni, ma la loro struttura molecolare è così piccola che il corpo del cane non le riconosce. Questo processo è fatto rompendo le vitamine o idrolizzandole.

La proteina idrolizzata è un tipo di proteina degradata (idrolizzata) dentro amino acidi, che sono molto piccoli. Tuttavia, questo tipo di proteine forniscono un insieme completo degli aminoacidi essenziali di cui il corpo del cane necessita. Questo è fatto così che i cani che abbiano un sistema digestivo sensibile non debbano lavorare duramente per digerire il loro cibo.

Le allergie al cibo, nei cani, sono riconosciute e scoperte in un modo simile alle persone, e ricerche dimostrano che persone e cani condividono molte similarità nelle allergie alimentari (2).

Quali cibi per cani sono veramente ipoallergenici?

Il termine "ipoallergenico" non ha nessuna definizione legale quando si parla di cibo per animali.

Di conseguenza, i proprietari di cani devono essere consapevoli quando cercano "cibo per allergie alimentari", dato che molti brand potrebbero avere la parola "ipoallergenico" sulla loro confezione, senza includere nessun ingrediente idrolizzato. Se il cibo non contiene il termine "idrolizzato" sull'etichetta con gli ingredienti, o se contiene più di una risorsa di proteina, allora non è ipoallergenico.

Sfortunatamente, le regole di etichettatura del cibo per animali non sono così rigide come quelle richieste per il cibo delle persone.

A causa della mancanza di regolamenti sul cibo per animali domestici, le compagnie trovano scappatoie per etichettare erroneamente i loro prodotti ed è ancora legale per loro farlo. Per esempio, ho visto molti blogger scrivere che il brand Orijen è "ipoallergenico". Ciò non è vero - Orijen formula per adulti contiene più di una risorsa di proteine, con i più comuni allergeni - uova, pollame e pesce.

Mentre Orijen è un ottimo cibo per cani di per sé, non funzionerà per cani con allergie.

Detto questo, ci sono ancora un paio di cose che devi sapere riguardo il cibo per cani ipoallergenico, come hanno effetto specificamente sul cane e come scegliere quello giusto per il tuo animale. Con così tante controversie nel market del cibo per animali, mi piacerebbe che i proprietari di cani stiano informati.

Funziona il cibo ipoallergenico per cani? (e cos'altro i proprietari di animali devono conoscere)

Perché esiste il cibo ipoallergenico per cani?

Le diete ipoallergeniche sono state elaborate per i cani e i gatti che soffrono di allergie alimentari (3).

Le allergie alimentari negli animali domestici causano una vasta gamma di problemi - dal prurito cronico o alla pelle infetta, alle infezioni dell'orecchio, ai problemi del tratto gastrointestinale e altro ancora. Le allergie alimentari nei cani sono spesso causate da ingredienti conosciuti che l'animale ha mangiato prima.

Diversi studi dimostrano (4) che il tipo più comune di alimenti a cui i cani sono allergici sono carne di manzo, latticini, pollo e grano. Ulteriori studi (5) aggiungono che i cani possono essere allergici ad ancora più alimenti, con la carne stando sull'ultimo scalino:

Allergene n (%) Allergene n (%)
Pollo 61/101 (60.4) Grano 26/101 (25.7)
Tacchino 55/96 (57.3) Pomodoro 24/96 (25.0)
Lievito di birra 40/96 (41.7) Carote 23/96 (24.0)
Soia 37/101(36.6) Fuco 16/96(16.7)
Mais 33/101 (32.7) Agnello 13/96 (13.5)
Riso 33/101 (32.7) Saggina 13/96(13.5)
Orzo 29/96(30.2) Maiale 13/101 (12.9)
Uova 29/101 (28.7) Manzo 11/101 (10.9)
Piselli 27/96 (28.1) Patata bianca 10/96 (10.4)
Latte 28/101 (27.7) Coniglio 6//6(6.3)
Fiocchi d'avena 25/96(26.0) Carne di cervo 5/101 (5.0)

La tabella mostra i cibi più comuni a cui sono allergici i cani.

Come mai i cani sono allergici ad alcuni cibi?

Di default, il sistema immunitario dei cani e degli umani dovrebbe proteggere il corpo da invasori estranei che potrebbero ferirlo, come virus e batteri.

Le allergie nei cani si verificano quando il corpo del cane reagisce in maniera eccessiva ad una sostanza che è innocua, etichettandola falsamente come "invasiva".

Per ragioni che la scienza non comprende ancora a pieno, in certi individui e canidi, il sistema immunitario è ultra sensitivo, e reagisce con sintomi allergenici a certe sostanze che solitamente sono innocue. Alcune di queste allergie possono essere collegate geneticamente nei cani, mentre altre possono spiegarsi ad esposizioni precedenti a certi tipi di cibo.

La ragione che spiega il perché la maggior parte dei cibi ipoallergenici alterano le loro proteine è perché degli studi hanno dimostrato che le proteine sono ciò a cui sono allergici di solito i cani e i gatti (6).

Tipicamente, è veramente difficile identificare esattamente a quale cibo il cane potrebbe essere allergico. Questo è il motivo delle diete ad eliminazione usando il cibo ipoallergenico, è il metodo più efficace che abbiamo oggi che consenta ai veterinari e ai proprietari di identificare esattamente a che cibo il cane potrebbe essere allergico (7).

Sono efficaci le diete ipoallergeniche per cani?

La maggior parte delle volte, le diete ipoallergeniche funzionano. Mentre non potrebbe essere un modo sicuro, o il modo più veloce per capire a quali alimenti il cane può essere allergico, alcuni studi hanno dimostrato che la dieta ad eliminazione con i cibi ipoallergenici e i test gastroscopici per testare la sensibilità ad alcuni cibi, sono i migliori approcci che abbiamo (8, 9, 10).

Le diete ipoallergeniche sono specialmente adatte ai cani talmente allergici che non rispondono ad altri tipi di dieta, nonostante ciò, questo non è sempre il caso:

  • Allergie alimentari
  • Dermatiti atopiche (il 10% di cani con la dermatite atopica avrà allergie alimentari)
  • Malattia infiammatoria intestinale (IBD)
  • Linfangectasia

I proprietari devono essere consapevoli del fatto che il semplice passaggio dal loro cane o gatto a una dieta ipoallergenica non cambierà le loro condizioni durante la notte. Gli studi hanno analizzato (11) la lunghezza di utilizzo di cibo ipoallergenico per cani, e scoperto che mentre 3 settimane sono a volte abbastanza, è solitamente raccomandabile lasciare il cane seguire questa dieta per almeno 10 settimane.

Inoltre, altre questioni che possono interferire con le allergie del cane, come la presenza di una infezione della pelle, devono essere scoperte prima di un cambiamento completo di dieta [(5)].

Quali sono dei buoni cibi ipoallergenici per cani?

La maggior parte dei cibi ipoallergenici o idrolizzati disponibili, sono su prescrizione veterinaria; comunque, esistono degli alimenti che i proprietari solitamente i proprietari di animali scelgono. Parla col tuo veterinario riguardo a quale dieta sia la migliore per il tuo animale.

Cosa aspettarsi quando si passa ad una dieta per allergie

Il tuo veterinario ti darà istruzioni specifiche per passare dalla vecchia dieta del tuo cane ad un nuovo regime alimentario ipoallergenico. Solitamente, il passaggio è fatto gradualmente. Questo aiuterà a prevenire qualsiasi problema di digestione per il tuo cane.

Qui alcuni suggerimenti da tenere in mente quando si passa ai cibi ipoallergenici per cani:

  1. Compre delle ciotole nuove sia per l'acqua che per il cibo (come gli studi menzionati sopra dimostrano, le vecchie ciotole, specialmente quelle di plastica, possono contenere allergeni anche se lavate nella lavastoviglie).

  2. Esegui il passaggio lentamente. Inizia mischiando nel suo vecchio cibo quello nuovo e ipoallergenico per 3-4 giorni, poi passa solo al cibo ipoallergenico.

  3. Non dare al tuo cane nessun biscottino, nessun bastoncino di carne o ossa, non deve masticare niente che potrebbe contenere ingredienti non ipoallergenici.

  4. Non dare al tuo cane nessuno del tuo cibo per la stessa ragione.

  5. Come gli studi sopra citati dimostrano, è meglio nutrire il tuo cane esclusivamente con il cibo ipoallergenico per almeno 6-8 settimane, possibilmente 10.

Dopo il periodo di prova per la nuova dieta di 6-10 settimane, molti proprietari di cani sapranno se il nuovo cibo funziona davvero o meno. Avrai bisogno di consultare il tuo veterinario sui segni che potresti vedere o meno nel tuo animale domestico, che potrebbero potenzialmente indicare gli allergeni.

A volte, il tuo cane potrebbe ritornare alla sua vecchia dieta di croccantini di alta qualità a patto che eviti certi ingredienti. Altre volte, avrai bisogno di integrare del cibo fatto in casa. Occasionalmente, se la dieta ipoallergenica è l'unica cosa che funziona per il tuo cane, allora potrebbe diventare un cambiamento per tutta la vita per evitare ogni problema.

Perché il cibo ipoallergenico per cani è così costoso?

È vero che quando passerai ad una dieta ipoallergenica probabilmente avrai bisogno di aumentare il budget per nutrire il tuo cane. La spiegazione più comune di questa crescita così costosa è che queste diete richiedono anni, se non decadi, per essere sviluppate e testate.

I processi che il cibo ipoallergenico richiede per essere creato costano di più che la normale produzione del cibo regolare. Per esempio l'Hill's Science Diet riporta che il suo cibo ipoallergenico, z/d ultra, viene esclusivamente prodotto in una struttura separata dal resto delle altre dove vengono create le loro altre marche di prodotto alimentari per cani.

Loro spiegano che ciò elimina la contaminazione incrociata di allergeni da parte delle altre produzioni. L'equipaggiamento, la manutenzione e il personale separato sono da aggiungere al costo complessivo.

Quali sono le alternative alla dieta ipoallergenica?

Come indicano le ricerche qui sopra, la dieta ad eliminazione con gli alimenti ipoallergenici è la via più battuta per trattare le allergie alimentari nei cani. Ma esiste un'alternativa.

Per i canidi con allergie alimentari, i veterinari usano una di due tipi di diete quando occorrono delle allergie. La prima è la dieta ipoallergenica e l'altra è ciò che viene chiamata dieta di nuove proteine o dieta dei carboidrati. Queste proteine/carboidrati introducono una singola risorsa di proteine ed una singola risorsa di carboidrati nella dieta del cane.

Idealmente, sono proteine e carboidrati a cui il cane non sia mai stato esposto prima. Molte di queste diete includono comunemente carne di animali selvaggi o pesce, come carne di cervo, salmone, agnello o anatra (6). Le fonti di carboidrati possono contenere vegetali come patate dolci o piselli.

Queste diete di proteine/carboidrati sono introdotte al cane nella stessa maniera della dieta ipoallergenica spiegata qua sopra. Spesso sono un filino meno care rispetto alle diete ipoallergeniche ma richiedono comunque la prescrizione veterinaria.

Se il tuo veterinario ti consiglia una dieta di proteine/carboidrati allora potrebbe essere possibile cucinare a casa per il tuo cane usando delle ricette appropriate fatte in casa che funzioneranno per il tuo cane. Se la cucina a casa ti interessa, chiedi definitivamente al tuo veterinario di consigliarti per un nutrizionista. Il nutrizionista può formulare una ricetta specificatamente adeguata ai bisogni del tuo animale.

Cos'altro posso fare?

Quando il tuo cane ha un'allergia, la prima cosa da fare è parlare con il tuo veterinario e formulare un piano di azione. Come discusso sopra, la dieta ad eliminazione usando sia cibo ipoallergenico o la dieta a base di proteine/carboidrati è la soluzione più efficace per condurti al successo.

Tuttavia, studi hanno dimostrato (12, 13) che includere una grande quantità di Omega-3 nella dieta del tuo cane può aiutare con le allergie e a migliorare gli altri fattori riguardanti la sua salute (14). Il miglior modo di aggiungere l'Omega-3 dentro la dieta del tuo cane è fornendogli dei supplementi di olio di pesce.

Un'altra cosa da considerare sono i probiotici per cani. Non esiste alcuna prova (15) su quanto siano efficaci i probiotici sui cani con allergie (o sulla loro salute in generale), ma esistono una marea di studi sugli effetti positivi sulle persone con allergie (16, 17). Come stabilito sopra, cani e umani hanno molto in comune quando si ricorre a dover trattare con delle allergie.

Trova un modo per aggiungere una di queste cose nella dieta del tuo cane, sia attraverso supplementi o aggiungendo olio di pesce e probiotici nel cibo del tuo cane. Comunque, discutine prima con il tuo veterinario così da poter seguire con successo la dieta ad eliminazione.

Barbara Lombardi
dott.ssa Barbara Lombardi

Barbara Lombardi è una veterinaria nonché scrittrice freelance specializzata sul tema della salute e del benessere degli animali domestici. Amante appassionato di cani e gatti, Barbara ha una grande esperienza nella scrittura di articoli sulla cura dei nostri amici animali.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 7 persone con una media di 4.9 su 5.0)

Ebook: Guida alla dieta crudista per Cani

Guida alla dieta crudista per Cani

Ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty